Ven. Mag 24th, 2024
GSK vende la quota rimanente di Haleon

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

GSK sta vendendo la sua quota rimanente in Haleon, la società di assistenza sanitaria di consumo da essa scorporata e quotata a Londra nel luglio 2022, con una mossa che sottolinea come i gruppi farmaceutici stanno razionalizzando le loro attività per concentrarsi su farmaci di alto valore.

La vendita della quota del 4,2% aiuterà l’azienda farmaceutica FTSE 100 a raccogliere poco più di 1 miliardo di sterline, sulla base dell’attuale valutazione di Haleon. Questa mossa segna la fine dei legami tra GSK e il produttore degli antidolorifici Panadol e del dentifricio Sensodyne.

L'uscita dell'azienda farmaceutica britannica da Haleon era stata anticipata e aveva effettuato tre precedenti cessioni di azioni dal maggio 2023, quando deteneva il 12,9% delle azioni della società.

In totale, si prevede che le cessioni di azioni nell’ultimo anno aiuteranno GSK a raccogliere poco meno di 4 miliardi di sterline, che potranno essere reindirizzati alla riduzione del debito o per fusioni e acquisizioni.

La quotazione e la vendita delle azioni sono avvenute mentre le aziende farmaceutiche cercano di concentrarsi sullo sviluppo di nuovi farmaci che possono essere venduti a prezzi elevati e sul taglio delle divisioni a basso reddito come l’assistenza sanitaria per i consumatori.

Haleon è stata costituita nel 2019 come joint venture tra le attività di salute dei consumatori di Pfizer e GSK. La decisione di quotare la divisione nel 2022 ha segnato la più grande offerta pubblica a Londra degli ultimi dieci anni.

Ciò è avvenuto dopo anni di pressioni da parte degli azionisti, con l’investitore attivista Elliott Advisors che ha creato una partecipazione nel produttore farmaceutico britannico e ha spinto GSK ad accelerare il processo.

Haleon ha intrapreso un proprio programma di ristrutturazione, adottando misure per vendere marchi non principali, come la vendita del marchio di balsami per labbra ChapStick al gruppo di private equity Yellow Wood Partners per 430 milioni di dollari.

GSK non è l’unica azienda farmaceutica ad adottare misure per razionalizzare la propria attività. Anche la francese Sanofi si sta preparando per una potenziale separazione della sua divisione sanitaria di consumo, mentre Johnson & Johnson ha creato la sua divisione consumer Kenvue nel 2023.

Pfizer ha mantenuto una partecipazione del 32% in Haleon dopo la sua IPO e continua a detenere una posizione del 18,3%. Anche la casa farmaceutica statunitense ha ridotto la propria partecipazione negli ultimi mesi e prevede di uscire eventualmente dalla società.

Annunciando la vendita dopo la chiusura del mercato giovedì, GSK ha affermato che il prezzo di offerta sarà determinato attraverso un processo di offerta bookbuild accelerato che inizierà immediatamente.