Dom. Lug 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I direttori repubblicani della Federal Deposit Insurance Corporation hanno chiesto al presidente dell’agenzia di astenersi da un’indagine sulle accuse di diffuse molestie sessuali e discriminazione presso l’ente regolatore bancario statunitense.

Il presidente della FDIC Martin Gruenberg ha detto questa settimana che l’autorità di regolamentazione ha incaricato lo studio legale BakerHostetler di condurre una valutazione indipendente “dall’alto verso il basso” del suo posto di lavoro a seguito delle accuse secondo cui i dipendenti avevano subito molestie e misoginia nel corso di diversi anni.

Travis Hill, vicepresidente della FDIC, e il direttore Jonathan McKernan, hanno chiesto giovedì che l’indagine venga gestita dal consiglio dell’agenzia e non dal management.

“La revisione deve esaminare tutta la condotta descritta nelle recenti notizie, in tutte le parti dell’organizzazione, compresa quella del presidente e del consigliere generale, e deve ricusare completamente [themselves] dal processo”, hanno scritto Hill e McKernan in una dichiarazione congiunta.

Un portavoce della FDIC non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Gruenberg.

La pressione dei due repubblicani nel consiglio di cinque persone rappresenta l’ultima conseguenza dei rapporti di questa settimana del Wall Street Journal che denunciano una “atmosfera tossica” di lunga data per le donne sul posto di lavoro della FDIC e mettono in discussione il management di Gruenberg.

Sherrod Brown, un senatore democratico dell’Ohio, ha chiesto all’ispettore generale della FDIC di condurre un’indagine indipendente sulla cultura lavorativa dell’agenzia.

Un alto funzionario della FDIC ha detto che il consiglio dell’agenzia non si è ancora riunito a seguito delle accuse e che i membri del consiglio non sono stati consultati sull’assunzione dello studio legale esterno che sta conducendo la revisione.

Il consiglio della FDIC aveva programmato un incontro giovedì, in cui i membri del consiglio repubblicano avrebbero espresso le loro preoccupazioni su come Gruenberg e il management dell’agenzia stavano gestendo la revisione. Ma l’incontro è stato annullato poco prima dell’inizio previsto.

“Il consiglio dovrebbe avere più informazioni sull’indagine di quante ne abbia in questo momento”, ha detto giovedì McKernan al MagicTech.

L’analista di TD Cowen Jaret Seiberg ha avvertito che le dimissioni di Gruenberg dalla FDIC rischiano di rallentare in attesa dei cambiamenti politici, inclusa la proposta di implementazione negli Stati Uniti degli standard bancari di Basilea III. I requisiti, che costringerebbero le banche a rafforzare le proprie riserve finanziarie, sono stati osteggiati da molti nel settore.

“Questo perché il consiglio della FDIC è diviso tre a due, con i democratici che detengono la maggioranza. La perdita di un voto democratico si tradurrebbe in un’agenzia divisa in due a due. Ciò è importante, poiché è necessaria la maggioranza dei voti per definire una regola”, ha scritto giovedì Seiberg, che è amministratore delegato del gruppo di ricerca di Washington di TD Cowen, in una nota ai clienti.

Hill, che ha votato contro le proposte di Basilea III, diventerebbe presidente della FDIC se Gruenberg dovesse lasciare il suo ruolo.