Venerdì si è riaccesa una caotica svendita di gilt quando gli investitori hanno avvertito che il tentativo di Liz Truss di rassicurare i mercati eliminando un taglio dell’imposta sulle società di 18 miliardi di sterline non è stato sufficiente per riportare il Regno Unito su una traiettoria fiscale sostenibile.

Gli investitori hanno affermato che l’ultima inversione di marcia, in cui il primo ministro ha licenziato il cancelliere Kwasi Kwarteng e ha abbandonato un pezzo centrale del “mini” Budget del mese scorso, non sarà sufficiente per ripristinare la fiducia nei mercati britannici, innescando rinnovate speculazioni sulla necessità della Banca d’Inghilterra di estendere il suo intervento di acquisto di obbligazioni di emergenza oltre la scadenza di venerdì.

I rendimenti dei gilt a lungo termine, che erano crollati in previsione della rottura del pacchetto di tagli fiscali non finanziati da 45 miliardi di sterline di Kwarteng, sono aumentati venerdì pomeriggio. Il rendimento a 30 anni ha chiuso la settimana a circa il 4,8%, dopo essere sceso all’inizio di venerdì fino al 4,2%, oscillazioni gigantesche per un mercato che in genere si muove con incrementi molto più piccoli.

“Il mercato sperava in molto di più”, ha affermato Mark Dowding, chief investment officer di BlueBay Asset Management. “Non sembra abbastanza un perno in questa fase.”

L’economista di JPMorgan Allan Monks ha aggiunto che “saranno necessarie ulteriori misure per dimostrare la sostenibilità fiscale a medio termine”.

Le perdite per i titoli di stato del Regno Unito sono arrivate dopo che la BoE ha acquistato solo 1,4 miliardi di sterline di gilt nell’ultima rata del suo intervento di emergenza di due settimane e mezzo che aveva contribuito a arginare una crisi di liquidità nel settore delle pensioni.

I 19 miliardi di sterline di acquisti nelle ultime due settimane e mezzo sono stati di gran lunga inferiori alla dimensione massima di 65 miliardi di sterline del programma. I bassi volumi hanno spaventato gli investitori, spingendo la BoE ad ampliare il campo di applicazione se il suo intervento di questa settimana per includere le obbligazioni indicizzate all’inflazione, poiché una nuova ondata di turbolenza nel mercato dei gilt ha fatto salire i rendimenti a 30 anni oltre il 5%.

La BoE ha inizialmente messo in atto l’intervento di emergenza il 28 settembre, cinque giorni dopo che il “mini” Budget di Kwarteng ha innescato una potente svendita di gilte. Il calo dei prezzi dei gilt aveva innescato un circolo vizioso in cui i regimi pensionistici, colpiti da richieste di garanzie collaterali, vendevano rapidamente gilt in un mercato in calo. La BoE si è preoccupata del fatto che, se non fosse intervenuta, i fondi pensione avrebbero potuto abbandonare fino a 50 miliardi di sterline di gilt in un breve lasso di tempo.

Il governatore della BoE Andrew Bailey è stato enfatico all’inizio di questa settimana sul fatto che lo schema sarebbe terminato venerdì, dicendo al settore pensionistico che avevano solo pochi giorni per vendere asset alla banca centrale al fine di ricostituire i loro depositi di cassa. In privato, i funzionari della BoE hanno detto alle banche prima delle osservazioni di Bailey che la banca era pronta ad estendere i suoi acquisti di obbligazioni se un altro grave attacco di turbolenza si fosse verificato, secondo quanto riportato dal MagicTech all’inizio di questa settimana.

Un alto dirigente con un grande fondo pensione, che non voleva essere nominato, ha detto che la scommessa della BoE, non estendendo il suo programma di sostegno, “non ha dato i suoi frutti”.

“Torneremo al 5% entro lunedì, e poi la giostra ricomincerà”, ha detto la persona, riferendosi al rendimento dei gilt a 30 anni.

L’oscillazione di venerdì ha mostrato che la BoE potrebbe dover rendere esplicita la minaccia di ulteriori acquisti se la spirale al rialzo dei rendimenti dovesse continuare, secondo Salman Ahmed, Global Head of Macro di Fidelity International.

“Il fatto che siano intervenuti è stata una grande affermazione e i mercati dovranno tenere a mente che potrebbero farlo di nuovo”, ha affermato. “Ma penso che questa struttura dovrebbe diventare più una struttura di riserva. Consolidare quella polizza assicurativa è importante”.