Sab. Apr 13th, 2024

I grandi investitori hanno trascorso gran parte del 2023 cercando di cogliere tardivamente un rally del mercato azionario che pochi avevano previsto, o di curare perdite mentre “l’anno dei bond” falliva. Ma l’anno ha anche offerto grandi vittorie ai trader disposti a tuffarsi in mercati più esoterici. Ecco le nostre principali operazioni di nicchia.

Le obbligazioni in dollari turchi salgono

Le obbligazioni turche in dollari statunitensi hanno registrato un forte rialzo nel 2023, registrando i maggiori guadagni tra tutti i principali componenti del principale indice a reddito fisso dei mercati emergenti, mentre gli investitori hanno accolto con favore i segnali che il paese avrebbe perseguito un corso politico più convenzionale.

Il debito turco incluso nell’indice obbligazionario JPMorgan EMBI Global Diversified, un indicatore ampiamente utilizzato come punto di riferimento dai gestori di fondi dei mercati emergenti, ha registrato rendimenti di circa il 16% nel 2023. I guadagni hanno superato il rendimento dell’11% ottenuto dall’indice più ampio e ha segnato la migliore prestazione tra i primi 10 componenti del benchmark in termini di peso.

I forti rendimenti del debito in dollari della Turchia sono arrivati ​​durante un anno turbolento per le attività del paese. Il presidente Recep Tayyip Erdoğan è stato rieletto a maggio e ha sorpreso molti economisti e investitori quando si è allontanato dalle politiche non ortodosse che avevano fatto crollare la lira e lasciato pericolosamente impoverito il fondo di guerra in valuta estera della banca centrale.

Ha nominato Mehmet Şimşek, un ex stratega obbligazionario della Merrill Lynch molto apprezzato, ministro delle finanze e l’ex banchiere della Goldman Sachs Hafize Gaye Erkan capo della banca centrale. Şimşek ed Erkan hanno adottato misure per ricostruire le riserve di valuta estera del paese e hanno aumentato drasticamente i tassi di interesse nel tentativo di rallentare l’inflazione che è al 60%.

Tuttavia, permangono preoccupazioni sulla possibilità che Erdoğan, da lungo tempo oppositore degli alti tassi di interesse, manterrà la nuova strategia in vista delle importanti elezioni locali del prossimo anno. Adamo Sansone

Il grafico lineare di JPMorgan EMBI Global Diversified (Turchia, ribasato) mostra l'impennata del debito in dollari turchi

La potenza dell’uranio è ai massimi da 15 anni

La corsa al rialzo dell’uranio del 2023 è stata il prodotto di due tendenze economiche a lungo termine: la necessità di sicurezza energetica e la spinta verso lo zero netto. Alcuni tori molto rumorosi hanno aiutato.

L’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022 ha costretto i governi di tutto il mondo a riconsiderare la loro dipendenza dalle importazioni di energia, mentre la crescente pressione per ridurre le emissioni di carbonio in linea con gli accordi internazionali ha rinnovato l’attenzione sul nucleare come fonte di energia abbondante, per lo più pulita.

Secondo i dati futures del CME Group, il prezzo dell’elemento soprannominato ‘torta gialla’ ha raggiunto a dicembre il massimo degli ultimi 15 anni pari a 90 dollari la libbra, rispetto ai 50 dollari di inizio anno.

Gli investitori nell’uranio dicono che c’è ancora molta strada da fare. Il colpo di stato in Niger, che detiene circa il 5% delle riserve mondiali, ha causato un piccolo allarme sull’offerta a luglio, poiché la minaccia di una ridotta disponibilità del materiale si è diffusa in Occidente.

Ora Yellow Cake, una società di investimento quotata nel Regno Unito che acquista e detiene uranio, avverte che la Cina sta cercando di ricucire il mercato per soddisfare la sua crescente domanda. E la dipendenza dalla Russia, il più grande esportatore di uranio arricchito necessario alle centrali nucleari, sta suonando un campanello d’allarme a Washington DC e altrove. Arjun Neil Alim

Grafico a linee dello Spot U308 ($ per libbra) che mostra i prezzi dell'uranio in rialzo nel 2023

Solana di nuovo nel solco

Solana, una criptovaluta un tempo pubblicizzata come il futuro della finanza digitale, è tornata in vita quest’anno dopo che il crollo di FTX ha spazzato via oltre il 90% del suo valore.

Uno dei maggiori sostenitori di Solana era stato Sam Bankman-Fried, l’amministratore delegato del fallito scambio di criptovalute, che ne aveva pubblicizzato la promessa di un registro digitale in grado di gestire migliaia di operazioni al secondo, un ostacolo tecnologico che ha superato molte criptovalute, incluso il bitcoin. Quando FTX è crollato, conteneva una grande pila di gettoni Solana. Insieme ai problemi di affidabilità che affliggevano il token, ciò ha spinto un prezzo fino a 250 dollari fino a soli 13 dollari all’inizio del 2023.

Ma Solana ha iniziato lentamente a risolvere i suoi regolari malfunzionamenti – l’ultimo grande è stato a febbraio – e si è gradualmente separata da Bankman-Fried agli occhi degli investitori. Finora quest’anno è aumentato del 560% a 87 dollari.

Tuttavia, l’ambizione che Solana possa un giorno diventare il “Visa del sistema di asset digitali”, secondo le parole di una banca di Wall Street, rimane lontana. Solo il 2% degli investitori da 52 miliardi di dollari che si sono impegnati in progetti per reti finanziarie decentralizzate sono stati destinati a progetti basati sul token. Scott Chipolina

Grafico a linee del prezzo di Solana ($) che mostra che il prezzo del token crittografico Solana è aumentato di oltre il 560% quest'anno.

Hidroelectrica brilla attraverso l’oscurità dell’IPO in Europa

Pochi investitori avrebbero sostenuto che una società idroelettrica rumena fosse in cima alla lista delle più grandi offerte pubbliche iniziali d’Europa nel 2023.

L’IPO da 2 miliardi di dollari della statale Hidroelectrica a Bucarest a luglio – la più grande in Europa dai tempi di Porsche nel settembre 2022 – ha battuto la casa farmaceutica tedesca Schott Pharma e il gruppo di gioco d’azzardo italiano Lottomatica, che hanno raccolto 1 miliardo e 660 milioni di dollari al loro debutto in borsa quest’anno.

Da allora le azioni di Hidroelectrica, uno dei maggiori gruppi europei di energia rinnovabile, sono aumentate di oltre un quinto, regalando grandi guadagni a sostenitori istituzionali tra cui M&G Investment Management, Vanguard e Fiera Capital.

L’IPO stessa è stata “sottoscritta in eccesso più volte” al prezzo di offerta, secondo Hidroelectrica, i cui profitti netti e ricavi del terzo trimestre sono aumentati del 42% e del 32% su base annua. La produzione di elettricità è aumentata del 38% a 14.101 Gigawattora.

Tuttavia, il mercato europeo delle IPO rimane in fase di stasi, con l’appetito degli investitori limitato dalle crescenti preoccupazioni di un rallentamento della crescita economica. Nel frattempo, la promessa di maggiori fondi di capitale negli Stati Uniti si è rivelata troppo allettante per aziende del calibro del produttore di chip Arm e del gruppo di materiali da costruzione CRH, entrambi con sede nel Regno Unito.

Secondo i dati compilati da EY, l’Europa ha rappresentato solo il 5% dei proventi globali delle IPO nel 2023, dietro a Cina e Stati Uniti rispettivamente con il 54% e il 25%. George Steer

Il grafico a linee della variazione percentuale dall'IPO mostra che le azioni di Hidroelectrica superano l'indice europeo più ampio

Saltano i prezzi del cacao

I futures del cacao sono saliti ai massimi storici poiché le condizioni meteorologiche estreme hanno devastato i raccolti nell’Africa occidentale, intaccando le forniture e facendo salire i prezzi del cioccolato per i consumatori globali.

Il contratto futures sul cacao di Londra dell’Intercontinental Exchange – un punto di riferimento globale che consente ai trader di acquistare e vendere singoli ordini fino a 1.000 tonnellate – viene ora scambiato a 3.570 sterline a tonnellata, in crescita del 91% dall’inizio dell’anno. Nel settore delle materie prime soft, solo il succo d’arancia ha registrato un rally maggiore nel 2023.

Gli analisti affermano che le precipitazioni più intense del solito su parti del Ghana, Nigeria e Costa d’Avorio, il principale fornitore mondiale di cacao, hanno esacerbato la diffusione della malattia del baccello nero e ritardato i raccolti. I commercianti ora temono che il clima caldo e secco favorito da El Niño potrebbe ulteriormente ridurre la produzione all’inizio del prossimo anno.

Anche così, è “difficile giustificare la portata del rialzo” dei prezzi del cacao, ha affermato Warren Patterson, responsabile della strategia sulle materie prime presso ING. “Se l’offerta dall’Africa occidentale non si rivela così negativa come temuto, il mercato è in procinto di subire un’aggressiva correzione al ribasso”. George Steer

Grafico a linee del contratto futures del cacao di Londra (£ per tonnellata) che mostra che i futures del cacao salgono al livello record