Sab. Apr 13th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La società statale cilena Codelco per l’estrazione del rame ha raggiunto un accordo con il minatore SQM per acquisire una quota di maggioranza in una nuova partnership per futuri progetti sul litio nel paese, adempiendo all’ordine del presidente di sinistra Gabriel Boric affinché il governo assuma il controllo del metallo delle batterie. produzione.

Il Cile è il secondo più grande estrattore di litio al mondo, rappresentando il 28% della produzione globale nel 2022. Ma ha perso quote di mercato poiché non è riuscito ad espandersi oltre due progetti minerari vecchi di decenni e altri paesi hanno lanciato nuovi progetti. JPMorgan aveva previsto all’inizio di quest’anno che la quota del Cile potrebbe scendere al 10% entro il 2030.

Le uniche due miniere in funzione sono gestite dalla SQM e dalla statunitense Albemarle, entrambe situate in una distesa salata nel deserto settentrionale di Atacama.

SQM ha venduto 156.800 tonnellate di litio nel 2022, che rappresentavano il 20% del mercato globale in termini di volume delle vendite, secondo le stime dell’azienda.

L’accordo è il primo passo nell’implementazione da parte del Cile della strategia nazionale sul litio di Boric, presentata ad aprile, che impone che tutti i progetti sul litio passino o inizino come partenariati pubblico-privati. Il presidente ha sostenuto che la politica garantirà ai cileni di raccogliere i frutti della corsa al metallo in una transizione energetica globale e accelererà l’approvazione del governo per nuovi progetti, anche se gli analisti hanno affermato che potrebbe scoraggiare gli investimenti.

La partnership inizierà nel gennaio 2025, in attesa del rispetto di determinate condizioni, con Codelco che prenderà una quota del 50% più un’azione, ha affermato la società statale. Si farà carico dei contratti di SQM con l’agenzia mineraria governativa cilena Corfo fino al 2030, quando scadranno. La partnership avvierà poi nuovi contratti che dureranno fino al 2060.

In base all’accordo, SQM potrà aumentare la propria quota di produzione nell’Atacama, dove Corfo possiede le attività di litio, fino a 300.000 tonnellate di carbonato di litio equivalente da qui al 2031. Deve dividere i profitti per le ultime 135.000 tonnellate, se sono prodotti, con Codelco.

La produzione dopo il 2031 sarà suddivisa tra le società in base alla loro partecipazione nella partnership.

Assicurando la posizione a lungo termine di SQM nell’area strategicamente importante di Atacama, l’accordo fornisce un po’ di sollievo ad una società le cui azioni sono scese del 24% da quando Boric ha annunciato la sua strategia in aprile. Le azioni di SQM quotate negli Stati Uniti sono aumentate di oltre il 6% nelle negoziazioni after-hour dopo l’annuncio dell’accordo mercoledì.

L’accordo dovrebbe anche fornire un modello per il Cile per iniziare ad aggiudicare contratti ad altre società che vogliono sviluppare le proprie risorse di litio attraverso partenariati pubblico-privati, hanno detto gli analisti.