Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Questa settimana un banchiere mi ha detto che quando incontra mutuatari aziendali e clienti di investimento per discutere di cosa ci aspetta nel 2024, gli fanno sempre la stessa domanda: quali sono i tre grandi rischi? E dà loro sempre la stessa risposta. Uno: le tariffe. Due: le tariffe. E tre: qualcosa di orribile a cui non abbiamo ancora pensato.

Tenendo presente che il punto tre è intrinsecamente impossibile da prevedere o da cui proteggersi, questa valutazione piuttosto grezza ma anche allarmantemente accurata significa che ci ritroviamo bloccati nel mondo di un solo scambio.

Per quanto sia allettante unirsi alla folla che crede che gli utili societari o i fondamentali economici si riaffermeranno come temi di investimento predominanti ora che l’era dei tassi di interesse zero è finita, la politica monetaria statunitense e il relativo impatto sulle obbligazioni rimane il fattore più ovvio per ogni investitore. prestazione.

Abbiamo visto questo spettacolo in glorioso technicolor l’anno scorso. Come si suol dire, nessuno suona il campanello in alto o in basso di una tendenza. Ma quando lo scorso autunno il mercato dei titoli di Stato ha cambiato direzione e ha iniziato a introdurre tagli dei tassi di interesse dopo una lunga e dolorosa serie di rialzi, anche in quel momento è sembrato un grande momento. Ciò che sta diventando sempre più chiaro ora è la misura in cui questo cambiamento è venuto in soccorso ai gestori di fondi di tutto il mondo.

Per i gestori di fondi focalizzati sulle obbligazioni, questo impatto ha un senso istintivo. “Mi piace chiamarlo effetto Rip van Winkle”, ha affermato Jeffrey Sherman, co-chief investment officer della casa di investimento obbligazionaria da 90 miliardi di dollari DoubleLine – un riconoscimento che se in qualche modo avessi dormito per tutto il 2023, avresti trovato quel bond i rendimenti hanno terminato l’anno quasi esattamente dove avevano iniziato.

Per coloro che non riuscivano a dormire così a lungo, tuttavia, i mesi turbolenti nel mezzo erano piuttosto umilianti. “Stava iniziando a sembrare piuttosto doloroso lì in ottobre”, ha detto Sherman. “Gli ultimi due mesi [of 2023] ci ha reso uomini onesti ancora una volta, dicendo che le obbligazioni sarebbero andate bene. Non confondere mai il risultato finale con il percorso che hai intrapreso per arrivarci”.

Allo stesso modo, il calo del tasso di inflazione statunitense e il rapido calo dei rendimenti obbligazionari hanno fornito un’ancora di salvezza ai macro hedge fund che hanno colpito pesantemente, molti dei quali sono inciampati a marzo quando i titoli del Tesoro sono aumentati vertiginosamente come rifugio dopo la scomparsa della Silicon Valley Bank. Cavalcare l’enorme ondata di rialzo dei prezzi obbligazionari verso la fine dell’anno ha aiutato gli hedge fund a cancellare tali perdite e persino, in alcuni casi, a chiudere in positivo.

Ma, cosa allarmante per coloro che cercano di diversificare i rendimenti, qualunque sia la grande asset class considerata, lo schema è lo stesso. Le azioni globali, ad esempio, sono aumentate di circa il 20% lo scorso anno, secondo quanto misurato dall’indice MSCI World. Ma dopo la flessione estiva, tre quarti di questi guadagni si sono verificati solo nei mesi di novembre e dicembre, in concomitanza con il crollo dei rendimenti obbligazionari.

Logicamente, anche la tradizione consolidata di sovrapporre noiose vecchie obbligazioni a un portafoglio di azioni ha sentito il calore. Questo classico portafoglio 60/40 – un pilastro della gestione patrimoniale conservativa – è l’acconciatura triglia del mondo degli investimenti. Il 40% è il business breve e sensato in primo piano, sotto forma di uno strato di obbligazioni conservatore, persino noioso, con una probabilità di default prossima allo zero. La festa sullo sfondo è la fetta rock-and-roll del 60% delle azioni che i gestori di portafoglio sperano possa stupire la folla.

Nel 2022 – il grande anno per un’accelerazione dell’inflazione post-pandemica – questo approccio divisivo è passato seriamente di moda, poiché un crollo simultaneo dei prezzi sia obbligazionari che azionari ha dato una scossa. Gli investitori che hanno seguito la formula nella speranza di bilanciare sicurezza e divertimento si sono ritrovati martellati da entrambe le parti, perdendo il 17%.

In modo allarmante, per un certo periodo è sembrato che anche il 2023 si sarebbe rivelato un disastro, non della stessa portata ma comunque un disastro. Verso la metà dell’anno, le azioni stavano andando bene, almeno per gli investitori disposti a investire un quarto della loro esposizione in sette titoli tecnologici di grandi dimensioni, come il monitoraggio del benchmark S&P 500 o di un’ampia misura globale di azioni ora, stranamente, richiede. Ma il periodo malaticcio nelle obbligazioni ha lasciato il segno.

Ancora una volta, però, la svolta è stata sorprendente. I calcoli di Goldman Sachs mostrano che un mix teorico 60/40 ha prodotto rendimenti del 17% nel corso dell’intero anno scorso: un risultato di tutto rispetto. Ma circa 13 punti sono arrivati ​​solo nel quarto quarto. Questo non sembra un modo sensato per gli investitori conservatori di gestire un portafoglio stabile ed evitare un’indebita volatilità.

La correlazione negativa tra azioni e obbligazioni, che è rimasta vera per gran parte dell’ultimo quarto di secolo, in effetti si è interrotta negli ultimi due anni, ha affermato David Bowers di Absolute Strategy Research. “Le obbligazioni non rappresentano più la ‘copertura’ per gli asset rischiosi come lo erano una volta. Per un fondo bilanciato semplice, la vita potrebbe iniziare a diventare più volatile poiché la componente obbligazionaria non compensa più il rischio azionario”.

I trader hanno probabilmente ragione nel ritenere che la Fed taglierà i tassi circa sei volte quest’anno. Ma tutto ciò aumenta la pressione sugli investitori affinché riescano a prendere questa decisione nel modo giusto, piuttosto che rovinarla. Ancora. Nessuna pressione.

[email protected]