Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Venerdì le azioni di Wall Street hanno toccato il massimo storico, con forti guadagni per le grandi società tecnologiche che hanno finalmente spinto l’indice a un nuovo record dopo un inizio anno traballante.

L’S&P 500, il principale benchmark azionario statunitense, ha raggiunto 4.824,19, in rialzo dello 0,9% nel corso della giornata, superando il precedente record intraday stabilito il 4 gennaio 2022.

L’indice era rimasto a un passo dal record per un mese, dopo un forte rally alla fine del 2023.

Tuttavia, i mercati hanno perso slancio dall’inizio dell’anno, poiché i dati economici deludenti hanno smorzato l’ottimismo sulla rapidità con cui la Federal Reserve americana inizierà a tagliare i tassi di interesse. Anche dopo il rialzo di venerdì, lo S&P è cresciuto solo dell’1% a gennaio, a fronte di un rally del 16% in nove settimane consecutive di guadagni dalla fine di ottobre.

Diversi investitori hanno affermato di aspettarsi che i mercati continueranno ad essere instabili, ma sono ottimisti riguardo ad una tendenza al rialzo nei prossimi mesi.

“Se l’economia continua a crescere – cosa che ci aspettiamo – e se l’inflazione continua a diminuire, ciò dovrebbe essere abbastanza positivo per il titolo medio”, ha affermato Jeff Mills, capo stratega degli investimenti presso Bessemer Trust.

“Potresti non avere un altro aumento del 20 o 25%. [in the index]ma è un ambiente che consentirà agli utili di emergere e spingerà lentamente il mercato al rialzo per quello che potrebbe essere un altro anno solido.

Anche il Nasdaq Composite, dominato dai titoli tecnologici, è cresciuto di quasi il 20% dalla fine di ottobre, ma avrebbe bisogno di guadagnare un ulteriore 5% per superare il suo livello di chiusura record.

La maggior parte del rally da ottobre è stato guidato dal cambiamento delle aspettative sui tassi, poiché gli investitori scommettevano che il calo dell’inflazione avrebbe consentito alla Fed di iniziare a tagliare i tassi. Tassi di interesse più bassi tendono a rilanciare le azioni riducendo l’attrattiva delle attività a basso rischio come i buoni del Tesoro.

Allo stesso tempo, gli investitori sperano che gli utili societari inizino a riprendersi mentre la banca centrale americana riesce a tenere sotto controllo l’inflazione senza causare una grave recessione.

Questa combinazione ottimistica ha contribuito a generare ampi guadagni in tutto il mercato azionario, con le aziende più piccole che hanno sovraperformato i cosiddetti gruppi tecnologici Magnifici Sette che avevano dominato i guadagni all’inizio del 2023.

Tuttavia, i guadagni finali che hanno portato l’S&P a un record questa settimana sono stati ancora una volta guidati da grandi gruppi tecnologici con un peso elevato nell’indice. Quest’anno la versione equiponderata dell’indice S&P 500 è scesa del 2%.

Questa mancanza di ampiezza ha alimentato le aspettative che le prospettive potrebbero essere accidentate. Ronald Temple, capo stratega del mercato di Lazard, ha dichiarato: “Un rally guidato da 7-10 titoli non è quello che la maggior parte della gente pensa possa durare tre anni”.

Tuttavia, ha aggiunto: “Ciò che mi entusiasma ancora del mercato azionario statunitense è che gran parte del mercato ha ancora prezzi ragionevoli”.