Mar. Lug 16th, 2024
I risultati della stagione dei proxy mostrano che il supporto per gli sforzi ESG continua a diminuire

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Per il secondo anno consecutivo, il sostegno degli azionisti alle questioni ambientali e sociali delle aziende statunitensi è diminuito, poiché le campagne di alto profilo condotte dagli investitori progressisti di ExxonMobil e Starbucks non sono riuscite a ottenere successo.

Con la conclusione a giugno della stagione delle assemblee annuali delle aziende, i dati mostrano che il sostegno medio alle proposte degli azionisti in materia ambientale e sociale nelle aziende Russell 3000 è stato rispettivamente del 21% e del 18%, secondo ISS-Corporate, un fornitore di dati, più o meno in linea con l'anno scorso e ben al di sotto dei livelli record per queste questioni nel 2021.

Considerati per decenni una strategia di nicchia, gli investimenti ambientali, sociali e di governance (ESG) hanno registrato un boom nel 2020 con afflussi record. Nel 2021, l'attivismo ESG ha ottenuto una vittoria senza precedenti in ExxonMobil, in gran parte a causa delle preoccupazioni sulla strategia del colosso petrolifero sui cambiamenti climatici.

Quest'anno, solo due proposte degli azionisti legate al clima hanno ricevuto il sostegno della maggioranza presso le aziende Russell 3000. Entrambe le proposte hanno spinto le aziende a pubblicare maggiori informazioni sui loro sforzi per ridurre le emissioni di gas serra.

Nessuna proposta degli azionisti relativa a diversità, equità e inclusione (DEI) ha superato il 50 percento di supporto quest'anno, mentre il supporto è diminuito presso Adobe, Berkshire Hathaway ed Eli Lilly quest'anno, secondo il Conference Board. Altre importanti battaglie ESG quest'anno hanno incluso i direttori del consiglio di amministrazione di Exxon per la sua resa dei conti in tribunale con due azionisti focalizzati sul clima.

Il calo del sostegno evidenzia una sorta di inversione di tendenza per BlackRock, Vanguard e altri grandi gestori patrimoniali, ha affermato Douglas Chia, presidente di Soundboard Governance, una società di consulenza, e ricercatore senior presso la Rutgers Law School.

I fondi pensione progressisti in California e New York, così come il fondo petrolifero norvegese, “stanno essenzialmente facendo la stessa cosa che hanno sempre fatto”, ha detto. Ma BlackRock e Vanguard “stanno facendo marcia indietro. Stanno tornando a essere più passivi su [ESG] quando si fecero avanti e diventarono più attivi per un po'.”

BlackRock e Vanguard hanno sostenuto meno proposte ambientali e sociali dal 2021. Tuttavia, BlackRock continua a mostrare una disponibilità leggermente maggiore a supportare le questioni ESG rispetto a Vanguard, secondo un conteggio dei loro voti di questa stagione.

BlackRock ha votato a favore di una proposta della catena di fast food Jack in the Box, chiedendo all'azienda di fornire maggiori informazioni sugli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra.

“Supportare la proposta potrebbe accelerare i progressi dell'azienda nella gestione e/o nella supervisione del rischio climatico”, ha affermato BlackRock.

Ad Alico, un produttore di arance con sede in Florida, BlackRock ha votato contro tre membri del consiglio di amministrazione “per non aver tenuto adeguatamente conto della diversità nel consiglio”. Vanguard ha votato con le aziende in entrambi i casi, ed entrambe le aziende hanno prevalso. I gestori patrimoniali sono tenuti a comunicare i loro registri completi di voto per delega entro la fine dell'anno.

Entrambi i gestori patrimoniali hanno rifiutato di rilasciare dichiarazioni.

Vanguard anche quest'anno gettato acqua fredda su una campagna ESG per gli azionisti di Exxon. Indignati dalla decisione della compagnia petrolifera di citare in giudizio due azionisti per una petizione sul cambiamento climatico, diversi fondi pensione favorevoli all'ESG hanno votato contro i direttori del consiglio di amministrazione della società. Ma Vanguard ha votato per i direttori del consiglio di amministrazione della società, che sono stati facilmente rinominati durante la riunione annuale di maggio.

In un altro esempio di attivismo ESG di quest'anno, i sindacati hanno cercato di forzare tre nuovi direttori del consiglio di amministrazione di Starbucks. Ma la campagna non è andata al voto dopo che il proxy advisor Institutional Shareholder Services ha raccomandato contro i membri del consiglio sindacale.

“[ESG] tornerà da dove si trova ora”, ha affermato David Larcker, direttore della Corporate Governance Research Initiative presso la Stanford University. E l'ESG “alla fine si concentrerà strettamente sulle questioni climatiche”, ha affermato, piuttosto che sulle preoccupazioni sociali. “Mi aspetterei di vedere molti meno audit sulla diversità”.