Mer. Lug 17th, 2024

All’inizio di settembre, la Banca Centrale della Nigeria ha tenuto una conferenza stampa a Lagos per annunciare che avrebbe preso provvedimenti contro i commercianti di valuta disonesti.

Secondo i rapporti, Folashodun Adebisi Shonubi, che all’epoca era il governatore ad interim del CBN, individuato un operatore:

“Abbiamo motivo di credere che gli agenti della Corona abbiano lavorato con agenzie internazionali che invece di portare i soldi attraverso il sistema normale, li passano attraverso e poi li vendono alle società nigeriane invece di fare la cosa giusta. Possono aspettarsi di avere nostre notizie a breve e non saranno gli unici”.

Chi o cosa sono i Crown Agents? Il nome è un’eco di Crown Agents Bank, la principale filiale operativa del commerciante di valuta CAB Payments, quotato a Londra. Ma il CAB ha affermato di “non essere stato contattato, a nessun livello, dalla Banca Centrale della Nigeria in merito ad alcuna indagine”. La società ha negato ogni addebito.

Quello della Nigeria notoriamente poco comunicativo la banca centrale non offrirebbe maggiore chiarezza. Un portavoce del CBN ha affermato tramite messaggio che la banca potrebbe non essere in grado di verificare le osservazioni attribuite ad Adebisi Shonubi e non ha risposto a ulteriori richieste di commento.

È un episodio curioso perché la Nigeria è un mercato chiave per CAB, la più grande e famosa IPO di Londra dell’anno. Lo specialista in valute dei mercati emergenti ha messo in guardia sui profitti a meno di quattro mesi dalla quotazione, accusando “una serie di cambiamenti nelle condizioni di mercato in alcuni dei suoi principali corridoi valutari, oltre alle continue incertezze che circondano la situazione. [Nigerian] naira, che impattano sia sui volumi che sui margini”. *

Il commercio dollaro-naira è diventato il mercato più grande del CAB nel 2021 dopo che la Nigeria ha svalutato la propria valuta per contrastare l’impatto del calo dei prezzi del petrolio. Il paese dell’Africa occidentale ha tollerato a lungo molteplici tassi di cambiocon prezzi ufficiali e non ufficiali determinati dal mercato disponibili insieme al valore ufficiale ancorato al dollaro.

Il CAB non è autorizzato dal CBN a commerciare naira e non è presente sul terreno. La sua attività principale in Nigeria è offshore, attraverso il cosiddetto mercato parallelo non ufficiale. La società intermedia le transazioni tra clienti dei mercati sviluppati come agenzie di sviluppo internazionali e fornitori di liquidità con licenza locale che possono consegnare il denaro ai conti dei clienti, a un prezzo basato sulla domanda e sull’offerta.

I mercati forex paralleli in Nigeria lo sono da tempo stabilito e in parte legalizzato attraverso il concessione di licenze agli operatori degli uffici di cambio valuta localinonostante il loro esatto status normativo cambia spesso.

Nell’ambito del suo intervento del 2021, il CBN ha tagliato l’offerta di valuta estera agli uffici di cambio, spremendo liquidità e dando un vantaggio ai broker offshore come CAB.

Nel 2020 il cambio dollaro-naira rappresentava un business da 2 milioni di sterline per CAB. Nel 2022 era salito a 26 milioni di sterline, ovvero quasi un terzo delle entrate valutarie del gruppo. Secondo una ricerca di JPMorgan, sponsor unico dell’IPO e coordinatore globale congiunto, le commissioni stimate del CAB sul trading di naira (noto come take rate) sono aumentate dallo 0,60% nel 2020 al 3,65%.

CAB ci ha detto:

Essendo una banca regolamentata nel Regno Unito, le operazioni della Crown Agents Bank (CAB) sono sostenute da procedure di rischio e conformità estremamente rigorose. La sua attività in Nigeria è conforme e opera nell’ambito di tutte le normative pertinenti.

I mercati paralleli sono spesso visti come un male necessario per migliorare la disponibilità di valuta estera, in particolare nelle economie che dipendono dalle esportazioni di petrolio. Ma nessuna banca centrale appoggerà mai pubblicamente l’operazione.

Avere più tassi di cambio lo è sistematicamente inflazionisticonegativo per gli investimenti diretti esteri, e deleterio per la credibilità politica. Il denaro esce dai canali ufficiali, quindi è così indebolisce le partite correnti della nazione. E poiché gli acquirenti disposti a pagare un premio sono quelli che non possono accedere alla finestra ufficiale dello scambio non ufficiale aiuta a finanziare attività criminali comprese le importazioni di contrabbando e l’evasione fiscale.

A giugno, poco dopo l’insediamento di Bola Tinubu come presidente e l’arresto dell’ex governatore del CBN Godwin Emefiele, la Nigeria ha allentato il suo ancoraggio valutario. Il predecessore di Tinubu, Muhammadu Buhari, aveva insistito con i controlli valutari, ignorando le diffuse accuse secondo cui gli amici del governo stavano sfruttando l’arbitraggio del tasso di cambio. Tinubu ha promesso ampie riforme finanziarie e a febbraio è stato eletto con una valanga di voti.

È stato in questo contesto che il proprietario di CAB, il fondo di private equity Helios Investment Partners, ha avviato un processo a doppio binario per vendere o far galleggiare la società. Non sono emersi acquirenti adatti, quindi CAB ha annunciato formalmente i suoi piani di IPO a giugno, unendosi al segmento premium del mercato principale di Londra un mese dopo. Helios ha venduto il 40% della sua partecipazione in CAB all’IPO per raccogliere quasi 300 milioni di sterline.

È insolito che un’organizzazione finanziaria internazionale tradizionale commerci su mercati paralleli. I trasferimenti non sono regolamentati per definizione e corrono il rischio costante di essere interrotti. Questi rischi sono stati chiariti ai potenziali investitori?

Il Times questa settimana citato Oliver Browndirettore degli investimenti presso il gruppo d’investimento RC Brown, azionista di CAB, in merito a:

Il mio pensiero iniziale era che siamo tutti cresciuti e abbiamo tutti gli occhi aperti sugli investimenti, ma sembra che avrebbe dovuto esserci una maggiore divulgazione del fatto che l’azienda opera, per dirla diplomaticamente, in mercati paralleli. C’è stato più di un elemento tra i consiglieri che ha chiuso un occhio su questo. C’è solo un limite che si può inserire in un documento sui rischi, ma il fatto che abbiano operato in un mercato in cui sembra che altri importanti concorrenti non lo siano, questi mercati paralleli che altri non toccherebbero, è degno di una divulgazione del rischio.

Il prospetto CAB menziona i mercati paralleli offshore solo nella sezione sui recenti sviluppi in Nigeria, e anche in questo caso solo in forma passiva:

Prospetto CAB, pagina 10, con il corsivo nostro

I suoi fattori di rischio offrono dichiarazioni più generali, affermando che CAB “tiene conto delle leggi e dei regolamenti applicabili”, con una politica di vendita internazionale basata sulla guida degli avvocati locali “e, in alcuni casi, sulle sue discussioni con le autorità di regolamentazione locali”.

Gli obiettivi CAB fissati all’IPO si basavano sul ritorno della redditività della naira ai livelli pre-2021, un punto di gestione ribadito in occasione dei primi risultati di settembre. Anche il CEO del gruppo Bhairav ​​Trivedi e David Mountain, chief product officer, hanno parlato a lungo di come i margini della naira si fossero stabilizzati ma i volumi fossero deboli perché la banca centrale stava ancora cercando di trovare il livello di controllo ottimale.

“Storicamente, la Nigeria era il nostro corridoio più grande e questo è il tipo di situazione naturale”, ha detto Mountain agli analisti durante la teleconferenza. “È una grande economia. È nel nostro cuore. Siamo bravi in ​​questo. Siamo lì da molto tempo.”

Tuttavia, tra i trader di valuta, il CAB è considerato un nuovo arrivato. La banca può far risalire la sua storia al 1833, ma ha lanciato una piattaforma forex solo nel 2017, un anno dopo essere stata fondata. acquistato da Helios per una cifra non rivelata.

Prima dell’acquisizione, CAB era a gestito in modo conservativo, su piccola scala e poco redditizio intermediario per l’erogazione degli aiuti esteri. La sua risorsa più preziosa era la licenza britannica per agire come banca corrispondente, il che significa che raccoglie depositi in valuta estera da istituzioni e fornitori di portafogli digitali con sede al di fuori del Regno Unito. Questi depositanti, noti come rispondenti, gestiscono quindi i trasferimenti di denaro transfrontalieri verso i conti dei destinatari dove CAB non ha la licenza per operare.

Il settore bancario corrispondente è in declino da lungo tempo. I principali istituti di credito hanno scelto di ritirarsi dai mercati di frontiera, in parte a causa dei costi, ma anche perché le normative sul riciclaggio di denaro e sul finanziamento del terrorismo stavano diventando più onerose. Il denaro si muove in diversi salti attraverso una rete di intervistati continentali, regionali e locali, il che significa che ogni bonifico bancario corrispondente ha molteplici potenziali punti di fallimento.

CAB mira a semplificare i trasferimenti creando rapporti diretti, con Trivedi che ha affermato nella teleconferenza di settembre che la licenza bancaria del Regno Unito è stata fondamentale per ottenere la fiducia della sua rete di partner. “Siamo una banca”, ha detto. “Quindi le banche si fidano intrinsecamente di altre banche invece di fidarsi di operatori specializzati che potrebbero non essere necessariamente una banca”.

È degno di nota, tuttavia, che negli ultimi dieci anni siano emerse poche banche corrispondenti specializzate nel forex focalizzate sull’Africa.

La nota di avvio di Barclays su CAB identifica un solo concorrente diretto, the StoneX, gruppo finanziario quotato al Nasdaq. La sua divisione pagamenti globali invia denaro dai mercati sviluppati all’Africa sin dagli anni ’80 e ha una base clienti che comprende le principali banche del mercato.

La base clienti principale di CAB è meno consolidata e più diversificata:

©Barclays

Abbiamo chiesto a StoneX qual è la sua politica sui mercati di cambio paralleli e aggiorneremo questo post se mai riceveremo una risposta.

Presentato come fintech, il marketing pre-quotazione di CAB si è basato fortemente sulle tecnologie di pagamento tra cui Segovia, un gateway di pagamenti mobili acquistato nel 2019 dall’organizzazione no-profit GiveDirectly in cambio di una partecipazione azionaria.

Quattro mesi e un catastrofico avvertimento sui profitti dopo, CAB è stato riformulato come un trader FX ad alto rischio, la cui crescita dei ricavi si basa sull’arbitraggio normativo e sull’assunzione di rischi che la concorrenza non vuole.

Le autorità del Regno Unito devono ora valutare se il management del CAB e i suoi consulenti hanno fatto abbastanza per evidenziare la propria esposizione al mercato non regolamentato durante un processo di IPO che, come lo descrivono alcuni partecipanti all’incontro, ricorda la scena della confessione di La grande scommessa:

Ulteriori letture:
— Lezioni da imparare dal disastro dei pagamenti CAB (FTAV)
— Rivisitazione dell’informativa sui fattori di rischio del CABastrophe (FTAV)