Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I finanziatori ufficiali, guidati dal FMI e da Pechino, hanno messo in dubbio un accordo per ristrutturare il debito dello Zambia per un valore di quasi 4 miliardi di dollari, in una grave battuta d’arresto per i tentativi del paese di superare un default del 2020.

Il ministero delle Finanze dello Zambia ha dichiarato venerdì che le agenzie multilaterali e i governi, compreso il suo più grande finanziatore, la Cina, avevano “espresso riserve” sull’accordo di principio che il governo aveva raggiunto con i creditori privati ​​il ​​mese scorso.

Non ha fornito dettagli, ma ha affermato che le prenotazioni erano state trasmesse nei giorni scorsi. Il ministero delle Finanze ha aggiunto che lo Zambia “continuerà a discutere” un accordo con i suoi creditori.

La divulgazione arriva dopo che gli analisti hanno sottolineato che l’accordo raggiunto il mese scorso significava che i creditori privati ​​avrebbero potuto ricevere ingenti somme di denaro nei primi anni dopo una ristrutturazione.

Il governo del presidente Hakainde Hichilema ha bisogno di accordi con i creditori per uscire da un default di pagamento che risale alla fine del 2020. Senza un accordo, il FMI potrebbe dover rivalutare un piano di salvataggio da 1,3 miliardi di dollari concordato lo scorso anno.

Le sofferenze dello Zambia hanno evidenziato i difetti di un “quadro comune” per la rinegoziazione del debito sovrano, concordato dai paesi del G20 durante le prime fasi della pandemia globale di Covid-19. La mancanza di consenso tra un cast sempre più complesso di creditori sottolinea anche le difficoltà di coordinamento nella risoluzione delle crisi del debito dei mercati emergenti.

Dopo che la Cina e altri creditori bilaterali hanno finalmente accettato di alleggerire i loro debiti di 6,3 miliardi di dollari quest’anno, i detentori di 3 miliardi di dollari di obbligazioni in dollari USA hanno raggiunto un accordo in ottobre per estendere le scadenze e ridurre il valore nominale dei crediti cresciuti durante il default.

Il comitato degli obbligazionisti ha accettato di rinunciare direttamente a 700 milioni di dollari di interessi postdatati come parte dell’accordo, a differenza dei creditori ufficiali, che hanno preferito evitare svalutazioni a favore della riduzione del flusso di cassa o del valore economico dei loro prestiti.

Sia gli obbligazionisti che i creditori ufficiali hanno concordato di ristrutturare i debiti dello Zambia a condizione che il FMI rivedesse la salute della sua economia nel giro di pochi anni. Se l’economia dovesse riprendersi sufficientemente, i rimborsi aumenterebbero.

Tuttavia, un’obbligazione ristrutturata da 2 miliardi di dollari che non fa parte di questo potenziale aumento riceverebbe 500 milioni di dollari di pagamenti nel 2024 e nel 2025, indipendentemente dal fatto che lo Zambia raggiunga o meno gli obiettivi successivi. Ha ancora una cedola relativamente alta rispetto al debito ufficiale.

Il taglio complessivo dei flussi di cassa nell’accordo con gli obbligazionisti, che necessita ancora di approvazione entro la fine dell’anno, non è stato reso noto dallo Zambia. I creditori ufficiali hanno concordato una riduzione di circa il 40%.

Debt Justice, un ente di beneficenza britannico, e gruppi della società civile dello Zambia hanno dichiarato venerdì che stimano che gli obbligazionisti subiranno un colpo economico di circa un terzo, se il sostegno non verrà attivato, e sulla base di un tasso di sconto del 5% per tenere conto dell’inflazione.

Gli analisti hanno affermato che i piani per gli obbligazionisti di recuperare i contanti prima del settore ufficiale potrebbero aumentare le tensioni, se i creditori ufficiali ritenessero che ciò sia reso possibile dai soldi a cui hanno rinunciato e dai prestiti di salvataggio del FMI.

Un comitato direttivo per gli obbligazionisti ha rifiutato di commentare.

Il FMI ha dichiarato: “Apprezziamo gli sforzi in buona fede di tutte le parti e l’impegno delle autorità a raggiungere accordi coerenti con i parametri del programma.

“Sono necessarie ulteriori discussioni e modifiche per allineare maggiormente questa proposta iniziale ai requisiti del programma”.