Ven. Apr 12th, 2024
Il crescente freno fiscale dell’indennità di QE della BoE

Ricevi aggiornamenti gratuiti su Gilts

Un anno fa il governo del Regno Unito fece il suo primo Pagamento di £ 828 milioni alla Banca d’Inghilterra per compensare le perdite sul suo portafoglio obbligazionario QE. Questi pagamenti hanno ora superato i 30 miliardi di sterline e la Deutsche Bank ritiene che diventeranno MOLTO più grandi nel corso del prossimo anno.

La contabilità delle banche centrali è una faccenda divertente, dato che si tratta di istituzioni che possono creare denaro. Per parafrasare Dan Davies, fissare troppo in profondità le statistiche delle banche centrali può far impazzire chiunque, tranne l’analista monetario più robusto.

Tuttavia, la Banca d’Inghilterra ha un accordo piuttosto speciale con il governo del Regno Unito. Dal 2009 ha promesso alla banca centrale che avrebbe risarcito eventuali perdite che avrebbe potuto subire a causa del QE, soprattutto dopo aver iniziato a trasferire tutti i profitti del QE al Tesoro nel 2012.

Questo indennità è entrato in vigore l’anno scorso e da allora il denaro è fluito dal Tesoro alla Banca. Solo nel mese di luglio, il Regno Unito ha trasferito 14,3 miliardi di sterline alla BoE, ben 5,4 miliardi di sterline in più rispetto a quanto previsto dall’Office for Budget Responsibility di marzo.

Il costo sta aumentando oltre le aspettative – e continuerà ad aumentare “sostanzialmente più in alto”, secondo Deutsche Bank – per due ragioni:

In primo luogo, i tassi di interesse sono saliti ben al di sopra dei livelli ipotizzati nelle previsioni di primavera dell’organismo di vigilanza fiscale. In secondo luogo, i prezzi dei gilt sono scesi ulteriormente, in particolare nella parte più lunga della curva, determinando ulteriori perdite di valutazione poiché la Banca liquida attivamente l’APF attraverso vendite attive di gilt.

Ma quanto è “materialmente più alto”? Di quasi 87 miliardi di sterline nei prossimi due anni fiscali, secondo Sanjay Raja, capo economista britannico di DB. Si tratta di 20 miliardi di sterline in più rispetto a quanto previsto solo sei mesi fa, pari a quasi due bilanci annuali per la difesa.

L’enfasi di Alphaville di seguito:

Tra l’anno fiscale in corso e il prossimo, stimiamo che l’APF della Banca costerà al Cancelliere complessivamente 20 miliardi di sterline in più – o quasi l’1% del PIL del Regno Unito – rispetto a quanto previsto dall’OBR a marzo. Sulla base delle nostre aspettative sui tassi e dell’attuale prezzo di mercato dei gilt, stimiamo che il costo netto totale dell’APF nell’anno fiscale in corso ammonterà a 48,7 miliardi di sterline. Ciò corrisponderebbe a circa 10 miliardi di sterline al di sopra delle previsioni di marzo dell’OBR.

Nel prossimo anno fiscale (2024/25), stimiamo che le perdite APF della Banca raggiungeranno i 38,1 miliardi di sterline — altri 10 miliardi di sterline in più rispetto a quanto previsto ufficialmente. In totale, nei prossimi tre anni fiscali (compreso quello attuale) vediamo che il costo netto dell’APF della Banca aggiungerà circa 23 miliardi di sterline in più (cumulativamente) ai costi del debito del Cancelliere, prima di scendere al di sotto delle proiezioni dell’OBR nel 2026/27 e nel 2027. /28.

A questo punto dovremmo sottolineare che concentrarsi solo sulle perdite future è, nella migliore delle ipotesi, incompleto e, nella peggiore, direttamente fuorviante.

Fino all’anno scorso, la Banca d’Inghilterra in realtà guadagnava MOLTO denaro dal QE (creando riserve bancarie a basso tasso e utilizzandole per acquistare gilt a palate) e trasferiva tutti i guadagni al Tesoro. Deutsche Bank stima che il flusso di cassa cumulativo positivo derivante dai profitti del QE della BoE a HMT sia arrivato £ 123,8 miliardi tra il 2009 e settembre 2022.

Nel lungo periodo, la DB prevede anche che il costo del rimborso alla BoE diminuirà drasticamente, poiché i tassi di interesse verranno nuovamente ridotti e il portafoglio QE si ridurrà.

Innanzitutto, prevediamo che il tasso bancario diminuirà. Sulla base delle nostre proiezioni, prevediamo che il tasso bancario si stabilizzerà intorno al 3% entro la metà del decennio. Ciò ridurrebbe significativamente il costo netto degli interessi della Banca, riducendo al tempo stesso le perdite di valutazione man mano che i gilt vengono venduti o rimborsati. E due, la dimensione complessiva dell’APF della Banca sarà sostanzialmente inferiore. Al suo apice, l’APF pesava 875 miliardi di sterline. Se la Banca dovesse continuare a vendere a 10 miliardi di sterline a trimestre e consentire a tutti i gilt di uscire dal suo bilancio come avviene attualmente, la dimensione del bilancio della Banca si ridurrà a 750 miliardi di sterline entro il quarto trimestre del 23, a 661 miliardi di sterline entro il quarto trimestre del 24. , 534 miliardi di sterline entro il quarto trimestre del 25 e 431 miliardi di sterline entro il quarto trimestre del 26.

Tuttavia, questo costituirà un grosso freno per le finanze del governo britannico nei prossimi anni, tutto a causa di un’indennità per proteggere la BoE dall’ottica del dominio fiscale. Non sarebbe stato meglio lasciare che la BoE procedesse lentamente con un patrimonio netto teoricamente negativo, oppure ci stiamo perdendo qualcosa?

Ulteriori letture:

– RBC: il pericolo del doppio indennizzo per il Regno Unito

– Quanto è grande il buco nel bilancio della Banca d’Inghilterra?

– Le banche centrali stanno andando in bancarotta?