Lun. Giu 24th, 2024
Kerry e Gore evidenziano un divario climatico emergente

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui cambiamenti climatici

Un saluto da Londra, dove i residenti si stanno godendo l’ultimo giorno festivo dell’estate. E se l’estate nell’emisfero settentrionale sta per finire, ciò può significare solo una cosa: la COP si sta avvicinando.

La COP28 di quest’anno ha già suscitato forti disaccordi tra coloro che spingono per un’azione per il clima, come esemplificato dalle differenze di opinione tra gli anziani statisti statunitensi John Kerry e Al Gore, come spiegherò di seguito. Dove ti trovi in ​​questo dibattito? Fatecelo sapere a [email protected] o semplicemente rispondi a questa email. —Simon Mundy

Una divisione significativa tra due guerrieri del clima

Qualche settimana fa, l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore è diventato virale l’ultimo dei suoi discorsi al TED sulla crisi climatica, diventata sempre più furiosa dopo anni di azione globale inadeguata.

Poi, venerdì scorso, l’inviato presidenziale americano per il clima John Kerry ha condiviso i suoi pensieri sullo stato della lotta, in un’intervista a una tavola rotonda presso la sede londinese del FT.

Ci sono molti evidenti punti in comune tra questi due ex candidati democratici alla presidenza, alti, ricchi, dalla voce tonante e settantenni. Ma ci sono anche alcune differenze sorprendenti tra le loro attuali posizioni sull’industria dei combustibili fossili, che evidenziano alcune divisioni sempre più importanti nel più ampio dibattito sul clima.

Parte della retorica più bruciante di Gore è stata riservata agli Emirati Arabi Uniti, che ospitano la conferenza sul clima COP28 di quest’anno, e a Sultan al-Jaber, che serve contemporaneamente come presidente della COP28 e amministratore delegato della Abu Dhabi National Oil Company.

“Ha un palese conflitto di interessi”, ha tuonato Gore. “Penso che sia ora di dire, aspetta un attimo, ci prendi per sciocchi?”

Kerry, al contrario, ha sottolineato il “rapporto molto stretto” degli Stati Uniti con gli Emirati Arabi Uniti, che aveva precedentemente difeso dalle critiche “ingiuste” visti i suoi “enormi passi, storicamente, per essere in prima linea nella transizione”.

E’ vero che Kerry, in quanto diplomatico in servizio, deve guardare le sue parole molto più attentamente di Gore. Ma le sue parole hanno fatto eco alle mie conversazioni con varie persone riflessive nel campo del clima, senza alcuna “parte in gioco” diplomatica o economica, che sostengono che la presidenza della COP28 degli Emirati Arabi Uniti potrebbe rivelarsi una buona cosa. Mettere un importante produttore di combustibili fossili – e implicitamente anche gli altri – sotto i riflettori, li costringerà ad intraprendere un’azione climatica più seria, sostengono queste persone.

Altri si schierano fortemente con Gore, sostenendo che la presidenza degli Emirati Arabi Uniti equivale a un’effettiva “cattura” del processo COP da parte del settore dei combustibili fossili. Questo dibattito avrà un impatto enorme sull’integrità percepita della COP28 e di tutti gli accordi che ne deriveranno.

Uno specifico punto critico incombente alla COP28 riguarda la tecnologia di cattura del carbonio, che gli Emirati Arabi Uniti – così come l’Arabia Saudita e le società del settore privato come ExxonMobil – hanno fortemente promosso. Per i suoi sostenitori, ciò consentirà l’uso “pulito” e continuato dei combustibili fossili per molti anni a venire, con un impatto minimo sul clima. Per critici come Gore, questo è un tentativo cinico di distogliere l’attenzione dalla necessità di ridurre del tutto l’uso di combustibili fossili e di aumentare rapidamente le fonti energetiche alternative.

“È utile dare loro una scusa per non fermare mai il petrolio”, ha detto Gore, aggiungendo che la tecnologia non è stata provata e lungi dall’essere pronta per l’implementazione commerciale su larga scala. “Lo stanno usando per illuminarci. . . Non facciamo finta che sia vero.”

Sebbene Kerry abbia affermato che esiste “il rischio che non sarà in grado di” ottenere l’impatto dichiarato dai suoi sostenitori, è stato molto più ottimista riguardo agli investimenti nella cattura del carbonio, che, ha sottolineato, è già in uso commerciale come parte del processo di estrazione del petrolio. dai trivellatori statunitensi.

Per quanto possa sembrare tecnico, il dibattito sulla cattura del carbonio avrà enormi implicazioni per la transizione energetica. Le discussioni e gli accordi internazionali sul clima negli ultimi anni si sono concentrati fortemente sulla lotta all’uso “senza sosta” dei combustibili fossili, cioè senza la cattura del carbonio. L’entità dell’utilizzo “diminuito” nei prossimi decenni è una questione enorme che incombe sulla COP28, per non parlare dei prezzi delle azioni delle compagnie petrolifere globali.

Gore ha riservato un bel sorso di vetriolo a questi giganti dell’energia del settore privato, criticando Shell e BP per aver annacquato i loro impegni in materia di energia pulita in un contesto di aumento dei prezzi del petrolio. “L’industria nel suo insieme non ha agito in buona fede”, ha detto.

Kerry ha suonato in modo meno ostile, citando una recente conversazione con l’amministratore delegato della BP Bernard Looney, il quale gli ha assicurato che la società non ha abbandonato i suoi obiettivi climatici, ma ha semplicemente “cambiato il ritmo” con cui li avrebbe perseguiti. Laddove Gore ha criticato il numero crescente di rappresentanti dell’industria dei combustibili fossili agli eventi della COP, Kerry ha sottolineato la necessità che il settore “venga al tavolo” e si impegni all’azione, definendola una priorità alla COP28.

Naturalmente, c’è molto di più su cui i due uomini sono d’accordo. Entrambi hanno sottolineato la necessità di finanziamenti molto maggiori per l’energia verde nei paesi in via di sviluppo, e la necessità di un’azione più ambiziosa da parte della Banca Mondiale come parte importante di questo. Entrambi hanno acclamato l’effetto galvanizzante sugli investimenti verdi dell’Inflation Reduction Act di Joe Biden. Ed entrambi hanno espresso preoccupazione per gli effetti dei lobbisti dell’industria dei combustibili fossili sul processo politico statunitense.

Due giorni prima della visita di Kerry a Londra, il candidato repubblicano alle presidenziali Vivek Ramaswamy, cavalcando la recente impennata dei sondaggi, ha dichiarato in un dibattito televisivo: “L’agenda del cambiamento climatico è una bufala”. Il leader della corsa repubblicana, Donald Trump, ha precedentemente ritirato gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi e sicuramente farebbe saltare ancora una volta la politica climatica del paese se fosse rieletto l’anno prossimo.

Differenze diffuse tra coloro che spingono per l’azione per il clima sono prevedibili, data la complessità e l’entità della sfida. La grande domanda – data l’influenza degli interessi che spingono nella direzione opposta – è se queste differenze stimoleranno lo slancio attraverso un dibattito produttivo, oppure lo mineranno. (Simon Mundy)

Lettura intelligente

Le aziende europee di abbigliamento sono ampiamente viste come le creatrici originali dell’industria del “fast fashion”, a cui si attribuisce un impatto rovinoso sull’ambiente. “Ora, il luogo di nascita del fast fashion si sta muovendo per porvi fine”, scrivono Lauren Indvik e Alice Hancock in questa grande lettura del FT.