Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Joe Lewis, il miliardario britannico la cui famiglia possiede la squadra di calcio del Tottenham Hotspur, si è dichiarato colpevole di tre capi di imputazione in un caso di insider trading, offuscando la reputazione del ricco investitore.

Le accuse di cui Lewis si è dichiarato colpevole mercoledì davanti alla corte federale di Manhattan – un’accusa di cospirazione per commettere frode sui titoli e due accuse di frode sui titoli, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti – comportano una pena potenziale massima complessiva di 45 anni di prigione, anche se probabilmente avrà molto meno tempo quando verrà condannato il 28 marzo.

L’uomo d’affari l’anno scorso si è arreso alle autorità statunitensi dopo essere stato accusato di aver fornito informazioni riservate raccolte sulle società pubbliche in cui aveva investito ad amici, piloti privati, partner romantici e altri, e di aver prestato ad alcuni di loro centinaia di migliaia di dollari per commerciare le conoscenze. .

Le mance venivano generalmente date come forma di pagamento o regalo, hanno detto i pubblici ministeri. L’86enne, che inizialmente si era dichiarato non colpevole, è stato rilasciato dietro pagamento di una cauzione di 300 milioni di dollari, con il suo yacht Aviva di 98 metri e il suo aereo privato messi a disposizione come cauzione.

Mark Herr, portavoce di Lewis, ha detto che l’uomo d’affari ha “riconosciuto la sua condotta in relazione a una serie di operazioni di compravendita di azioni da parte di individui a lui vicini” ma “non ha intrapreso operazioni improprie sui propri conti”. Lewis è “profondamente dispiaciuto, imbarazzato e si scusa con la corte, la sua famiglia e tutti coloro che hanno potuto contare su di lui”, ha aggiunto.

Mercoledì, anche Broad Bay, una società di proprietà di Lewis, si è dichiarata colpevole in un caso separato, sostenendo di essersi impegnata in una frode sui titoli per nascondere alle autorità di regolamentazione la dimensione della partecipazione di Lewis in Mirati Therapeutics, una società farmaceutica.

Ciò ha consentito alle società da lui controllate di esercitare warrant nel settore “con un enorme guadagno finanziario”, ha affermato il DoJ. Dopo che le azioni Mirati detenute in società offshore furono vendute nel 2018, circa 25 milioni di dollari furono trasferiti su un conto controllato da Broad Bay, hanno detto i pubblici ministeri.

Broad Bay e Lewis hanno accettato di pagare 50 milioni di dollari di sanzioni pecuniarie. Mirati, acquistata da Bristol Myers Squibb in un accordo annunciato lo scorso anno, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. In base al patteggiamento Lewis e le sue società devono dimettersi e rinunciare al controllo dei seggi del consiglio di amministrazione di qualsiasi azienda quotata in borsa negli Stati Uniti.

Damian Williams, l’avvocato americano del distretto meridionale di New York, ha affermato in una dichiarazione che le suppliche dimostrano come “la legge si applica a tutti, non importa chi sei o quanta ricchezza possiedi”. Lewis “pagherà il prezzo con una condanna federale, la prospettiva di un periodo in prigione e la più grande sanzione finanziaria per insider trading in un decennio”, ha aggiunto.

L’investitore immobiliare miliardario ha detenuto per oltre vent’anni una partecipazione di maggioranza nella squadra di calcio inglese Tottenham Hotspur. Quella partecipazione è ora di proprietà di un trust per conto della sua famiglia. La squadra della Premier League, che negli ultimi anni ha ripetutamente attirato l’interesse degli investitori, aveva precedentemente descritto le accuse contro Lewis come una “questione legale estranea al club”.

Lewis, nato in un pub dell’est di Londra nel 1937, abbandonò la scuola da adolescente e si unì all’attività di ristorazione di famiglia. Ha trovato il successo iniziale con una catena di ristoranti a tema prima di trasferirsi dal Regno Unito nel 1979 alle Bahamas.

Si è costruito una reputazione nei mercati finanziari per grandi operazioni speculative sulle valute, inclusa una scommessa redditizia contro la sterlina prima del Mercoledì Nero del 1992, quando la Gran Bretagna uscì dal meccanismo di cambio europeo. Tuttavia, ha anche subito una perdita di 1 miliardo di dollari dopo aver sostenuto la banca d’investimento di Wall Street Bear Stearns prima della crisi finanziaria del 2008.

Lewis è anche il fondatore del Tavistock Group, che possiede asset che vanno dagli investimenti in più di 200 aziende al settore immobiliare, all’agricoltura e alle opere d’arte di Pablo Picasso, Henri Matisse e Lucian Freud.

Un portavoce della Tavistock ha affermato che la dichiarazione di colpevolezza “non ha avuto alcun impatto sulle attività della Tavistock nel Regno Unito”.