Mar. Lug 16th, 2024
La campagna di Boaz Weinstein per sequestrare i fondi di BlackRock fallisce

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L'attivista gestore di hedge fund Boaz Weinstein ha subito molteplici battute d'arresto nel suo tentativo di assumere la responsabilità di una serie di fondi chiusi BlackRock, poiché gli azionisti hanno rifiutato i suoi candidati al direttore e hanno votato per mantenere il gestore dei fondi.

Saba Capital di Weinstein ha presentato questa primavera candidati per entrare nei consigli di amministrazione di 10 fondi chiusi gestiti da BlackRock, con un valore di mercato combinato di circa 10 miliardi di dollari, sostenendo che avevano sottoperformato i concorrenti e che i gestori non erano riusciti a colmare il divario tra i prezzi dei fondi e il valore delle sue attività sottostanti. Saba ha anche cercato di rescindere il contratto di gestione di BlackRock per sei di essi.

Ma BlackRock venerdì ha annunciato che gli azionisti di otto fondi avevano mantenuto i direttori di BlackRock e che cinque tentativi di risoluzione erano falliti. Due fondi hanno posticipato la scadenza per la votazione al 16 luglio per cercare di raggiungere il quorum.

Weinstein ha condotto una campagna aggressiva contro la dirigenza di BlackRock come parte di un assalto più ampio al settore dei fondi chiusi da 250 miliardi di dollari. I fondi chiusi emettono un numero fisso di azioni quotate in borsa e utilizzano il capitale degli investitori per acquistare asset.

A differenza dei fondi comuni tradizionali, non consentono agli investitori di riscattare i valori patrimoniali netti dei fondi. Ciò significa che possono verificarsi discrepanze tra il prezzo delle azioni e il valore delle attività sottostanti. Saba, con sede a New York, ha investito 5,8 miliardi di $ in 200 fondi chiusi e spesso spinge i gestori a ridurre i gap di valutazione riacquistando azioni o convertendo i fondi in una struttura aperta che consenta riscatti.

Saba e Weinstein non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

I promotori dei fondi chiusi sostengono che la struttura consente loro di effettuare investimenti con una prospettiva a lungo termine e di investire denaro in attività illiquide, senza doversi preoccupare che rapidi rimborsi possano costringere a una svendita. Sostengono che i fondi sono vulnerabili agli attivisti che cercano profitti rapidi a scapito di guadagni a lungo termine.

Glenn Hubbard, presidente del consiglio di amministrazione dei fondi BlackRock, ha dichiarato: “Per il secondo anno consecutivo, Saba non è riuscita a convincere gli azionisti che Saba fornirà più valore rispetto agli attuali team di gestione e gestione dei fondi”.

“Queste campagne per procura hanno illustrato quanto siano vulnerabili i fondi chiusi per un singolo attivista, esplicito e dalle tasche profonde, il cui punto di vista sulle strategie e sulla governance dei fondi non è in linea con quello degli altri azionisti e dei loro obiettivi di investimento”, ha aggiunto. .

BlackRock ha affermato che in tutti i fondi, meno dell'11 percento delle azioni in circolazione ha votato con Saba per i suoi candidati o per la risoluzione del contratto di gestione.

Saba aveva affermato nelle presentazioni agli investitori che i gestori di BlackRock si erano “dimostrati incapaci di fornire una sovraperformance a lungo termine” e ha sottolineato la sua esperienza di collaborazione con consigli di amministrazione di altri fondi per ridurre le lacune di valutazione o convertirsi in fondi aperti.

BlackRock ha ribattuto sottolineando il record di Saba in due fondi chiusi che aveva rilevato da Voya e Franklin Templeton. Secondo la presentazione di BlackRock, le commissioni di gestione di ciascun fondo sono aumentate e i fondi hanno continuato a essere scambiati con uno sconto maggiore rispetto ai loro concorrenti, secondo le misurazioni di Morningstar.

Nella battaglia, BlackRock ha beneficiato degli statuti dei fondi che richiedono ai nuovi candidati di finanziare i consigli di amministrazione di ottenere l'approvazione dalla maggioranza di tutti gli azionisti, non solo di quelli che votano. Saba ha contestato tali statuti in tribunale. Il consulente per i delegati Institutional Shareholder Services ha raccomandato agli azionisti di respingere le richieste di risoluzione ma di sostenere alcuni dei candidati di Saba.

Weinstein ha anche acquistato quote di fondi comuni di investimento britannici, un tipo di veicolo di investimento strutturato come una società per azioni, con caratteristiche simili ai fondi chiusi statunitensi.