Sab. Mag 18th, 2024
La disputa sui confini ostacola l’oleodotto del Niger costruito in Cina

Ciao da Londra e bentornati a Energy Source.

Oggi il mio collega Aanu Adeoye scrive di un nuovo progetto di gasdotto di 2.000 km tra il Niger senza sbocco sul mare e il suo vicino costiero meridionale, il Benin.

Gli oleodotti, insieme ad altre infrastrutture energetiche, rappresentano un’area potenzialmente enorme di crescita, soprattutto nell’Africa sub-sahariana, che ha solo 13.000 km circa di condotte operative per prodotti petroliferi e di gas, rispetto agli oltre 100.000 km degli Stati Uniti, secondo ad a nuovo rapporto dal rivenditore di carburante Puma Energy.

Attualmente, oltre l’80% del carburante nell’Africa sub-sahariana viene trasportato tramite autocisterne, aumentando il rischio di incidenti e ingorghi. Ma come Aanu rivela di seguito, la gestione di gasdotti transfrontalieri è tutt’altro che semplice.

Grazie per aver letto. — Malcolm

La disputa sui confini ritarda le prime esportazioni di petrolio del Niger

Il Niger è sul punto di diventare una major petrolifera regionale, con una mossa che potrebbe avere ramificazioni geopolitiche di vasta portata, se riuscirà a risolvere una disputa sul confine con il vicino Benin.

Un ambizioso gasdotto da 110.000 b/g che si estende per 2.000 km dal Niger al vicino sudoccidentale del Benin è stato completato a marzo dalla China National Petroleum Corporation dopo un ritardo di mesi a causa delle sanzioni imposte dalla Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale al Niger a seguito di un colpo di stato militare lo scorso luglio. Il petrolio avrebbe dovuto iniziare a fluire subito dopo: sarebbero state le prime esportazioni di greggio del Niger.

Il Niger produce 20.000 b/g dal bacino del Rift di Agadem, nel sud-est del paese, la maggior parte dei quali da progetti CNPC. Il petrolio proveniente da lì, raffinato localmente, viene consumato a livello nazionale poiché il Niger non dispone di rotte di esportazione.

La costruzione del gasdotto è iniziata nel 2019 e i costi sono aumentati oltre i 5 miliardi di dollari preventivati. Dovrebbe essere un punto di svolta per il Niger, trasformandolo in un importante esportatore regionale, collegando i giacimenti petroliferi di Koulele ad Agadem al porto di Seme in Benin. Si prevede che il gasdotto trasporterà inizialmente 90.000 b/g prima di aumentare fino a 110.000 b/g.

È qui che la disputa sul confine diventa cruciale. Il Niger, una vasta nazione desertica nel Sahel, la striscia semiarida a sud del Sahara, è senza sbocco sul mare e confina su tutti i lati con paesi dell’Africa occidentale, centrale e settentrionale. Non ha accesso al porto e spesso fa affidamento sul Benin e sul Togo per le importazioni e le esportazioni.

Essere una nazione senza sbocco sul mare è sempre stata una sfida significativa ma non un problema particolarmente insormontabile, finché il Niger mantiene relazioni amichevoli con i suoi vicini dell’Africa occidentale. In quanto membri del blocco Ecowas, il commercio dovrebbe essere più semplice e meno oneroso tra gli Stati. Quando la costruzione iniziò, cinque anni fa, il Niger era una democrazia, governata dal presidente Mahamadou Issoufou, a cui successe Mohamed Bazoum nel 2021.

Ma l’anno scorso una giunta chiamata Consiglio Nazionale per la Salvaguardia della Patria ha preso il controllo dello Stato e il generale Omar Tchiani, ex capo della guardia presidenziale, è diventato presidente. In risposta, Ecowas ha annunciato severe sanzioni che hanno contribuito a una crisi umanitaria in uno dei paesi più poveri del mondo. Fondamentale per l’oleodotto, ha anche impedito l’importazione delle attrezzature necessarie per il progetto poiché le frontiere erano chiuse. Da allora tali sanzioni sono state allentate, portando al completamento del gasdotto, ma i gelidi rapporti diplomatici tra Niger e Benin continuano a ostacolare il processo.

Il Niger ha rifiutato di aprire i suoi confini terrestri con il Benin nonostante il suo vicino lo abbia fatto dopo la revoca delle sanzioni Ecowas, il che significa che le merci provenienti dal Benin non possono entrare nel paese. Ciò ha messo a dura prova le imprese beninesi attive nel commercio transfrontaliero con il Niger. Il Niger ha affermato che non riaprirà la frontiera terrestre con il Benin a causa di problemi di sicurezza e ha accusato il suo vicino di violare gli accordi commerciali tra i due paesi e la CNPC.

Il presidente del Benin Patrice Talon ha dichiarato la scorsa settimana che le esportazioni di petrolio dal Niger avverrebbero solo se il paese aprisse i suoi confini. “Se vuoi caricare il tuo petrolio nelle nostre acque, non puoi vedere il Benin come un nemico e allo stesso tempo aspettarti che il tuo petrolio attraversi il nostro territorio”, ha detto.

Un esperto stima che il Benin stia perdendo 7 milioni di dollari in tasse di esportazione giornaliere che il Niger avrebbe pagato.

Dopo il colpo di stato, la giunta al potere si è spostata dai tradizionali alleati occidentali per abbracciare partner alternativi. Il Niger ha cacciato le truppe dell’ex potenza coloniale francese e ha ordinato alle forze statunitensi di andarsene. A sua volta, l'Africa Corps russo, il nuovo nome della compagnia militare privata precedentemente nota come Gruppo Wagner, è arrivato nella capitale Niamey.

La Cina sta inoltre espandendo i suoi già stretti legami con il Niger. Ha anticipato 400 milioni di dollari per aiutare il paese a ripagare il crescente debito accumulato dopo la presa del potere militare. Il prestito prevede un tasso di interesse del 7% e il Niger ripagherà la Cina inviando la quantità equivalente di petrolio in un periodo di 12 mesi.

La Cina, tuttavia, probabilmente osserverà questa disputa in disparte poiché intrattiene rapporti affettuosi con entrambe le parti.

“Dubito che la Cina sarebbe troppo coinvolta in questa disputa perché l’interesse di entrambe le parti, in particolare del Niger, sarebbe quello di risolvere la questione”, ha detto Rachel Ziemba, consulente senior di Horizon Engage, sottolineando che quello che dovrebbe essere un piccolo ritardo sarebbe non influisce su Pechino poiché vede il Niger come un potenziale gioco a lungo termine.

I nuovi governanti del Niger hanno ripetutamente affermato che daranno priorità alla sovranità economica e alla costruzione di nuove alleanze con partner non occidentali. Il Fondo monetario internazionale prevede che la produzione di petrolio spingerà l’economia del Niger a una crescita dell’11% quest’anno, il tasso più veloce per qualsiasi nazione sub-sahariana. Se ciò dovesse accadere, il Niger dovrà essere gentile con il suo vicino in modo che il petrolio inizi a fluire dal loro nuovo brillante progetto. (Aanu Adeoye)

Punti di potere