Gio. Lug 25th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il Regno Unito rischia di interrompere il “attento equilibrio” della legislazione proposta per regolamentare le piattaforme Big Tech se persegue i cambiamenti ricercati dal settore, ha avvertito Rishi Sunak un ex consigliere di Obama.

L’economista Jason Furman, insieme ad altri accademici di alto profilo che facevano parte di una giuria ufficiale del concorso digitale del Regno Unito nel 2018, ha lanciato l’avvertimento in una lettera inviata giovedì al primo ministro.

La lettera, fornita al MagicTech, è arrivata dopo rapporti che il governo potrebbe annacquare la proposta di legge sui mercati digitali, sulla concorrenza e sui consumatori in fase di approvazione in parlamento.

Il disegno di legge è destinato a conferire a un nuovo regolatore tecnologico il potere di stabilire regole radicali per gruppi come Meta e Alphabet e di imporre pesanti multe per le violazioni.

L’industria tecnologica, tra cui Apple e Microsoft, ha esercitato pressioni sul governo per apportare modifiche al disegno di legge più facile ricorrere in appello contro le decisioni del regolatore.

La lettera afferma che Sunak sta prendendo “seria considerazione le possibili modifiche alla legislazione” richieste dall’industria tecnologica.

Non ha specificato quali modifiche, ma ha messo in guardia Sunak dal consentire “alle grandi piattaforme tecnologiche di sfuggire a una regolamentazione efficace intrappolando il regolatore in una rete di contenziosi e ritardi tattici e contraddittori”.

“Ciò di cui abbiamo bisogno è un regolatore del Regno Unito che possa anticipare i problemi di concorrenza nei mercati digitali e lavorare in modo partecipativo e agile con tutte le parti interessate”, si legge nella lettera.

Il disegno di legge è stato presentato in parlamento ad aprile dopo che Furman ha effettuato una revisione commissionata dal governo, pubblicata nel 2019, che ha concluso che i giganti della tecnologia stavano usando la loro posizione dominante per soffocare la concorrenza e aumentare i profitti.

La lettera indirizzata a Sunak questa settimana è stata firmata anche da accademici che hanno contribuito a quel rapporto, tra cui Philip Marsden, professore al Collegio d’Europa di Bruges.

Il settore tecnologico del Regno Unito lo è valutato intorno al trilione di dollari e il governo desidera rimanere attraente per gli investimenti nel settore spaziale, che include Big Tech.

La lettera si aggiunge al crescente coro di preoccupazioni sollevate successivamente al governo rapporti che le grandi aziende tecnologiche stavano cercando emendamenti al disegno di legge per rendere più facile per loro ricorrere in appello contro le decisioni di applicazione. Anche la baronessa Tina Stowell, presidente del comitato per le comunicazioni e il digitale della Camera dei Lord scrisse a Sunak questa settimana chiedendogli di sostenere il progetto di legge sui ricorsi.

L’Autorità per la concorrenza e i mercati regolerà il settore attraverso una nuova unità per i mercati digitali. Questo è stato istituito nel 2021, ma fino a quando la legislazione non sarà approvata non potrà stabilire regole o emettere sanzioni.

Secondo le proposte attuali, le aziende possono avvalersi di un controllo giurisdizionale per contestare le decisioni. I controlli giudiziari valutano solo il processo e la base giuridica di una decisione, non il merito.

L’industria tecnologica sta cercando di ampliare le opzioni di ricorso per consentire che le decisioni siano contestate nel merito dell’azione coercitiva sottostante.

La CMA ha rifiutato di commentare la lettera o eventuali modifiche proposte.

Il Dipartimento per la Scienza, l’Innovazione e la Tecnologia ha affermato che il disegno di legge “guiderà l’innovazione, farà crescere l’economia e fornirà risultati migliori per i consumatori”.

“Continueremo a lavorare a stretto contatto e a impegnarci con le autorità di regolamentazione mentre presentiamo questo disegno di legge”, ha aggiunto.