Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I prezzi dell’oro hanno registrato un forte rialzo da quando è scoppiato il conflitto Hamas-Israele, evidenziando ulteriormente la divergenza nella sua relazione a lungo termine con i titoli del Tesoro statunitense mentre gli investitori fuggono verso i beni rifugio.

I prezzi del metallo prezioso sono aumentati del 10% a 1.996 dollari per oncia troy, toccando il massimo di cinque mesi, dopo che Hamas ha lanciato attacchi contro Israele due settimane fa.

Con la regione che rischia di finire in un conflitto più ampio, gli investitori hanno acquistato oro, considerato una riserva di valore in periodi di incertezza geopolitica e di mercato.

“È il premio per il rischio geopolitico che è arrivato per l’oro”, ha affermato Nicky Shiels, stratega dei metalli presso MKS Pamp, un raffinatore e commerciante svizzero di metalli preziosi.

Tuttavia, l’aumento dell’oro ha anche messo ulteriormente a dura prova la sua tipica correlazione con i rendimenti reali – rendimenti obbligazionari statunitensi adeguati all’inflazione – che è rimasta in gran parte mantenuta dalla crisi finanziaria del 2008. Normalmente, i rendimenti più elevati sui titoli del Tesoro spingono il prezzo dell’oro al ribasso rendendo il metallo a rendimento zero meno attraente al confronto.

Questa relazione si è interrotta durante l’enorme aumento dei rendimenti reali nell’ultimo anno, con l’oro che è stato sostenuto da acquisti record da parte delle banche centrali, mentre alcuni paesi miravano a ridurre la loro dipendenza dal dollaro dopo che Washington ha utilizzato la sua valuta come arma nelle sanzioni contro la Russia.

Gli analisti hanno affermato che anche l’oro avrebbe probabilmente beneficiato dell’incertezza in Medio Oriente perché ha rafforzato la cautela della Federal Reserve sulla direzione futura dei tassi di interesse statunitensi. Giovedì, il presidente della Fed Jay Powell ha affermato che le tensioni geopolitiche innescate dalla guerra tra Israele e Hamas “pongono rischi importanti per l’attività economica globale”.

La violenza in Medio Oriente ha invertito la recente caduta dell’oro, poiché l’aumento dei rendimenti obbligazionari ha spinto il metallo giallo a 1.820 dollari per oncia troy.

Altri sostengono che la velocità della rivalutazione del mercato obbligazionario stia effettivamente spingendo gli investitori verso l’oro.

“L’altra parte della storia è che i rendimenti aumentano così tanto. Ciò ha probabilmente spaventato le persone a causa della fragilità dei mercati”, ha affermato Ryan McIntyre, socio amministratore di Sprott Inc, un investitore in metalli preziosi con oltre 25 miliardi di dollari di asset in gestione.

Marcus Garvey, responsabile della strategia sulle materie prime presso Macquarie, ha affermato che il rally dell’oro è stato in parte dovuto anche al fatto che i trader che avevano scommesso sul declino del metallo sono stati costretti ad abbandonare le loro posizioni. “Un aspetto chiave è che il punto di partenza era che il mercato era piuttosto breve”, ha affermato.

I prezzi globali sono stati sostenuti anche dalla forte domanda in Cina, riflessa dal prezzo di Shanghai che viene scambiato con un notevole premio rispetto al suo equivalente a Londra. A settembre ha raggiunto una differenza record dopo che la banca centrale cinese ha imposto restrizioni temporanee alle importazioni di oro nel tentativo di difendere il renminbi.

Tuttavia, alcuni analisti si chiedono se il sostegno ai prezzi dell’oro sia più ampio di una corsa degli investitori verso luoghi sicuri dove parcheggiare i propri soldi.

“L’impennata dei rendimenti reali di questa settimana avrebbe dovuto davvero mettere il tappeto sotto l’oro”, ha affermato Adrian Ash, direttore della ricerca presso BullionVault, un mercato di metalli preziosi. “La grande domanda al momento è chi sta sostenendo il prezzo. . . Penso che siano le banche centrali”.