Mar. Giu 18th, 2024
La start-up della borsa texana suscita una risposta scettica da parte del settore

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il tentativo della nuova Borsa del Texas di spezzare il dominio di New York sui mercati azionari statunitensi ha incontrato lo scetticismo di rivali, trader e sostenitori degli investitori, nonostante il sostegno di BlackRock e Citadel Securities.

TXSE, il gruppo con sede a Dallas dietro la futura Borsa del Texas, ha dichiarato mercoledì che richiederà l'approvazione della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti per diventare un nuovo hub per le società quotate e per l'industria dei fondi negoziati in borsa da 8,6 trilioni di dollari.

Ha raccolto 120 milioni di dollari dagli investitori, compresi i due pesi massimi degli investimenti, per soddisfare le esigenze di aziende e altri emittenti che “chiedevano maggiore stabilità e prevedibilità riguardo agli standard di quotazione e ai costi associati”.

James Lee, il suo fondatore e amministratore delegato, ha aggiunto che TXSE alla fine “creerà più concorrenza sull’attività di quotazione, liquidità e trasparenza, con il risultato di mercati più coerenti e affidabili” a vantaggio di investitori, emittenti e fornitori di liquidità.

L'exchange ha parlato delle attrattive del Texas, sottolineando che il Lone Star State ha più aziende Fortune 500 di qualsiasi altro stato degli Stati Uniti. I suoi commenti sulle quotazioni sono stati interpretati da molti come un piano per offrire standard meno onerosi di quelli richiesti dalla Borsa di New York o dal suo rivale Nasdaq. Ma i partecipanti al mercato hanno messo in dubbio la capacità di TXSE di fare progressi in un mercato affollato.

Esistono già 24 borse valori regolamentate statunitensi – un gruppo che comprende opzioni e mercati azionari – ma mentre tutte offrono scambi, le due borse con sede a New York dominano l’attività di quotazione di nuove società e di mantenimento degli standard per quelle che già ospitano. Molti altri, tra cui IEX, hanno tentato di rompere il duopolio nell’ultimo decennio, ma con scarso successo.

“Ci abbiamo provato. Abbiamo fatto bene il [exchange traded fund] Da un lato, ma dall'altro lato della quotazione aziendale, è difficile”, ha affermato Fred Tomczyk, amministratore delegato di Cboe Global Markets, il terzo mercato azionario più grande degli Stati Uniti. “Se hai intenzione di provare a farlo con un tocco normativo più leggero, non so come farlo perché abbiamo un regolatore.”

“Il mondo ha bisogno di un’altra sede competitiva per la quotazione delle aziende? La mia risposta probabilmente è no, ma auguro loro buona fortuna”, ha detto mercoledì Doug Cifu, CEO e co-fondatore del market maker Virtu, quotato al Nasdaq, alla conferenza annuale di borsa di Piper Sandler.

Cifu ha detto di aver rifiutato la possibilità di investire in TXSE perché non era convinto della sua spinta alle quotazioni.

“Penso che Nasdaq e [the] New York [Stock Exchange] fare un lavoro meraviglioso. Sono altamente competitivi”, ha aggiunto.

Il Nasdaq e il NYSE, parte dell'Intercontinental Exchange, hanno rifiutato di commentare. Un alto funzionario della Borsa con sede a New York ha sottolineato la storia dei tentativi falliti di rompere la stretta mortale tra NYSE e Nasdaq, aggiungendo: “La maggior parte di quella regolamentazione non proviene dalle borse; è il regolatore.

La Borsa a lungo termine con sede a San Francisco è stata lanciata nel 2020 con l'obiettivo di attirare investitori buy-and-hold e finora ha quotato due società. Non ha risposto ad una richiesta di commento.

IEX, che ha lanciato il trading nel 2013 e l'attività di quotazione nel 2017, ha attirato solo una quotazione quando ha chiuso l'unità nel 2019 per concentrarsi sul trading. Quella società, Interactive Brokers, è tornata al Nasdaq.

“Nasdaq e NYSE chiedono molto che non è necessariamente il meglio per le aziende. Capisco che le loro intenzioni siano buone, ma costringere le persone a fare è troppo”, ha detto mercoledì al MagicTech Thomas Peterffy, fondatore e presidente miliardario di Interactive Brokers.

Una norma Nasdaq del 2021 che richiede la divulgazione della diversità nei consigli di amministrazione da parte delle società e una spiegazione se il loro consiglio non è diversificato, è stata particolarmente attaccata. A febbraio, la Corte d'Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti ha accettato di esaminare un caso portato avanti da gruppi conservatori che cercavano di ribaltare la regola.

I sostenitori degli investitori, tuttavia, hanno espresso diffidenza nei confronti di una nuova borsa che offra standard di quotazione più favorevoli alle aziende.

“Le grandi aziende di tutto il mondo si quotano sul NYSE e sul Nasdaq perché sanno che ciò aiuterà a suscitare l’interesse degli investitori”, ha affermato Tyler Gellasch, presidente della Healthy Markets Association, che ha osservato che le aziende si sono lamentate degli onerosi standard di quotazione “per decenni”.

“È facile capire perché le aziende vogliono standard di quotazione più bassi e più amichevoli”, ha aggiunto, “ma perché gli investitori dovrebbero?”

Dennis Kelleher, presidente del gruppo di difesa della riforma finanziaria Better Markets, ha dichiarato: “Gli amministratori delegati hanno già troppi amici che inclinano il campo di gioco a loro favore; Gli investitori hanno bisogno di più amici se si vuole che gli Stati Uniti continuino ad avere i mercati più profondi e liquidi del mondo”.

TXSE ha rifiutato di commentare oltre il suo comunicato stampa. Citadel ha inoltre rifiutato di commentare ulteriormente, mentre un portavoce di BlackRock ha affermato di essere “orgoglioso di essere un investitore fondatore nella Borsa del Texas per aumentare la liquidità e migliorare l'efficienza del mercato per i clienti di BlackRock e altri investitori nei mercati dei capitali statunitensi”.

Sia Citadel Securities che BlackRock hanno una storia di investimenti in sedi di negoziazione start-up, compreso il lancio nel 2020 di Members Exchange, che scambia azioni.