Mar. Mag 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La svendita dei bond è finita?

Questa settimana gli investitori nel debito hanno avuto un po’ di sollievo grazie al rally delle obbligazioni, che ha spinto il rendimento dei titoli del Tesoro USA di riferimento al ribasso rispetto ai massimi di 16 anni, dopo i dati sull’occupazione più forti del previsto del 6 ottobre.

I rendimenti dei titoli del Tesoro decennali sono scesi di 0,15 punti percentuali questa settimana al 4,63%, nonostante un breve rimbalzo giovedì quando i dati ufficiali hanno mostrato che il tasso di inflazione statunitense non era riuscito a diminuire in linea con le aspettative. I rendimenti si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi.

Dopo un crollo del mercato in cui i rendimenti del debito americano di riferimento sono aumentati di 1,6 punti percentuali in sei mesi, gli investitori e gli economisti si chiedono ora se i tassi di interesse e i rendimenti obbligazionari abbiano raggiunto il picco.

Un certo numero di relatori della Federal Reserve questa settimana hanno segnalato che la banca centrale potrebbe aver finito di alzare i tassi di interesse, con Philip Jefferson, vicepresidente della Fed, che ha suggerito che il forte aumento dei rendimenti a lungo termine potrebbe contribuire a frenare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi.

Gli analisti di Capital Economics ritengono che i rendimenti obbligazionari continueranno a scendere “perché riteniamo che una crescita deludente e un’inflazione inferiore alle attese porteranno la Fed a tagliare i tassi prima e in misura maggiore di quanto attualmente scontato sui mercati”.

Ma altri non sono convinti. Florian Ielpo, responsabile macro di Lombard Odier Investment Managers, si aspetta che la politica monetaria rimanga sul lato aggressivo mentre l’inflazione persiste al di sopra del target e i tassi di risparmio in diminuzione spingono verso l’alto i tassi di interesse reali – tassi dopo aver tenuto conto dell’inflazione – mentre aumenta la minore quantità di capitale disponibile il suo costo.

“Entrambi i fattori combinati rendono il 5% per il decennale statunitense un solido ancoraggio”, ha affermato. Mary McDougall

L’inflazione nel Regno Unito continua a scendere?

La maggior parte degli economisti prevede che i dati pubblicati mercoledì mostreranno un nuovo rallentamento dell’inflazione nel Regno Unito a settembre.

Un calo maggiore del previsto del tasso annuo di crescita dei prezzi al 6,7% in agosto ha spinto la Banca d’Inghilterra a lasciare invariati i tassi di interesse a settembre dopo 14 aumenti consecutivi. Un altro calo dell’inflazione potrebbe contribuire a rafforzare le aspettative degli investitori secondo cui la BoE manterrà i tassi invariati nella prossima riunione del 2 novembre.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che l’inflazione dei prezzi al consumo sarà scesa al 6,5% il mese scorso, con un’inflazione core in calo al 6% dal 6,2% di agosto.

Tuttavia, un aumento a sorpresa dell’inflazione potrebbe modificare le aspettative del mercato. I dati sul mercato del lavoro, pubblicati martedì, saranno inoltre attentamente monitorati da investitori e politici per individuare segnali di persistente pressione sui prezzi interni.

Ellie Henderson, economista di Investec, ha affermato che gli adeguamenti annuali alle tasse scolastiche private e l’aumento dei prezzi della benzina spingerebbero al rialzo l’inflazione a settembre, ma ritiene che questi sarebbero controbilanciati da un allentamento della pressione sui prezzi di cibo e abbigliamento.

Le misure non ufficiali dell’inflazione alimentare, come l’inflazione al dettaglio e l’inflazione dei generi alimentari pubblicate dal British Retail Consortium e dalla società di ricerca Kantar, hanno entrambi mostrato un allentamento delle pressioni sui prezzi a settembre.

Secondo Sanjay Raja, economista della Deutsche Bank, la tendenza al ribasso dell’inflazione dovrebbe continuare oltre settembre. “Dopo consistenti sorprese al rialzo nella prima metà dell’anno, prevediamo che l’inflazione continuerà la sua discesa in gran parte senza sosta nella seconda metà del 2023”, ha affermato.

Si aspettava inoltre che l’inflazione sarebbe stata inferiore alle proiezioni della Banca d’Inghilterra sia a settembre che per il resto dell’anno.

Tuttavia, Henderson di Investec ha messo in guardia sui “rischi al rialzo” per le prospettive di inflazione, in particolare a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia derivante dalla guerra in Israele e Gaza, dai tagli alla fornitura di petrolio da parte dell’Arabia Saudita e dal gasdotto danneggiato nel nord Europa. Valentina Romei

Quanto velocemente cresce l’economia cinese?

Con la Cina che fatica a ripristinare la fiducia nelle sue prospettive economiche e gli investitori stranieri che continuano ad evitare le azioni cinesi, i mercati si concentreranno sui dati del prodotto interno lordo del terzo trimestre pubblicati mercoledì, nonché sui potenziali movimenti dei tassi di interesse di riferimento.

La previsione mediana degli economisti intervistati da Bloomberg indica che l’economia è cresciuta del 4,5% su base annua nel terzo trimestre. Si tratterebbe di un risultato più lento rispetto al secondo trimestre – in gran parte grazie a un effetto base ora assente – e anche nettamente inferiore all’obiettivo di Pechino di una crescita annua di “circa 5%”.

Gli economisti dell’ANZ si aspettano che la crescita corrisponda alle aspettative sulla scia dei miglioramenti degli altri dati principali che saranno pubblicati mercoledì – produzione industriale, vendite al dettaglio e investimenti in immobilizzazioni – con una sovraperformance in ognuno di questi che potrebbe spingere le azioni al rialzo.

I dati sulla crescita probabilmente influenzeranno le aspettative in vista degli annunci sui tassi di interesse di venerdì, con la maggior parte degli economisti che si aspettano che le banche cinesi lascino invariati i tassi di riferimento sui prestiti a uno e cinque anni.

Ma gli economisti dell’ANZ suggeriscono che “esiste la possibilità che le banche decidano di tagliare l’LPR a un anno di 0,05 punti percentuali”, dando potenzialmente una spinta alla liquidità a breve termine nel sistema bancario cinese. Hudson Lockett