Ven. Mar 1st, 2024

BlackRock acquisirà Global Infrastructure Partners per 12,5 miliardi di dollari

Roccia nera amministratore delegato Larry Fink è alla ricerca da anni del partner giusto per i mercati privati ​​per rendere il suo gestore finanziario da 10 trilioni di dollari un attore formidabile negli investimenti alternativi quanto lo è nella gestione patrimoniale tradizionale.

Venerdì ha annunciato una transazione che potrebbe fare proprio questo. BlackRock ha raggiunto un accordo per l’acquisto Partner per le infrastrutture globali per oltre 12,5 miliardi di dollari in contanti e azioni, una mossa che aumenterà sostanzialmente la sua presenza negli asset alternativi.

L’acquisizione di GIP, che ha circa 106 miliardi di dollari di asset in gestione, renderà BlackRock il secondo gestore mondiale di asset infrastrutturali privati ​​e rafforzerà la leadership del suo business alternativo.

Fink è apertamente alla ricerca di un accordo trasformativo sulla falsariga dell’acquisto di 2009 BGI da Barclays ciò ha dato a BlackRock una posizione dominante negli investimenti passivi e ha contribuito a renderla il più grande gestore di denaro del mondo.

Ma le sue aperture al private equity, al credito privato e agli hedge fund raramente andavano oltre il primo pasto, scrivono i miei colleghi Brooke Masters E Antonio Gara in questa analisi. Spesso le culture o i modelli di business si scontravano. Quando i titani dell’alternativa furono incuriositi dall’idea di un collegamento, si dimostrarono riluttanti a dare a BlackRock il controllo di maggioranza che desiderava.

Global Infrastructure Partners era diverso. Quando Fink e GIP fondano Adebayo Ogunlesi si sono incontrati per una cena di ottobre a Fasano, un ristorante italiano a pochi passi dal Rockefeller Center di New York, il menu prevedeva piani per una combinazione che avrebbe potuto scuotere il settore della gestione degli investimenti.

Ogunlesi aveva trasformato la GIP in meno di due decenni in una delle aziende più importanti nel lucroso settore degli investimenti privati. Con appena 400 persone, il suo gruppo di investimenti in infrastrutture era cresciuto fino a detenere asset per 106 miliardi di dollari, tra cui partecipazioni negli aeroporti di Sydney e Londra, porti, energia verde e grandi oleodotti.

Fink e Ogunlesi, che si sono conosciuti mentre lavoravano Prima Boston prima che fosse acquistato da Credito Suisse negli anni ’80, condividevano la visione secondo cui gli investimenti infrastrutturali sarebbero stati la parte in più rapida crescita dei mercati privati ​​negli anni a venire.

L'istogramma delle risorse globali in gestione (milioni di dollari) mostra che i fondi infrastrutturali stanno crescendo rapidamente

Credevano inoltre che il capitale privato, un settore avviato decenni fa da piccoli gruppi di affaristi mercenari, stesse entrando in una fase di consolidamento in cui le dimensioni, le risorse e la capacità di ottenere l’accesso alle più grandi aziende del mondo sarebbero state fondamentali.

Venerdì Fink ha detto agli analisti che la combinazione alimenterà e soddisferà la crescente domanda di infrastrutture da parte dei fondi sovrani e dei ricchi.

“BlackRock e GIP saranno in grado di mettere in contatto i nostri clienti con opportunità più grandi e migliori, accelerando al tempo stesso la crescita, diversificando i ricavi e generando utili per i nostri azionisti”, ha affermato. “Non potremmo essere più emozionati”.

Leggi l’analisi completa di come è nato l’accordo qui. E non perdetevi il profilo di Ogunlesi di Antoine e Brooke, che è diventato capo dell’investment banking presso Credit Suisse prima di fondare GIP nel 2006.

Terry Smith e Nick Train subiscono deflussi

Terry Smith, a sinistra, e Nick Train ©FT montaggio/Alamy/Shutterstock

La continua marcia di offerte azionarie passive a basso costo e il più recente spostamento verso prodotti cash ad alto rendimento hanno due vittime importanti: Terry Smith E Nick Treno.

Lo scorso anno la coppia di gestori di fondi stellari del Regno Unito ha subito deflussi per 2,2 miliardi di sterline Sally Hickey a Londra.

Il Fundsmith Equity Fund di Terry Smith e il WS Lindsell Train UK Equity Fund di Nick Train sono stati colpiti da rimborsi ogni mese nel 2023, con deflussi netti annuali pari rispettivamente a 1,4 miliardi di sterline e 800 milioni di sterline, secondo i dati di Fonditore E Stella del mattino spettacolo.

L’ondata di rimborsi riflette un contesto più difficile per i gestori di fondi attivi. I mercati volatili hanno ostacolato la performance dei due fondi, mentre gli investitori sono stati attratti da tracker a basso costo e prodotti cash che offrono i tassi più alti degli ultimi dieci anni.

Una combinazione di pressioni sul costo della vita, tassi ipotecari più elevati e sottoperformance dei mercati azionari britannici rispetto ai mercati azionari statunitensi e a reddito fisso globali ha indotto gli investitori britannici a ritirarsi dai fondi di investimento negli ultimi due anni.

“L’intero settore della gestione dei fondi azionari ha registrato grandi deflussi nel 2023 ed è impossibile per noi evitare questa tendenza”, Smith, fondatore e amministratore delegato di Fonditore ha detto in una risposta via email.

Il fondo Fundsmith Equity non sovraperforma l’indice MSCI World dal 2020, con un rendimento del 12,4% lo scorso anno rispetto al 16,8% dell’indice. Il patrimonio gestito da Fundsmith è sceso da 28,9 miliardi di sterline alla fine di dicembre 2021 a 23,7 miliardi di sterline due anni dopo.

Tuttavia, il fondo ha battuto l’indice MSCI World su base annualizzata sin dal suo lancio nel 2010, con un rendimento del 15,3% rispetto all’11,5% dell’indice.

Lo stile di Smith è quello di investire in un numero limitato di “società in crescita globale, resilienti e di alta qualità”, principalmente negli Stati Uniti, che intende mantenere a lungo termine.

I cinque principali contributori alla performance del fondo lo scorso anno sono stati Meta piattaforme, Microsoft, Novo Nordisk, L’Oréal E Laboratori IDEXX. I cinque maggiori detrattori sono stati Estee Lauder, McCormick, Diageo, Mettler-Toledo E Marrone Forman.

“Abbiamo chiarito fin dall’inizio che non ci aspettiamo che la nostra strategia, o qualsiasi altra strategia, superi il mercato o addirittura ottenga un rendimento positivo in tutti i periodi di riferimento e in tutte le condizioni di mercato”, ha affermato Smith. “Crediamo che gli investitori debbano valutare i nostri rendimenti nel lungo termine”.

Grafico della settimana

Il grafico a linee del debito pubblico globale come percentuale del PIL mostra che la crescita del debito globale supera l’economia

Gli investitori stanno mettendo in guardia i governi di tutto il mondo dai livelli di debito pubblico “non ancorati”, affermando che l’eccessivo indebitamento pre-elettorale rischia di innescare una reazione negativa sul mercato obbligazionario.

Si prevede che l’emissione di debito pubblico negli Stati Uniti e nel Regno Unito raggiungerà il livello più alto mai registrato nel prossimo anno, ad eccezione delle prime fasi della pandemia di Covid, scrive Mary McDougall a Londra.

I mercati emergenti sono destinati ad aumentare il diluvio di vendite di obbligazioni, dopo che il debito pubblico è salito al massimo storico del 68,2% del PIL l’anno scorso, secondo l’Agenzia. Istituto di finanza internazionale.

I deficit sono “fuori controllo e la verità è che non esiste alcun meccanismo per riportarli sotto controllo”, ha affermato Jim Cielinskiresponsabile globale del reddito fisso presso Janus Henderson.

Ha aggiunto che la questione diventerà una seria preoccupazione per i mercati “nei prossimi sei-dodici mesi come qualcosa che conta[s] molto”.

Il Tesoro americano emetterà quest’anno circa 4mila miliardi di dollari di obbligazioni con una scadenza compresa tra due e 30 anni, secondo le stime di Apollo Gestione Globalein aumento rispetto ai 3 trilioni di dollari dello scorso anno e ai 2,3 trilioni di dollari del 2018.

Emissione netta, corretta per Riserva federale acquisti e debito esistente in scadenza, secondo i calcoli di Mercati dei capitali RBC, il secondo anno più alto mai registrato. La banca canadese stima che le emissioni nette nel 2024-2025 supereranno i livelli dell’era della pandemia.

Secondo i gestori dei fondi, è probabile che l’entità dei prestiti distragga i mercati dalla loro attenzione più tipica sul percorso futuro dei tassi di interesse.

“Siamo davvero in un contesto disancorato per il debito pubblico rispetto ai secoli precedenti”, ha affermato Roberto Tippresponsabile delle obbligazioni globali presso Reddito fisso PGIM. “Tutti stanno ottenendo il consenso in questo momento, sia negli Stati Uniti che in Italia, ma recentemente ci sono stati alcuni segnali che gli investitori e le agenzie di rating stanno iniziando a pensarci di nuovo.”

Cinque storie imperdibili questa settimana

Il private equity non può più fare affidamento sul prestito di denaro a basso costo per alimentare i rendimenti e dovrà tornare alle sue origini, ovvero trovare buoni affari e apportare miglioramenti operativi, secondo Marc Nachmannresponsabile globale della gestione patrimoniale e patrimoniale presso Goldman Sachs. “Il private equity avrà un aspetto diverso nei prossimi 10 anni rispetto agli ultimi 10 anni”, ha affermato.

IL Commissione per i titoli e gli scambi ha approvato il primo exchange traded fund bitcoin spot in un momento spartiacque sul quale gli appassionati di criptovaluta scommettono attirerà nuovi investitori al dettaglio e istituzionali nel mercato. L’autorità di regolamentazione statunitense ha autorizzato la quotazione di 11 ETF, con sponsor che vanno da attori affermati come Fedeltà E Invesco ai nuovi arrivati ​​compresi Scala di grigi E Arca Investire.

Un gestore di portafoglio presso Izzy Englander‘S Gestione del Millennio si sta preparando a lanciare quello che sarebbe il più grande nuovo hedge fund in più di un anno dopo essersi assicurato 3 miliardi di dollari di capitale dal suo datore di lavoro e aver portato con sé fino a 30 dipendenti del personale di investimento. Diego Megia punta a un capitale degli investitori compreso tra 4 e 5 miliardi di dollari per il lancio di macro hedge fund Taula Capitale.

Gli hedge fund stanno sfidando le società di private equity sulle restrizioni che stabiliscono chi può prestare o acquistare il debito delle società sostenute da buyout, soppesando azioni legali per trarre vantaggio dall’ondata di difficoltà aziendali. Altrove nel private equity, il Gruppo Blackstone ha raccolto 1,3 miliardi di dollari per un fondo su misura per singoli clienti facoltosi, segnalando una ripresa dello slancio nei suoi sforzi per raggiungere investitori al di fuori della sua base di istituzioni come i fondi pensione.

Condivisioni Giove è crollato dopo che il gestore patrimoniale britannico ha affermato che lo scorso anno gli investitori hanno prelevato più denaro del previsto dai suoi fondi e ha annunciato l’uscita di un gestore di fondi di alto profilo. Ben Whitmorei cui fondi includono il Jupiter UK Special Situations Fund da 2,1 miliardi di sterline e il Jupiter Income Trust da 1,6 miliardi di sterline, lascerà l’azienda alla fine di luglio per fondare la propria azienda.

E infine

The Dunlin, una tenuta sul lungomare di 2.000 acri a Johns, la più grande delle paludose isole del mare di Charleston

Partenza con un aereo a reazione. . . Le grandi aperture alberghiere del 2024.