Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Secondo diversi esponenti di spicco coinvolti nei colloqui, l’Arabia Saudita sta ostacolando i negoziati di punta sul clima delle Nazioni Unite e facendo pressioni sulla loro presidenza, gli Emirati Arabi Uniti, nel tentativo di spostare l’attenzione lontano dalle nazioni produttrici di petrolio e gas.

Sultan al-Jaber, presidente della COP28 e capo della Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi, è “sotto forte pressione” da parte dell’Arabia Saudita, hanno detto negoziatori e funzionari europei.

Un funzionario del Golfo ha detto che i sauditi non erano contenti del modo in cui gli Emirati Arabi Uniti stavano gestendo le discussioni a Dubai. Il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, fratellastro del principe ereditario Mohammed bin Salman, ha mancato la sessione plenaria delle Nazioni Unite prevista sabato dopo essere stato ostacolato durante i negoziati, ha detto una persona informata sulla questione.

Il cartello petrolifero dell’Opec, dominato dai sauditi, ha anche lamentato che i colloqui cercano di esercitare “pressioni indebite e sproporzionate contro i combustibili fossili”, provocando una reazione da parte dei ministri europei.

In una lettera ai paesi dell’Opec Haitham Al Ghais, il dirigente petrolifero kuwaitiano in carica come segretario generale del cartello, ha chiesto loro di “rifiutare qualsiasi test o formula che miri all’energia, cioè ai combustibili fossili, piuttosto che alle emissioni”. A riferirlo per la prima volta è stata la Reuters.

Teresa Ribera, vice primo ministro spagnolo e co-responsabile del team negoziale della COP28 dell’UE, ha affermato che è “disgustoso che i paesi dell’Opec stiano spingendo contro il raggiungimento degli obiettivi dove deve essere”.

“Non stiamo parlando di eliminare completamente i combustibili fossili, ma a meno che non creiamo le condizioni [for emissions] procedere in modo da garantire l’eliminazione graduale, non avverrà”, ha detto Ribera. “Investiremo ancora trilioni di denaro che danneggiano il nostro clima”.

Jennifer Morgan, inviata tedesca per il clima, si è detta preoccupata del fatto che non tutti i paesi siano “costruttivamente impegnati”, e il ministro francese dell’energia Agnès Pannier-Runacher si è detta “sbalordita” e “arrabbiata” per la spinta dell’Opec.

“Conto sulla presidenza di [COP28] non lasciarsi impressionare da queste dichiarazioni e raggiungere un accordo che affermi un chiaro obiettivo di eliminazione graduale dei combustibili fossili”, ha affermato Pannier-Runacher.

Il seggio dell’Arabia Saudita è stato lasciato vuoto ai colloqui COP28 di Dubai poiché il suo ministro dell’Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, ha saltato il suo discorso programmato ©Reuters

Il commissario europeo per il clima Wopke Hoekstra ha invitato i partecipanti alla COP28 a non lasciare che i colloqui vengano deragliati. “Lo scopo del gioco è andare oltre l’interesse personale strettamente definito”, ha affermato.

L’Arabia Saudita è il più grande produttore e il membro più influente dei 13 paesi dell’Opec. Altri membri del gruppo includono Iraq ed Emirati Arabi Uniti, mentre il gruppo Opec+ è composto da altri 10 paesi, tra cui Russia, Messico e Kazakistan.

Nell’ultimo anno il cartello è diventato molto più aggressivo nell’opporsi a qualsiasi minaccia alla produzione di petrolio e gas. Ha attaccato più volte l’Agenzia internazionale per l’energia per la sua opposizione ai nuovi progetti sui combustibili fossili.

L’Opec ha accusato l’AIE di destabilizzare i mercati energetici e di mettere il mondo sulla buona strada per una futura crisi energetica.

L’IEA afferma che la domanda di petrolio, gas e carbone è destinata a raggiungere il picco prima della fine di questo decennio, ma sarà necessaria un’azione governativa più aggressiva per vedere la domanda diminuire in modo sufficientemente sostanziale da affrontare il cambiamento climatico.

L’Opec sostiene che la domanda di petrolio continuerà ad espandersi a causa della crescita demografica ed economica, prevedendo che sarà superiore di circa il 15% entro il 2045.

La questione del futuro dei combustibili fossili è diventata la questione decisiva della COP28, alimentando le tensioni geopolitiche mentre i colloqui entrano nei quattro giorni finali.

Sabato gli attivisti hanno organizzato un sit-in di protesta presso il padiglione dell’Opec alla conferenza di Dubai e hanno invitato la presidenza della COP28 a prendere le distanze dalla dichiarazione dell’Opec.

La presidenza della COP28 non ha commentato l’Opec ma ha fatto riferimento alla dichiarazione di Jaber di venerdì in cui sperava che i paesi raggiungessero un accordo sui “combustibili fossili che includa l’energia rinnovabile e l’efficienza energetica in linea con quanto ho detto prima: un paese giusto, giusto, equo e ordinato”. transizione.”

Tina Stege, inviata per il clima della Repubblica delle Isole Marshall, ha affermato che l’eliminazione graduale dei combustibili fossili “non è negoziabile”.

“Niente mette a rischio la prosperità e il futuro di tutte le persone sulla Terra, compresi tutti i cittadini dei paesi Opec, quanto i combustibili fossili”, ha affermato.