Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Per l’amministratore delegato di una delle compagnie petrolifere di maggior successo al mondo, presiedere un accordo sostenuto dalle Nazioni Unite per lo smaltimento dei combustibili fossili sembra un compito improbabile. Ma Sultan al-Jaber, il tecnocrate più fidato degli Emirati Arabi Uniti e capo della Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi, deve supervisionare proprio questo.

Al vertice sul clima COP28 di quest’anno, i negoziatori di quasi 200 paesi si stanno confrontando sul futuro dei combustibili fossili, che quando vengono bruciati contribuiscono maggiormente al riscaldamento globale. Gli Emirati Arabi Uniti, uno dei maggiori esportatori di petrolio al mondo, vogliono essere tra gli ultimi produttori di idrocarburi rimasti.

Mediare un accordo tra una vasta gamma di paesi, spesso con interessi concorrenti e contraddittori, non ultimi quelli dell’Arabia Saudita, è stata una sfida per Jaber. L’ascesa del cinquantenne nella burocrazia degli Emirati Arabi Uniti è stata guidata da una ferrea fiducia in se stesso abbinata a uno stile combattivo. Eppure la stessa forza di personalità che lo ha aiutato a spingerlo nei ranghi della tecnocrazia degli Emirati si è ora scontrata con il delicato compito diplomatico di creare consenso sul clima.

Parlando al FT in ottobre, Jaber ha lanciato un appello: “Abbiamo avuto 27 COP. Per favore, permettimi di consegnare qualcosa di tangibile questa volta. Ma alcuni hanno messo in dubbio l’idoneità di un boss petrolifero a guidare i negoziati sul clima più importanti del mondo, lasciando Jaber visibilmente arrabbiato all’idea che non sia la persona giusta per l’incarico.

In qualità di amministratore delegato fondatore di Masdar, Jaber – noto a tutti come Dr Sultan – ha dato agli Emirati Arabi Uniti una posizione nel campo dell’energia pulita tra gli esportatori di petrolio altrimenti in ritardo. È anche ministro dell’industria, supervisiona le offerte del conglomerato mediatico di Abu Dhabi per il Daily Telegraph del Regno Unito e siede nei consigli di amministrazione di diverse società fondamentali per i piani di diversificazione dell’emirato.

Il presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohammed bin Zayed al-Nahyan, lo ha scelto nel 2016 per ristrutturare la gigantesca compagnia petrolifera statale Adnoc. Lo ha aperto al capitale straniero provocando polemiche in patria tagliando il personale.

“I veri leader non vogliono vincere gare di popolarità – non gli importa incrociare le spade con nessuno”, dice un confidente di lunga data. “C’è solo un uomo che deve compiacere: il sovrano.”

Il quinto giorno della COP28, Jaber ha convocato i giornalisti per una conferenza stampa organizzata in tutta fretta durante la quale ha criticato i media per aver “travisato” le sue opinioni. Lo sfogo ha alimentato la percezione di non essersi adattato alle continue critiche dei media, ed è arrivato dopo che è emerso un video in cui Jaber affermava che non esisteva “nessuna scienza” che indicasse che era necessaria un’eliminazione graduale dei combustibili fossili per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

Nell’ultimo anno, una serie di costose società di pubbliche relazioni sono state reclutate dall’emirato per gestire l’organizzazione della COP28 e per massaggiare la reputazione di uno dei luogotenenti più efficaci del presidente. Alcune agenzie e individui hanno abbandonato lungo il percorso, a testimonianza degli standard rigorosi di Jaber.

Non è nuovo al modo in cui funzionano questi vertici. Inviato per il clima degli Emirati Arabi Uniti tra il 2010 e il 2016, è stato riconfermato nel 2020 e ha partecipato a diverse COP precedenti. Ma è irritato dai lenti progressi della diplomazia climatica, dice una persona che ha lavorato con lui su varie iniziative della COP28 quest’anno. “È un po’ esausto e frustrato”.

Altri che hanno lavorato con Jaber negli ultimi 12 mesi dicono che si è evoluto da boss del petrolio a diplomatico illuminato dal clima. Il suo linguaggio è diventato più emolliente e i suoi modi più sensibili, dicono. Parla del “viaggio” che ha intrapreso in preparazione a questo evento. I veterani della diplomazia climatica, compreso John Kerry degli Stati Uniti, gli hanno dato il loro sostegno.

“Chiunque diventi presidente della COP attraversa una trasformazione personale. [COP26 president] Alok Sharma è un uomo diverso ora, e penso che lo sia anche Jaber”, ha detto un veterano della COP. “Alla fine sono diversi, alla fine sono più impegnati”.

Jaber ha parlato della necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili le cui emissioni non vengono catturate entro la metà del secolo. Ma ha anche affermato che i paesi devono trovare un terreno comune in modo “equo” e “giusto” per coloro che ancora dipendono dai combustibili fossili. Alcuni diplomatici sostengono che Jaber dovrebbe e potrebbe svolgere un ruolo di primo piano nella mediazione di tale accordo.

Dopo aver promesso una COP storica, Jaber ha ottenuto un primo successo quando, il primo giorno, i paesi hanno firmato un fondo con un capitale iniziale di centinaia di milioni di dollari per aiutare gli stati vulnerabili ad affrontare il cambiamento climatico.

Venerdì, con la fase finale dei negoziati ancora in vista, Jaber ha espresso una nota ottimista. “C’è un senso unico di slancio, un senso di inclusività e un senso di volontà e flessibilità”, ha affermato. “Ho anche la sensazione che qualcosa di senza precedenti sia possibile qui alla COP28”.

Ma nonostante le prime promesse di denaro e la serie di iniziative imprenditoriali annunciate nella prima settimana, la presidenza di Jaber alla fine sarà giudicata sulla possibilità di raggiungere un accordo su un futuro senza combustibili fossili.

“Per quanto efficaci possano essere altre parti della COP”, afferma Stéphane Crouzat, ambasciatore francese per il clima, “sarà completamente messo in ombra se non avremo un linguaggio forte sull’eliminazione graduale dei combustibili fossili”. Il mondo scoprirà la prossima settimana se il più alto dirigente energetico degli Emirati sarà in grado di concludere il suo più grande accordo finora.

[email protected], [email protected], [email protected]