Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le assunzioni negli Stati Uniti hanno subito un’accelerazione a novembre?

Sia le obbligazioni che le azioni hanno registrato grandi guadagni lo scorso mese poiché gli investitori sono diventati sempre più fiduciosi che la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse il prossimo anno.

Il rapporto sull’occupazione di venerdì offrirà l’ultima indicazione sulla forza dell’economia americana e un ulteriore indizio sulle prossime mosse della Fed in vista della riunione finale dell’anno di questo mese.

Gli economisti intervistati da Bloomberg prevedono che a novembre saranno aggiunti 200.000 posti di lavoro, una riaccelerazione rispetto alla cifra inferiore alle previsioni di 150.000 in ottobre, che ha contribuito a innescare il rally del mercato delle ultime settimane.

Il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere invariato al 3,9%.

Il mercato del lavoro è rimasto forte negli ultimi mesi, nonostante i tassi di interesse siano ai livelli più alti degli ultimi decenni. Ma nonostante i datori di lavoro statunitensi abbiano continuato ad aggiungere posti di lavoro, il tasso di disoccupazione è aumentato rispetto al minimo del 3,4% di aprile.

Questa settimana, il governatore della Fed, Christopher Waller, ha affermato di ritenere che i tassi di interesse ai livelli attuali potrebbero in effetti rallentare l’economia e riportare l’inflazione al target. I verbali della riunione di novembre della Fed hanno anche mostrato che i funzionari non sentivano alcuna urgenza di aumentare nuovamente i tassi di interesse. Sul mercato dei futures i trader non scommettono su ulteriori aumenti da parte della Fed, ma si aspettano invece tagli dei tassi di interesse già a maggio.

Anche se è improbabile che una ripresa delle assunzioni spinga la Fed a inasprire la politica quando si riunirà a dicembre, un dato forte potrebbe dare una pausa di riflessione agli investitori che scommettono su una serie di tagli dei tassi il prossimo anno. Kate Duguid

La spesa dei consumatori riprenderà nell’Eurozona?

Le vendite al dettaglio nell’Eurozona sono diminuite per tre mesi consecutivi, ma questa tendenza potrebbe interrompersi a ottobre, quando mercoledì verranno pubblicati gli ultimi dati.

La fiducia dei consumatori nei 20 paesi del blocco monetario unico è costantemente migliorata quest’anno grazie alla diminuzione dell’inflazione, anche se rimane al di sotto della media storica, riflettendo l’impatto degli alti tassi di interesse, del calo dei prezzi delle case e della continua stagnazione economica.

I dati nazionali pubblicati la scorsa settimana hanno fornito un quadro contrastante della spesa dei consumatori in Europa. In ottobre si è registrata una crescita molto più rapida delle vendite al dettaglio tedesche, pari all’1,1% rispetto al mese precedente, tuttavia ciò è in contrasto con i cali mensili maggiori del previsto, pari allo 0,9% in Francia e allo 0,2% in Spagna.

Gli economisti prevedono che una lieve ripresa dell’economia dell’Eurozona il prossimo anno sarà in parte guidata dalla crescita della spesa al consumo poiché la continua crescita dei salari supera il rallentamento dell’inflazione, aumentando il potere di spesa delle famiglie.

Tuttavia, ci sono anche segnali di crescenti perdite di posti di lavoro nel blocco, che spingono verso l’alto la disoccupazione in Germania e Italia a ottobre, il che probabilmente renderà le famiglie ancora più caute nella spesa prenatalizia.

“Questa dinamica, se sostenuta, potrebbe intaccare la fiducia delle famiglie nonostante il probabile aumento del reddito disponibile reale che ci aspettiamo con la ripresa della crescita dei salari e il calo dell’inflazione”, ha affermato Mariano Cena, economista della Barclays. Martin Arnold

Il commercio cinese è in ripresa?

Giovedì l’attenzione degli investitori in Asia si concentrerà sui dati commerciali della Cina, che riveleranno se il tentativo di ripresa sia della domanda interna che di quella esterna sia stato deragliato il mese scorso.

Una previsione mediana degli economisti intervistati da Bloomberg indica un calo dell’1,5% per le esportazioni cinesi, mentre le importazioni dovrebbero aumentare del 4% – entrambi fortemente influenzati dagli effetti base delle condizioni di un anno fa. Si prevede che questi flussi commerciali raggiungeranno una bilancia commerciale di 48,7 miliardi di dollari. Ma una serie eterogenea di indicatori anticipatori suggerisce che i dati della prossima settimana potrebbero sorprendere i mercati.

I nuovi ordini di esportazione segnalati dai produttori cinesi sono diminuiti a novembre, mentre gli indici dei responsabili degli acquisti per molti dei principali partner commerciali della Cina, tra cui Stati Uniti, UE e Giappone, hanno evidenziato una continua contrazione.

“È vero, c’è una pressione al ribasso da parte della domanda estera poiché la maggior parte delle principali economie stanno iniziando a rallentare”, ha affermato David Chao, stratega del mercato globale per l’Asia escluso il Giappone presso Invesco, anche se ha aggiunto che “la domanda interna in Cina è rimasta piuttosto stabile. “

Tuttavia, gli analisti di Citigroup prevedono una crescita delle esportazioni dell’1%, in gran parte sulla base degli effetti base. Indicano inoltre una crescita dei costi di spedizione in Cina e un aumento dell’indice Baltic Dry, un indicatore dell’attività di spedizione globale che ha recentemente toccato il massimo degli ultimi 18 mesi, “suggerendo un miglioramento dello slancio del commercio globale”. Hudson Lockett