Mar. Lug 16th, 2024
Le azioni giapponesi salgono in vista della decisione sui tassi della BoJ

Le azioni statunitensi sono salite ai massimi storici per la quarta sessione consecutiva dopo che i dati hanno mostrato che l'inflazione è scesa al 3,3% a maggio, aumentando le aspettative di tagli anticipati dei tassi di interesse.

Giovedì l’indice S&P 500 ha chiuso in rialzo dello 0,2%, nonostante il 60% dei titoli azionari dell’indice di riferimento siano in calo nel corso della giornata. Il Nasdaq Composite, focalizzato sulla tecnologia, è salito dello 0,4%, grazie al rialzo di quattro titoli Magnificent Seven.

L'indice S&P 500 ha recentemente avuto una serie di vittorie consecutive di quattro giorni all'inizio di questo mese, ma è stata la prima serie di vittorie consecutive del Nadsaq dalla fine di marzo.

I guadagni costanti delle azioni statunitensi hanno spinto l'indice Vix di Wall Street – il cosiddetto “indicatore della paura” – al livello più basso delle ultime tre settimane.

I titoli a piccola capitalizzazione hanno registrato performance peggiori, con il Russell 2000 in ribasso dello 0,9%.

I prezzi dei titoli del Tesoro sono aumentati, spingendo al ribasso i rendimenti. Il rendimento della banconota a due anni è sceso di 0,05 punti percentuali al 4,70%, quello della banconota a 10 anni è sceso di 0,05 punti percentuali al 4,25%.