Mer. Lug 17th, 2024
I tagli alle commissioni di Wise sono un ammonimento per i fan del fintech

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Quando è stata quotata in borsa qualche anno fa, Wise ha chiarito la sua missione a lungo termine: azzerare le commissioni sui pagamenti transfrontalieri. Forse il mercato non aveva ascoltato attentamente. Giovedì, Wise ha sorpreso gli investitori con i risultati dell’intero anno con una riduzione delle commissioni maggiore del previsto. Ciò significherà profitti più bassi, spingendo gli investitori a fuggire. Il prezzo delle sue azioni è crollato, finendo in ribasso del 13%.

Negli ultimi due anni le aziende di pagamento hanno dovuto far fronte ai timori di mercificazione. Una corsa al ribasso per le commissioni minerebbe le valutazioni elevate di questi disgregatori in rapida crescita. Le migliori condizioni economiche, tuttavia, hanno stimolato i volumi e attenuato le preoccupazioni sulla concorrenza.

Wise punta ai volumi e al dominio del mercato: dichiara esplicitamente che le commissioni sono pari a zero come obiettivo a lungo termine. Anche supponendo che vinca la battaglia contro i rivali, gli azionisti dovrebbero aspettarsi un percorso accidentato lungo il percorso.

La confusione sulle prospettive degli utili di Wise non è stata aiutata dalle recenti modifiche al suo reporting. Tassi di interesse più elevati hanno generato quantità significative di liquidità sui saldi dei conti dei clienti: denaro che, sotto la sua licenza, Wise non può pagare come interessi. L’Ebitda è aumentato vertiginosamente ma, con i tassi di interesse già in calo in Europa, questi utili accessori non dureranno.

Il fintech ha adottato un nuovo parametro esplicativo, il profitto prima delle imposte. Ciò escluderà la parte dei proventi da interessi ritenuti non necessari per il reinvestimento e la crescita. Ciò potrebbe significare numeri più puliti e meno volatili per gli investitori con il calo dei tassi di interesse.

Il cambiamento ha confuso le prospettive per gli investitori di Wise, spiegando in parte la svendita delle azioni. L’azienda prevede ora un utile sottostante al lordo delle imposte del 13-16% nel medio termine. Ciò è in linea con i precedenti obiettivi per i margini ebitda. La minore crescita dei ricavi quest’anno, tuttavia, spingerà al ribasso anche le aspettative sugli utili.

Gli investitori sapevano già che Wise stava rielaborando i suoi parametri e che le banche rivali si stavano muovendo per proteggere la loro quota nel redditizio business dei pagamenti transfrontalieri. HSBC ha annunciato un push a gennaio con l'app Zing.

La ricca valutazione di Wise, pari a oltre 20 volte gli utili futuri – fonte di ispirazione per il gruppo di aspiranti IPO fintech del Regno Unito – era vulnerabile a un colpo quando il taglio è iniziato sul serio. Ma anche l’aspettativa di un aumento costante degli utili da parte di una fintech intenzionata a dominare il mondo attraverso la riduzione dei prezzi era fuori luogo. Questo è qualcosa da tenere a mente quando altre fintech arriveranno sul mercato.

[email protected]