Sab. Mag 18th, 2024
L’India cerca di assicurarsi risorse minerarie critiche nella corsa al litio

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’India sta cercando di rafforzare il suo accesso a minerali critici come il litio, ha detto un funzionario governativo, mentre il paese più popoloso del mondo si affretta a raggiungere i rivali, inclusa la Cina, nella corsa per costruire catene di approvvigionamento energetico di prossima generazione.

Nuova Delhi sta spingendo i gruppi minerari di proprietà statale a perseguire le riserve minerarie in Sud America e Africa, oltre a invitare offerte per sviluppare blocchi minerari nazionali nel tentativo di espandere industrie come i veicoli elettrici e le energie rinnovabili, dove Pechino ha un vantaggio dominante.

“L'importanza, la richiesta e il bisogno di minerali critici stanno aumentando esponenzialmente a causa degli obiettivi tecnologici, di crescita e climatici che ci siamo prefissati”, ha detto al MagicTech VL Kantha Rao, segretario del ministero indiano delle Miniere.

“Nello stesso modo in cui lo abbiamo fatto per tutti questi anni per i minerali sfusi come il rame e il carbone, lo faremo anche per i minerali critici”.

Il litio, un componente fondamentale per le batterie dei veicoli elettrici, è stato trovato nel territorio settentrionale dell'India di Jammu e Kashmir e nello stato centrale del Chhattisgarh.

L’India prevede di destinare circa la metà dei suoi progetti di esplorazione nazionale pianificati per il prossimo anno a minerali critici come grafite, molibdeno, nichel, cobalto, litio e potassio, ha detto Rao. Il governo prevede inoltre di annunciare il prossimo mese gli offerenti vincitori dell'asta di novembre per 20 blocchi minerari.

Rao ha detto che una seconda tranche di 20-30 blocchi sarà offerta agli offerenti dopo le elezioni generali, che si concluderanno all'inizio di giugno.

L’India ha anche annunciato a gennaio di aver acquisito cinque blocchi di litio in Argentina. L'azienda statale indiana Khanij Bidesh India Ltd (Kabil), fondata nel 2019 per proteggere i minerali critici, ha firmato un accordo con Catamarca Minera y Energetica Sociedad del Estado (Camyen), di proprietà del governo della provincia argentina nord-occidentale di Catamarca .

Kabil nel 2022 ha anche firmato un memorandum d'intesa con il Critical Mineral Office australiano per identificare e sviluppare potenziali progetti nel Paese.

Rao ha detto che l’India sta anche valutando la possibilità di perseguire progetti minerari critici in Cile, “che ha alcune ottime miniere di rame e litio” e in Bolivia, dove lo stato ha mantenuto uno stretto controllo sulle riserve di litio e deve ancora produrre quantità significative di carbonato di litio, un componente critico per le batterie dei veicoli elettrici. Ha anche nominato paesi africani tra cui Namibia, Repubblica Democratica del Congo, Zambia, Mozambico e Sud Africa.

L’India, una delle economie in più rapida crescita al mondo, sta stanziando miliardi di dollari in sussidi per la produzione di veicoli elettrici, le tecnologie rinnovabili e l’elettronica che dipendono dalle forniture di minerali critici.

Tuttavia, Nuova Delhi è arrivata in ritardo – e per ora un piccolo attore – in una corsa globale con implicazioni geopolitiche mentre i paesi cercano di assicurarsi forniture fondamentali per la tecnologia energetica di prossima generazione.

Finora ha fatto poco per colmare il vantaggio pluridecennale nella sicurezza delle forniture minerarie detenuto dalla Cina, le cui aziende, ad esempio, hanno investito pesantemente in Indonesia, il più grande produttore mondiale di nichel.

L’India è membro della Minerals Security Partnership, una coalizione guidata dagli Stati Uniti di 14 paesi e dall’UE per garantire un approvvigionamento stabile di materie prime.

Tuttavia, secondo gli analisti del settore, l’acquisizione di blocchi esplorativi è un processo lento e speculativo rispetto all’acquisto di società che hanno già completato importanti studi di esplorazione e fattibilità.

Susana Peralta, presidente di Camyen, ha detto che il gruppo ha assegnato a KABIL il diritto su 15.000 ettari dove prevede di sfruttare il litio per 20 anni, con un'opzione per un'estensione di 20 anni. Ha aggiunto che l’anno scorso Greenko Energy Holdings, una società con sede a Hyderabad, ha ottenuto un contratto simile per sfruttare il litio.

Peralta ha detto che sia Kabil che Greenko “hanno appena iniziato a incontrare diversi fornitori per vedere chi farà l’esplorazione”.

Jeff Townsend, fondatore della Critical Minerals Association, un ente commerciale del Regno Unito, ha affermato che l’India ha i vantaggi di enormi riserve minerarie, di una grande forza lavoro poco costosa di ingegneri e di energia a basso costo.

“L’India deve ancora trarre vantaggio da tutto ciò che ha”, ha detto. “È difficile sfruttare rapidamente questi punti di forza, ma se lo fanno, allora avranno gettato le basi per diventare un attore molto importante nel settore critico dei minerali”.