Lun. Giu 24th, 2024
Lo Zambia uscirà dal default sovrano mentre gli obbligazionisti sostengono la ristrutturazione

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Lo Zambia è vicino alla fine di quasi quattro anni di default sul suo debito sovrano, dopo che quasi tutti i detentori di obbligazioni in dollari statunitensi della nazione dell'Africa meridionale hanno votato per approvare un piano di ristrutturazione a lungo ritardato.

I detentori di oltre il 90% dei quasi 4 miliardi di dollari in obbligazioni avevano già sostenuto il piano la scorsa settimana, prima della scadenza del 30 maggio, ha detto martedì il ministero delle finanze dello Zambia.

Il sostegno significa che il secondo più grande produttore di rame dell’Africa è sulla buona strada per attuare una ristrutturazione del debito il mese prossimo, dopo che il default delle obbligazioni del 2020 ha evidenziato crescenti problemi con l’architettura internazionale per la risoluzione delle crisi del debito nei paesi poveri.

Il governo del presidente Hakainde Hichilema ha concluso un accordo sulle obbligazioni solo a marzo, dopo aver superato le obiezioni della Cina, il maggiore creditore dello Zambia, secondo cui un accordo iniziale sembrava favorire gli obbligazionisti rispetto ad altri finanziatori.

“Dopo quasi quattro anni dal default iniziale sui nostri eurobond, la chiusura del capitolo della ristrutturazione è in vista”, ha detto Situmbeko Musokotwane, ministro delle Finanze.

Ma mentre lo Zambia ha anche ottenuto la riduzione di oltre 6 miliardi di dollari di debiti nei confronti di finanziatori ufficiali dominati dalla Cina, il paese deve ancora negoziare termini con più di 3 miliardi di dollari di altri debiti privati. Questi sono dovuti principalmente a finanziatori commerciali cinesi.

Lo Zambia è stato sotto pressione per finalizzare una ristrutturazione al fine di continuare il piano di salvataggio da 1,3 miliardi di dollari del FMI, una necessità che è diventata ancora più urgente poiché una grave siccità quest'anno ha colpito ulteriormente le finanze pubbliche del paese.

“La conclusione di questo accordo con gli obbligazionisti creerà lo spazio di respiro fiscale necessario affinché lo Zambia rimanga su una traiettoria di crescita economica sostenibile”, ha aggiunto Musokotwane.

Kristalina Georgieva, direttrice generale del FMI, ha lanciato questo mese un appello agli obbligazionisti dello Zambia affinché sostengano “il rapido completamento dell'operazione sul debito con un'elevata partecipazione”.

La ristrutturazione delle obbligazioni comporterà la riduzione del valore nominale delle vecchie obbligazioni di oltre un quinto, posticipando le date di scadenza e gli sgravi sui pagamenti.

Gli obbligazionisti riceveranno nuovo debito, inclusa un’obbligazione che aumenterà i pagamenti negli anni a venire se lo Zambia riuscirà a superare gli obiettivi economici o se il FMI riterrà di poter sostenere più debito.

Gli investitori scommettono che altri lunghi default sovrani risalenti agli ultimi anni saranno più vicini alla risoluzione quest’anno, tra cui Ghana e Sri Lanka.

Ma i ritardi hanno fatto sì che molti siano diventati scettici nei confronti di un processo sostenuto dal G20 per rivedere il risanamento del debito e aperto ai paesi più poveri come lo Zambia e il Ghana. Il Quadro Comune aveva lo scopo di migliorare la cooperazione tra i creditori cinesi e i prestatori ufficiali occidentali, ma finora ha faticato a farlo.

“Il problema con il Common Framework era che far entrare tutti nella stanza significava far entrare anche la Cina”, cosa che si è ritorta contro quando la Cina non ha partecipato come previsto, ha detto un investitore nel debito dei mercati emergenti. “Era ben intenzionato, ma era mal progettato.”