Mar. Mar 5th, 2024

Se tutto andrà secondo i piani, Aliko Dangote, l’uomo d’affari di maggior successo della Nigeria e la persona più ricca dell’Africa, sta per mettere in funzione una raffineria di petrolio da 20 miliardi di dollari fuori Lagos che potrebbe trasformare la più grande economia del continente.

L’avvio delle operazioni nel vasto impianto segnerebbe il culmine di una carriera in cui Dangote, la cui ricchezza personale è stimata da Forbes in 10,5 miliardi di dollari, ha costruito una fortuna attraverso sale, farina, zucchero e, soprattutto, cemento.

A condizione che il suo gruppo Dangote riesca a garantire una quantità sufficiente di petrolio greggio e che l’impianto, a lungo ritardato, funzioni come dovrebbe – nessuna delle due cose è scontata – la raffineria potrebbe iniziare a produrre diesel, cherosene e carburante per aerei già il mese prossimo.

“Stiamo iniziando con 350.000 barili al giorno”, ha detto Dangote al MagicTech, aggiungendo che è già stato concluso un accordo per il “primo carico di circa 6 milioni di barili” con consegna il mese prossimo.

Dangote, 66 anni, ha affermato di ritenere che la raffineria potrebbe raggiungere la sua capacità di 650.000 barili al giorno entro la fine del 2024, anche se il Fondo monetario internazionale ha affermato di dubitare che raggiungerà più di un terzo di tale capacità entro il 2025.

A pieno regime, la raffineria, il più grande impianto a “treno singolo” del mondo con una sola unità di distillazione, potrebbe far risparmiare alla Nigeria miliardi di valuta estera attualmente spesi per il carburante importato. È “vergognoso”, ha detto Dangote, che la Nigeria, un importante produttore di petrolio da più di 50 anni, non sia riuscita a raffinare il proprio greggio in una quantità minimamente sufficiente.

Amaka Anku, responsabile della pratica Africa presso la società di consulenza sui rischi politici del Gruppo Eurasia, ha affermato che la raffineria è stata “un’impresa enorme e complicata”. In un Paese in cui la maggior parte degli imprenditori ricerca profitti a breve termine, ha aggiunto, è una benedizione “avere qualcuno come Dangote disposto a spendere miliardi del proprio denaro in progetti a lungo termine”.

Il sito della raffineria di petrolio e dell'impianto di fertilizzanti della Dangote Industries nel distretto di Ibeju Lekki, fuori Lagos, Nigeria
Alcuni osservatori dubitano che la raffineria di Dangote funzionerà o prevedono che sarà inefficiente © Tom Saater/Bloomberg

Dangote ha ammesso che ci sono stati momenti in cui pensava che l’enorme progetto – a lungo ritardato e con circa 8 miliardi di dollari fuori budget – avrebbe potuto mettere a repentaglio il suo impero commerciale.

“Le sfide che abbiamo affrontato, non so se altre persone possano affrontare queste sfide e persino sopravvivere”, ha detto. “O affondiamo o navighiamo. E ringraziamo l’Onnipotente che almeno siamo arrivati ​​a destinazione”.

Eppure, in quello che dovrebbe essere il momento di trionfo di Dangote, si ritrova sotto un’intensa pressione. Un industriale rivale lo ha accusato di pratiche commerciali clandestine e di aver ottenuto un accesso sleale ai cambi da una banca centrale il cui ex governatore è ora indagato dalle autorità. Dangote ha negato entrambe le accuse.

Inoltre, la Nigerian National Petroleum Corporation non è stata in grado o non è stata disposta a fornirgli il greggio di cui ha bisogno la sua raffineria, anche se Dangote insiste che è solo questione di settimane prima che il petrolio inizi a fluire.

Alcuni addirittura dubitano che la raffineria funzionerà o prevedono che sarà inefficiente. Circolano anche voci secondo cui Dangote, che i critici accusano di aver indebitamente beneficiato degli stretti rapporti con quattro amministrazioni successive, ha litigato con Bola Tinubu, divenuto presidente a maggio.

“Dangote non è più così influente come una volta”, ha detto Ricardo Soares de Oliveira, professore di politica africana a Oxford, che ha descritto il miliardario come un oligarca nigeriano. Nel momento in cui aveva scommesso la sua fortuna sul successo della raffineria, quella non era una posizione comoda in cui trovarsi, hanno detto diversi osservatori attenti della Nigeria.

I veicoli viaggiano lungo Broad Street a Lagos
Lagos in Nigeria, la più grande economia dell’Africa © Benson Ibeabuchi/Bloomberg

“Questa è la prima volta che il governo eletto non è particolarmente allineato con Aliko”, ha detto un banchiere senior che ha parlato a condizione di anonimato. “Quindi ha aperto una finestra di opportunità affinché le persone possano vendere la propria influenza”.

Per molti nigeriani, l’industriale miliardario ha fatto più di chiunque altro per investire nel Paese e creare posti di lavoro. “Abbiamo bisogno di 10 Dangote”, ha detto Anku.

Ma per altri è uno spietato monopolista che dipende dal governo per proteggerlo dalla concorrenza e per ridurre le sue tasse dando alla sua attività il cosiddetto status di pioniere.

“I romani scoprirono come produrre il cemento 2000 anni fa”, ha detto Feyi Fawehinmi, un autore nigeriano che vive a Londra. “Eppure la Nigeria ne sta facendo dei miliardari”.

Nell’intervista, Dangote si è lamentato del fatto che i rivali si lamentavano perché non capivano cosa fosse necessario per gestire un’azienda che era il più grande datore di lavoro del settore privato del paese e il suo più grande contribuente. “A volte, quando la gente parla di noi, Dangote, è come se il governo tenesse tutti a freno e ci permettesse di volare da soli.”

Non ha voluto discutere nei dettagli una disputa sulla fornitura di greggio con la NNPC, che possiede il 20% della raffineria dopo un acquisto azionario da 2,76 miliardi di dollari nel 2021. La Nigeria produce circa 1,4 milioni di barili di petrolio al giorno, ben al di sotto della sua Quota Opec di 1,8 milioni di barili, con gran parte di prevenduti in contratti a termine.

“Non dobbiamo scaricare qui il gioco delle colpe”, ha detto riferendosi alle difficoltà segnalate dalla NNPC nel soddisfare i requisiti della raffineria. “Abbiamo risolto tutti i problemi di fornitura”.

Un uomo lascia cadere un sacco di cemento Dangote mentre scarica un camion ad Abuja, in Nigeri
Dagonte è il più grande produttore di cemento dell’Africa © Afolabi Sotunde/Reuters

Dangote ha respinto le ipotesi che la NNPC stesse giocando duro per negoziare una quota maggiore della raffineria, che secondo lui genererebbe entrate di 25 miliardi di dollari all’anno a pieno regime. “Non penso che la NNPC abbia bisogno di acquistare più azioni. Penso che stiano bene con quello che abbiamo dato loro.

La raffineria alla fine verrà quotata come società separata, ha detto, inizialmente alla borsa di Lagos.

Per realizzare l’imponente progetto su 2.500 ettari di terreno paludoso fuori Lagos, Dangote ha dovuto costruire il proprio porto e una strada per prendere in consegna le attrezzature pesanti, fondare una propria azienda di autotrasporti per spostarle e un proprio impianto di saldatura industriale per metterle insieme. Ha detto di aver posato abbastanza cavi per fare due volte il giro del mondo e di aver spostato 65 milioni di tonnellate di sabbia. “Non vedrete questo tipo di progetto in Nigeria nei prossimi 20 anni”.

Nessun appaltatore esterno era disposto ad assumersi il rischio nigeriano, ha detto, quindi ha dovuto progettare e costruire tutto internamente. “Non abbiamo tagliato i costi. Non abbiamo risparmiato”, ha detto. “Non l’abbiamo fatto perché la gente ci applaudisse. Lo abbiamo fatto per i posteri”.

Tuttavia, alcuni hanno scelto questo momento per beccarci. Dangote ha accusato BUA Group, il secondo produttore di cemento della Nigeria, guidato dal fondatore e presidente Abdul Samad Rabiu, di sponsorizzare attacchi alla sua azienda nella stampa nigeriana. Rabiu vale 6,5 miliardi di dollari, secondo Forbes.

Le storie presumibilmente diffuse dal gruppo BUA hanno accusato Dangote di trarre profitto da operazioni illegali di cambio per miliardi di dollari. Il governo sta indagando sulle allocazioni forex effettuate quando Godwin Emefiele, l’ex governatore della banca centrale, era incaricato di distribuire dollari al tasso ufficiale a settori selezionati a prezzi molto inferiori a quelli di mercato.

Il gruppo BUA ha risposto alle accuse accusando Dangote di aver tentato di sabotare l’attività per più di 30 anni, inclusa una volta, presumibilmente, emettere alla società un assegno falso. Rabiu ha rifiutato di commentare.

I due stanno litigando in tribunale per un presunto tentativo di Dangote di impedire alla compagnia di Rabiu di estrarre calcare nello stato di Edo. In una lunga dichiarazione pubblicata sui giornali locali, Dangote ha accusato il gruppo BUA di riproporre storie screditate e ha affermato di poter rendere conto di ogni dollaro in valuta estera.

Matthew Page, un ex esperto della CIA sulla Nigeria, ha detto che Rabiu ha donato ingenti donazioni alla campagna elettorale di Tinubu ed è stato incoraggiato dal suo stretto rapporto con il nuovo presidente. Il mercato del cemento è diminuito dopo otto anni di stagnazione economica, ha affermato.

“La pozza di marea si è ridotta e le due aragoste più grandi nella vasca si stanno azzannando a vicenda”.

Dangote non sarebbe stato attratto dalla sua lotta con Rabiu o dal suo rapporto con il presidente. Ma ha detto che nulla dovrebbe distrarre dalla raffineria, un “progetto nazionale” che è “più grande di Dangote”.

Dopo anni di promesse, era fermamente convinto che tutto fosse pronto. “La raffineria è finita”, ha detto. “Il bambino può uscire in qualsiasi momento.”