Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Lo shekel israeliano è la valuta con la migliore performance mondiale questo mese, grazie agli acquisti di miliardi di dollari da parte della banca centrale dallo scoppio della guerra con Hamas.

La valuta è aumentata di circa l’8% a novembre fino a 3,74 shekel per dollaro venerdì, più che invertire il calo di quasi il 6% nei primi 20 giorni del conflitto, quando gli investitori temevano la possibilità che una guerra potesse intensificarsi in tutto il mondo. Medio Oriente.

Il rimbalzo è un segnale che gli investitori credono che la guerra rimarrà contenuta, riflettendo anche la fiducia nel solido bilancio del governo israeliano e nella volontà della banca di difendere la valuta. La valuta è stata sostenuta anche da miliardi di dollari di afflussi finanziari dall’estero.

Il grafico a linee degli Shekel per $ (scala invertita) mostra che la valuta di Israele si è più che ripresa dal crollo di ottobre

“Il rally riflette l’allentamento delle tensioni geopolitiche, in particolare la percezione che i rischi di ricadute dal conflitto in Israele nella regione più ampia si siano attenuati”, ha affermato Oliver Harvey, senior strategist FX presso Deutsche Bank. Ha aggiunto che lo shekel “tipicamente si comporta bene con i rialzi delle azioni statunitensi e abbiamo assistito ad un grande rally nell’ultimo mese”.

Il recente rally è stato alimentato anche dalla liquidazione del posizionamento corto “estremo” – scommesse su prezzi più bassi – e dalla volontà della Banca di Israele di utilizzare le riserve per compensare l’eccessiva debolezza valutaria.

All’inizio di questo mese ha rivelato che le sue riserve erano scese di 7,3 miliardi di dollari in ottobre nel tentativo di difendere lo shekel da ulteriori diminuzioni.

“La Banca d’Italia ha fatto un ottimo lavoro difendendo i livelli oltre 4,00 per dollaro USA e divulgando i dati sui cambi della banca centrale. [currency] La potenza di fuoco dell’intervento è riuscita a sopprimere i flussi speculativi di shekel corti”, ha affermato Luis Costa, responsabile del credito sovrano dei mercati emergenti presso Citibank.

L’attenzione si sposterà ora sulla decisione di politica monetaria della banca centrale di lunedì, con una valuta più forte che le darà più spazio per tagliare i tassi di interesse mentre la crescita economica è colpita dalla guerra contro Hamas.

La Banca d’Italia – che mira a un tasso di inflazione compreso tra l’1 e il 3% – ha mantenuto i tassi di interesse al 4,75% da maggio, periodo in cui il tasso di inflazione complessiva annuale di Israele è sceso dal 4,6% al 3,8%.

I mercati attualmente scontano solo una piccola probabilità di un taglio dei tassi durante la riunione di lunedì, ma prevedono che una riduzione sia probabile entro i prossimi tre mesi.

S&P Global Ratings questa settimana prevede una contrazione del 5% per l’economia israeliana negli ultimi tre mesi di quest’anno. La BoI ha già abbassato le sue previsioni di crescita per l’anno al 2,3%.

La scorsa settimana JPMorgan ha dichiarato di aspettarsi che Israele avrà un deficit di bilancio del 4,5% l’anno prossimo, rispetto a una precedente previsione del 2,9%.

Costa ha affermato che esiste una “buona probabilità” che la Banca d’Italia inizi a tagliare i tassi di interesse nel primo trimestre del prossimo anno. Ciò “potrebbe innescare un nuovo mini-ciclo di debolezza dello shekel”, che sarebbe amplificato da qualsiasi debolezza nel settore dei servizi tecnologici globali, un settore importante per le esportazioni israeliane.

Ma Kamakshya Trivedi, responsabile del FX globale presso Goldman Sachs, ha affermato che ai livelli attuali lo shekel è “ancora sottovalutato” a causa dei cali di inizio anno, quando gli investitori erano concentrati sull’incertezza sulle riforme giudiziarie.

“Le valutazioni, di per sé, non sono un ostacolo per un ulteriore apprezzamento se i rischi geopolitici si allentano e i titoli tecnologici globali continuano a essere scambiati bene”, ha affermato.