Ven. Mag 24th, 2024
Norilsk Nickel trasferirà la fonderia di rame dalla Russia alla Cina a causa delle sanzioni

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Norilsk Nickel, il gruppo metallurgico controllato dall'uomo più ricco della Russia, Vladimir Potanin, sposterà parte della produzione di fusione del rame dal suo paese d'origine alla Cina, poiché le sanzioni occidentali limitano l'accesso a pezzi chiave delle attrezzature e riducono la redditività.

Potanin ha dichiarato in un'intervista al media statale Interfax che la grande impresa mineraria prevede di sostituire la capacità di fusione del rame presso l'impianto di Nadezhda nell'Artico russo con nuovi impianti in Cina dal 2027 in poi.

L’oligarca russo ha fornito uno dei resoconti più dettagliati finora su come le sanzioni occidentali stiano ostacolando le esportazioni di materie prime del Paese, una delle principali fonti di finanziamento del Cremlino per l’invasione dell’Ucraina.

Potanin ha affermato che le sanzioni hanno tagliato le entrate di Norilsk di almeno il 15% dal 2022 a causa di una serie di difficoltà relative ai pagamenti internazionali, ai rifiuti di consegna e agli sconti sui prezzi, nonché ai problemi sui piani per ridurre l’inquinamento da anidride solforosa nei suoi impianti di rame.

Il presidente russo Vladimir Putin ha già approvato i piani, secondo Potanin. La questione è inclusa nell'agenda degli “incontri russo-cinesi” ai massimi livelli – un evidente riferimento al viaggio programmato di Putin per incontrare il leader cinese Xi Jinping entro la fine dell'anno – e “ha ricevuto sostegno politico”, ha detto Potanin.

Potanin ha affermato che la pressione delle sanzioni ha spinto Norilsk a “pensare al modo giusto per portare i nostri prodotti sul mercato” e a decidere di “spostarli dove vengono consumati, e il prodotto finale sarà venduto come cinese”.

“Un bene cinese è molto più difficile da sanzionare in Cina rispetto a un bene russo fornito alla Cina”.

Potanin ha affermato che il nuovo piano proteggerà le esportazioni di Norilsk dalla crescente pressione degli Stati Uniti sulle transazioni finanziarie con la Russia. “Gli accordi sono uno dei luoghi più difficili anche nelle giurisdizioni amiche, non consentono agli esportatori e agli importatori di lavorare normalmente”, ha detto, aggiungendo che la società doveva evitare il rischio di cessare le operazioni a causa di problemi con gli accordi.

Norilsk pagherà il servizio del debito da tre a quattro volte di più rispetto a tre o quattro anni fa a causa delle sanzioni, mentre le difficoltà nel completare le transazioni hanno costretto la società a pagare commissioni dal 5 al 7% ai suoi intermediari.

Gli analisti hanno affermato che la mossa ha evidenziato l’approfondimento dei legami nel commercio di materie prime chiave tra Mosca e Pechino.

Colin Hamilton, analista di materie prime presso BMO, ha affermato che la mossa di Norilsk rappresenta un ulteriore spostamento verso “il rame russo che diventa in effetti una fornitura cinese quasi vincolata e rafforza l'autosufficienza della Cina”.

Potanin ha affermato che il ruolo dominante della Cina nel consumo di metalli – che rappresenta più della metà del commercio mondiale di rame e nichel – significa che i produttori russi dipendevano già fortemente dal loro più grande cliente.

“Questa dipendenza aumenta insieme alla pressione delle sanzioni. Non ne usciremo, ma se saremo più integrati nell'economia cinese, saremo più protetti che se non l'avessimo”, ha affermato. “Dipendiamo dal sistema cinese, ma è meglio stare dentro e guardare fuori, non fuori a guardare come vieni schiacciato”.

Le lamentele di Potanin sul costo delle sanzioni riflettono preoccupazioni più ampie a Mosca riguardo alla pressione degli Stati Uniti sulle banche che fanno affari con la Russia, ha affermato Alexandra Prokopenko, ex funzionaria della banca centrale.

“Le sanzioni finanziarie sono un collo di bottiglia”, ha detto. “Le principali banche hanno smesso di lavorare con i clienti russi. Le banche di piccole e medie dimensioni lo fanno ancora, ma rimettere insieme le catene di pagamento ha fatto aumentare le commissioni per le imprese russe, e la più severa conformità della Cina significa che ci sono da tre a cinque banche nella catena, anziché due”.

L’intervista di Potanin arriva subito dopo che gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno compiuto il passo più grande mai compiuto finora imponendo sanzioni sui metalli russi, vietando la negoziazione di rame, nichel e alluminio al London Metal Exchange e al Chicago Mercantile Exchange.

Potanin ha affermato che tali sanzioni potrebbero influenzare i precedenti sforzi di Norilsk per espandere la propria capacità di esportazione di nichel per i consumatori occidentali, anche attraverso la costruzione di un impianto in Finlandia insieme alla tedesca BASF.

Norilsk si era impegnata a ridurre le emissioni di anidride solforosa – un gas tossico che porta a malattie respiratorie e cardiovascolari – del 90% entro il 2025 nella regione. Norilsk, la città vicino alla fonderia di Nadezha, è stata definita uno dei luoghi più inquinati della Terra.