Gio. Mag 23rd, 2024
Quanto è diviso il comitato politico della Banca d'Inghilterra?

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Giovedì si prevede che la Banca d'Inghilterra mantenga i tassi di interesse stabili al livello massimo di 16 anni, pari al 5,25%, ma i trader saranno alla ricerca di segnali di un possibile taglio il mese prossimo.

Rob Wood, capo economista britannico presso Pantheon Macroeconomics, si aspetta che la BoE segnali che intende “tagliare i tassi di interesse più velocemente e in misura maggiore di quanto i mercati stanno attualmente scontando”.

I mercati degli swap hanno drasticamente ridimensionato le loro aspettative di tagli dei tassi di interesse quest’anno, eliminando quasi 1,5 punti percentuali di tagli entro la fine del 2024, a causa dei timori che l’inflazione possa persistere.

Ma il Comitato di politica monetaria è diviso sulla tempistica per abbassare i tassi, con i membri Dave Ramsden e Huw Pill che offrono valutazioni diverse sulle prospettive di inflazione.

Sanjay Raja, economista della Deutsche Bank, si aspetta che Ramsden voti a favore di un taglio dei tassi dopo aver affermato che l'inflazione potrebbe mantenersi attorno all'obiettivo della BoE del 2% per i prossimi tre anni. Questa previsione è più favorevole dell’attuale prospettiva sull’inflazione della BoE, che prevede un aumento entro la fine dell’anno. Raja ha affermato che l’incontro “porrà le basi per un taglio dei tassi di giugno”.

Si prevede che i dati ufficiali pubblicati venerdì dimostreranno che le previsioni della BoE di febbraio sulla crescita economica nei primi tre mesi erano troppo pessimistiche. Mentre la banca prevede che l'economia sarà prossima alla stagnazione con un aumento dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, gli analisti intervistati da Reuters prevedono un'espansione più forte dello 0,4%.

In ogni caso, una variazione positiva del PIL segnerebbe ufficialmente la fine della recessione tecnica dello scorso anno. Valentina Romei

Cosa ci diranno gli utili aziendali sulla fiducia dei consumatori statunitensi?

I resoconti sugli utili del primo trimestre continueranno la prossima settimana e gli aggiornamenti di aziende tra cui Anheuser-Busch InBev, Tyson Foods e Disney dovrebbero fornire agli investitori alcune informazioni sullo stato di salute della spesa dei consumatori e dell'economia statunitense.

Gli utili aziendali per i primi tre mesi dell’anno sono stati relativamente forti, con resoconti di grande successo da parte di aziende del calibro del colosso tecnologico Apple. Ma altrove ci sono segnali di stress. Starbucks questa settimana ha riportato un forte calo delle vendite e dei profitti, con le vendite nello stesso negozio in calo del 3%. Le azioni della società sono scese di circa il 16% dal rilascio.

Anche se l’amministratore delegato di Starbucks ha attribuito la colpa al maltempo e alle deboli prospettive economiche, i risultati suggeriscono che i consumi – almeno in alcuni segmenti dell’economia – potrebbero iniziare a indebolirsi. I rapporti di metà maggio di Walmart e Target, due dei maggiori rivenditori statunitensi, forniranno ulteriori prove delle tendenze dei consumatori.

Altri marchi rivolti al consumatore, tra cui AB InBev, il produttore di birre Budweiser, e Tyson Foods, uno dei maggiori produttori di carne negli Stati Uniti, potrebbero offrire alcuni spunti. Zacks Research prevede che entrambe le società riportino ottimi utili. Kate Duguid

L’Australia segnalerà un cambiamento nelle prospettive dei tassi di interesse?

Gli economisti si aspettano un cambio di tono da parte della Reserve Bank of Australia quando la sua riunione si concluderà martedì, dopo che i dati economici hanno quasi cancellato le speranze di tagli anticipati dei tassi di interesse.

L'inflazione annua dei prezzi al consumo del 3,6% per il primo trimestre ha fornito un'ulteriore prova del fatto che la crescita dei prezzi si stava avvicinando alla fascia obiettivo della RBA del 2-3%. Tuttavia, è stato superiore alle aspettative del mercato del 3,5%.

Ciò ha spinto alcuni economisti a sostenere che la strategia della banca centrale non funzionava.

Warren Hogan della Judo Bank, che ha definito le mosse della RBA nel 2023 migliori dei suoi colleghi, ora si aspetta che ci saranno tre aumenti dei tassi di interesse nel 2024. Ciò spingerebbe il tasso di interesse australiano del 4,35% sopra il 5%, e più vicino ai tassi del paese. Regno Unito, Stati Uniti e Nuova Zelanda.

Anche Rabobank si è unita ai falchi con la previsione di altri due rialzi al 4,85%. HSBC ha affermato che i dati sull'inflazione hanno spostato il calcolo di una variazione del tasso di interesse verso l'alto piuttosto che verso il basso.

Altri sono meno sicuri, citando l'impatto della domanda di biglietti per il tour australiano di Taylor Swift questo mese sui dati di vendita al dettaglio. Ciò darebbe alla RBA più tempo per sedersi.

Eppure, nonostante tutta l’eccitazione, è probabile che l’incontro di maggio lasci i tassi dove sono, con gli economisti che ipotizzano potenziali aumenti a partire da agosto. Invece, tutti gli occhi saranno puntati sulle prospettive e su come la RBA gestisce le aspettative. Nic Fildes