Gio. Mag 23rd, 2024
La tassa sulle entrate inaspettate grava pesantemente sui produttori del Mare del Nord

Gli investimenti nel Mare del Nord del Regno Unito sono stati danneggiati da una tassa sui produttori che minaccia anche di far deragliare le fusioni necessarie per aiutare il settore a sopravvivere, hanno detto i capi dell’industria e gli analisti.

Le azioni dei produttori focalizzati sul Regno Unito sono crollate nonostante un aumento del 30% dell’indice energetico globale dell’MSCI da quando la Russia ha invaso l’Ucraina all’inizio del 2022, e i dati governativi mostrano un forte calo della loro redditività.

Sebbene si sia registrato un aumento dell’8% del prezzo del petrolio greggio dalla fine del 2021, i surplus operativi lordi degli operatori del Mare del Nord sono scesi da 11,1 miliardi di sterline nel terzo trimestre del 2022 a 2,3 miliardi di sterline negli ultimi tre mesi del 2021. 2023.

Il Regno Unito ha introdotto una “prelievo sui profitti energetici” per i produttori di petrolio e gas nel maggio 2022 con l’obiettivo di raccogliere una somma iniziale di 5 miliardi di sterline, dopo le proteste per i profitti record di BP e Shell. A marzo è stata prorogata di un anno fino alla scadenza nel 2029. Includendo questa tassa del 35%, i profitti dell’industria sono ora tassati al 75% nel Regno Unito.

Gli operatori indipendenti più piccoli che lavorano principalmente nel Mare del Nord – dopo che le major si sono ritirate negli ultimi anni – affermano di aver subito il peso maggiore dell’elevata aliquota fiscale perché le acque del Regno Unito rappresentano una percentuale maggiore delle loro operazioni. Sostengono che i benefici derivanti dai movimenti del prezzo del petrolio dall’inizio della guerra in Ucraina sono generalmente andati alle major, che hanno diversificato le attività, e alle società commerciali.

Molti nel settore sono preoccupati per il futuro degli investimenti nel bacino dell'invecchiamento del Regno Unito.

“Quando ho iniziato in questo settore c'erano solo grandi aziende, per lo più con presenza globale, che operavano nel Mare del Nord, ma negli ultimi anni si sono trasferite tutte”, ha affermato Mark Lappin, presidente di Deltic Energy, che opera nel settore da più di 40 anni.

L’anno scorso la produzione britannica di petrolio e gas è stata di poco superiore a 1,2 milioni di barili al giorno, il livello più basso dal 1977, secondo l’ente commerciale Offshore Energies UK, che stima che un’ulteriore perdita di investimenti nel settore potrebbe costare 40.000 posti di lavoro entro la fine del 2030. L’organismo stima che l’industria supporti 200.000 posti di lavoro, rispetto ai circa 500.000 di dieci anni fa.

“Ci sono molti [producers] che sono usciti, o stanno uscendo, dal Regno Unito”, ha affermato Amjad Bseisu, amministratore delegato dell’operatore indipendente EnQuest ed ex ambasciatore britannico per l’energia. “Il continuo calo della produzione e dei posti di lavoro non è positivo da un punto di vista macro”.

La società di consulenza energetica Wood Mackenzie ha affermato che gli acquirenti hanno mostrato “poca voglia” di espandersi o di entrare nella piattaforma continentale del Regno Unito e ha stimato che 16 miliardi di sterline di potenziali investimenti potrebbero andare persi a causa dell’incertezza sulla politica fiscale.

Il partito laburista, attualmente favorito per la vittoria delle prossime elezioni generali, ha proposto di aumentare l’aliquota fiscale totale al 78% e di eliminare gli sgravi fiscali sui nuovi progetti.

È probabile che l’industria sia presente nella campagna elettorale in Scozia poiché un partito nazionale scozzese indebolito cerca di respingere le sfide al suo dominio.

In una delle poche operazioni importanti nel Mare del Nord britannico dall’introduzione della tassa sui guadagni inattesi, il mese scorso Ithaca Energy, quotata a Londra, ha accettato di acquistare quasi tutte le operazioni upstream del Regno Unito della principale italiana ENI per circa 750 milioni di sterline. Ciò include le attività britanniche di Neptune Energy, che ENI ha accettato di acquistare lo scorso anno per 4,9 miliardi di dollari.

In base all'accordo, ENI riceverà una partecipazione del 38% nel gruppo allargato.

Chris Wheaton, analista di petrolio e gas presso Stifel, ha affermato che il consolidamento nel settore è una “mossa difensiva” essenziale che consentirebbe alle aziende di combinare risorse e finanziare lo smantellamento di vecchi asset.

“Il Regno Unito ha bisogno di un campione nazionale per gestire il declino [in oil and gas production]”, ha affermato, aggiungendo che mentre due gruppi norvegesi – Equinor e Aker BP – rappresentavano circa i quattro quinti della produzione in Norvegia, i primi cinque nel Regno Unito erano responsabili del 45%.

Anche se l’aliquota fiscale proposta dal Labour è la stessa della Norvegia, gli analisti sostengono che la Norvegia ha un bacino meno maturo, che rende più economico lo sfruttamento, generosi incentivi per gli investimenti e un regime fiscale che non è cambiato da più di tre decenni.

“Dopo quattro modifiche fiscali in due anni. . . l’appetito per gli investimenti nella piattaforma continentale del Regno Unito è in una situazione preoccupante”, ha affermato Ryan Crighton, direttore politico della Camera di commercio di Aberdeen & Grampian.

I produttori concentrati nel Regno Unito seguono un aumento del 30% nell’indice MSCI World Energy Sector Index dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Le azioni di Serica Energy sono scese del 37%, mentre Harbour Energy, il più grande produttore indipendente del Regno Unito, ha perso il 23%.

Gilad Myerson, presidente esecutivo di Ithaca, ha affermato che la prospettiva di cambiamenti inaspettati nella tassazione significa che è “più facile fare fusioni” che perseguire acquisizioni finanziate con contanti.

“Prima di consolidare, bisogna attribuire un valore agli asset, ed è molto difficile farlo se non si sa quale sarà il regime fiscale”, ha affermato Mitch Flegg, ex amministratore delegato di Serica, che è diventato consigliere della società.

Hartshead Resources, quotato in borsa in Australia, uno dei più piccoli produttori del Mare del Nord del Regno Unito, ha dichiarato all’inizio di quest’anno di aver tagliato posti di lavoro su un progetto di gas nel Mare del Nord a causa dell’incertezza sulle tasse. Chris Lewis, amministratore delegato, ha detto al MagicTech che la società ha ritardato l'assegnazione dei contratti per il progetto.

“Ciò ha un impatto diretto sull’occupazione, sulle società della catena di approvvigionamento nel Regno Unito e sulle entrate dell’erario perché se ritardi la nostra produzione di gas, ci ritardi il pagamento delle tasse su di esso”.