Mer. Lug 17th, 2024
"Quello che è successo qui è stata una frode"

Sblocca gratuitamente l'Editor's Digest

Lunedì i procuratori hanno esortato una giuria di Manhattan a dichiarare il fondatore di Archegos Bill Hwang colpevole di frode e manipolazione del mercato, sostenendo che si è “comportato come se le regole non si applicassero a lui” gonfiando artificialmente i prezzi delle azioni in uno schema che ha lasciato le banche con miliardi di dollari di perdite.

Il crollo del family office nel 2021, che ha brevemente sconvolto Wall Street, “non è stato un incidente assurdo”, ha affermato il procuratore aggiunto degli Stati Uniti Andrew Thomas, mentre iniziavano le arringhe conclusive dopo un processo durato otto settimane.

Hwang ha deliberatamente ingannato i creditori e gli investitori abituali mascherando le sue grandi partecipazioni in aziende come Viacom, Discovery e GSX, ed è stato colto in flagrante quando il mercato gli si è rivoltato contro, ha aggiunto Thomas.

Un avvocato di Hwang, Barry Berke, ha ribattuto che il governo aveva “lavorato a ritroso” nel tentativo di costruire un caso penale dopo l'implosione di Archegos, ed era “alla ricerca di una teoria” su come esattamente Hwang avrebbe potuto trarre vantaggio dalla creazione di grandi posizioni in una manciata di azioni.

“Hanno una pompa senza scarico”, ha detto Berke in merito alle affermazioni dell'accusa. “Il signor Hwang non ha incassato un centesimo”.

Hwang, 60 anni, era relativamente sconosciuto al di fuori di Wall Street prima di marzo 2021, quando la rapida liquidazione delle posizioni di Archegos, accumulate silenziosamente con derivati ​​acquistati tramite una pletora di grandi banche, si è rivelata la causa di un'improvvisa svendita sui mercati azionari statunitensi.

Le perdite risultanti per i creditori di Archegos, tra cui Credit Suisse, Nomura, Morgan Stanley e UBS, ammontarono a oltre 10 miliardi di dollari.

Hwang deve rispondere di 11 accuse penali, tra cui frode sui titoli e racket. È sotto processo insieme all'ex direttore finanziario Patrick Halligan, accusato di tre capi d'imputazione, tra cui frode telematica.

Si prevede che i giurati inizino le loro deliberazioni martedì. Se condannati, Hwang e Halligan potrebbero affrontare anni dietro le sbarre.

Nel corso del processo, i giurati hanno ascoltato le testimonianze dell'ex responsabile dei rischi di Archegos, Scott Becker, e dell'ex capo trader William Tomita, entrambi dichiarati colpevoli di accuse di frode.

Tomita ha dichiarato alla giuria che Hwang gli aveva ordinato di mentire alle banche in merito alle posizioni concentrate all'interno del portafoglio del fondo, accumulate utilizzando swap azionari che nascondono l'identità dell'acquirente.

Le trascrizioni delle telefonate con le grandi banche d'investimento hanno mostrato che il personale senior di Archegos stava “lavorando insieme per ingannare attivamente le controparti”, ha affermato Thomas, aggiungendo che l'azienda era fondata su una “cultura dell'inganno”.

“Hai visto Bloomberg [terminal] messaggi in cui Hwang ordina ai suoi trader di spostare i prezzi”, ha aggiunto. “Quello che è successo qui è stata una frode”.

“Nessuno poteva vedere che Archegos stava piazzando ordini simultaneamente a più broker”, ha detto Thomas, sostenendo che questo era “un po' come mandare due persone diverse a un'asta per fare offerte sullo stesso [item]”.

Berke ha affermato che il caso è stato avviato solo perché “due o tre eventi avversi” nel marzo 2021 hanno portato alla svendita di alcune partecipazioni di Archegos, provocando richieste di margine inaspettate da parte dei creditori del fondo.

Hwang “ha preso un impegno a lungo termine” nei confronti delle azioni in questione, ha aggiunto Berke, e le grandi partecipazioni che ha accumulato erano “un riflesso della sua convinzione”.

“Ha investito perché credeva in quelle azioni”, ha aggiunto.