Dom. Lug 14th, 2024
Quello che ho imparato dalla tua saggezza illimitata sui fondi chiusi

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

In un'epoca ossessionata dalla portata, dall'attenzione e dal coinvolgimento, una delle cose più importanti che un giornale di qualità può fare è garantire che la coda dei lettori non scodinzoli.

Editorialisti ed editori sanno come ingrandire le classifiche più lette: scrivi di Elon Musk, dell'oro, del bitcoin o di Apple. Ancora meglio, inventa una storia falsa per avere le parole “lavoro in ufficio” nel titolo.

Ma nessuno vuole leggere ogni giorno centinaia di articoli su Tesla e sulla morte delle valute fiat. E anche se il nostro appetito per Saucy C-suite Secrets è maggiore, il costo opportunità è imparare qualcosa di nuovo.

Quindi un fuoricampo (vedi come ho inserito un riferimento allo sport americano per aumentare i lettori?) è quando un argomento di nicchia è popolare quando ci si aspettava che solo tre investitori e un cane, e forse mia madre, fossero interessati.

I trust di investimento, per esempio. Ho ricevuto più e-mail dall'articolo della scorsa settimana che da qualsiasi cosa io abbia scritto su criptovalute o gioielli. L’ampiezza dell’attaccamento finanziario ed emotivo ai fondi chiusi mi ha sbalordito.

E la maggior parte dei lettori è sconcertata quanto me sul motivo per cui commerciano con sconti così profondi rispetto al valore patrimoniale netto. Anche frustrati (non tutti però: alcuni sostengono che dovremmo abbracciare lo sconto e godere dei concomitanti rendimenti da dividendi più elevati).

Ancora più e-mail hanno offerto spiegazioni per il divario tra i prezzi di questi titoli e il valore delle loro attività sottostanti. Molti di questi provenivano da esperti come gestori di portafogli multi-asset, ricercatori fiduciari e accademici.

È chiaro che non abbiamo ancora risolto il mistero dei fondi chiusi, quindi perdonatemi un altro articolo sull'argomento. Non capiremo tutto. Ma grazie al tuo utile feedback, immagino che ci stiamo avvicinando.

Quello che segue, quindi, è un riepilogo dei punti più comuni sollevati dai lettori e il mio valore di £ 499.847 su ciascuno di essi, dal momento che sto pensando di aggiungere fondi di investimento al mio portafoglio.

Cominciamo con alcune opinioni ampiamente condivise con cui ancora lotto. Gli sconti sui NAV riflettono, ad esempio, la scarsa performance dei gestori. La tesi è che se la tua fiducia resta costantemente indietro rispetto al mercato (o si prevede che lo faccia), allora è giustificato uno sconto.

Ma perché? I rendimenti non hanno nulla a che fare con il fatto che il prezzo del tuo fondo debba essere superiore o inferiore al valore delle attività al suo interno. In qualsiasi momento, questi dovrebbero essere uguali, almeno in teoria.

Soprattutto nei mercati secondari come quelli azionari, i gestori non possono mai pagare meno del tasso di mercato per un titolo, né possono pagare più del dovuto. Certo, il titolo potrebbe quindi sovraperformare o sottoperformare un indice, ma non è di questo che stiamo parlando qui.

Sono d’accordo che questo non è vero nei mercati privati. Se un manager spende in edifici adibiti ad uffici più di quanto questi valgono, uno sconto ha senso, ma alla fine dovrebbe essere arbitrato quando i veri NAV vengono rivelati e i prezzi si allineano.

Eppure, sempre più lettori attribuiscono la colpa dell’aumento degli sconti ai tassi di interesse più elevati, soprattutto quando i trust detengono beni a più lunga scadenza come servizi pubblici o beni privati. Anche questo è illogico. Qualsiasi cambiamento nei valori delle attività sottostanti dovrebbe spostare contemporaneamente i prezzi dei fondi.

Nel frattempo, decine di professionisti mi hanno scritto per dire che nel mio articolo precedente avevo sottovalutato il ruolo dei flussi di investimento. Gli sconti sono una funzione della domanda debole, soprattutto nel Regno Unito a causa della ridicola etichettatura delle tariffe, che conteggia due volte i costi.

I fattori tecnici sono però a breve termine, per definizione. Non dovrebbero influenzare l’errata valutazione dei fondamentali. Inoltre, gli sconti osservati nei fondi chiusi statunitensi e nei fondi comuni di investimento britannici sono fenomeni che durano da decenni.

No, il colpevole più probabile di questi sconti permanenti sono le commissioni, come molti di voi hanno voluto sottolineare. Accademici dedicati a risolvere questo cosiddetto “puzzle di fondi chiusi” non sono molto d'accordo da quello che ho letto, ma le tariffe sono sempre elevate.

Ha un senso intuitivo. Se considero un fondo d'investimento con un rendimento del 5% e una commissione annua del mezzo%, in teoria chiederei uno sconto di un decimo per compensare. Ciò è più o meno in linea con le medie di lungo periodo, come accade.

Sconti molto più ampi di questo, come stiamo vedendo al momento, rappresentano quindi un’enorme opportunità di acquisto (una volta che gli effetti di flusso a breve termine si dissipano) o suggeriscono che le valutazioni sugli asset privati ​​detenuti in questi fondi sono una sciocchezza.

Gli investitori dovrebbero analizzare ogni trust in base ai suoi meriti. Ciò che non dovrebbero necessariamente fare, tuttavia, è il riacquisto di azioni proprie, volenti o nolenti, di ogni fondo scambiato a sconto. Voglio concludere con questo perché c'è ancora molta confusione qui.

Ho ricevuto tantissime e-mail in cui si affermava che la mia affermazione della scorsa settimana secondo cui “i riacquisti aiutano i prezzi delle azioni ma riducono i NAV” è sbagliata. Non è così, per lo stesso motivo per cui i riacquisti non aumentano automaticamente il valore di un'azienda, come ho discusso nel nuovo podcast di Claer Barrett.

Sì, gli investitori finiscono con una fetta più grande della torta. Ma il suo raggio è più piccolo perché si spende denaro per acquistare le azioni. Se gli sconti si riducono, è solo perché il NAV è sceso rispetto alla capitalizzazione di mercato, e non viceversa (anche se il NAV per azione è aumentato).

È molto meglio che gli azionisti esercitino pressioni sulle centinaia di trust di sottoscala per indurli a fondersi o chiudere in modo da abbassare i costi e ridurre le commissioni. Solo così è possibile ridurre gli sconti in modo permanente. Ma chi nel settore, dai manager ai non dirigenti e ai contabili, vuole questo?

Ma tutto ciò rappresenta un futuro positivo. Per ora, sto prendendo una visione di Warren Buffett (più clic!). Proprio come ama il crollo per poter acquistare azioni a buon mercato, cosa non gli piace di uno sconto?

L'autore è un ex gestore di portafoglio. E-mail: [email protected]; Twitter: @stuartkirk__