Sab. Mag 18th, 2024
Riuscirà Climate Action 100+ a riportare indietro i suoi disertori?

Il ritiro delle società finanziarie dalle alleanze collaborative sul clima, in un contesto di reazione politica negli Stati Uniti, è ormai una storia familiare. Ma le uscite continuano, con una nuova partenza da parte del gruppo di investitori Climate Action 100+ che emerge questa settimana.

Nonostante questi ritiri di alto profilo, molti grandi gruppi, come Goldman Sachs Asset Management, rimangono fedeli. Per la newsletter di oggi, ho parlato con il presidente recentemente nominato del comitato direttivo di CA100+, che è anche dirigente del più grande gestore di fondi pensione degli Stati Uniti, del motivo per cui è convinto che il gruppo offra ai membri un vantaggio competitivo.

Coinvolgimento degli investitori

Cattedra Climate Action 100+: l'adesione è ancora preziosa nonostante le partenze

Gli ultimi mesi sono stati brutali per Climate Action 100+, una coalizione internazionale di investitori che spinge le grandi aziende ad affrontare i rischi legati al clima.

JPMorgan Asset Management, State Street Global Advisors, Pimco e Invesco hanno lasciato il gruppo da febbraio, mentre BlackRock ha ritirato le sue attività negli Stati Uniti, spostando il coinvolgimento su un braccio internazionale più piccolo. E è arrivata la notizia questa settimana il riassicuratore Swiss Re ha deciso a marzo di ritirarsi dal suo ruolo di “sostenitore” di CA100+.

Ma in un'intervista con Moral Money, il presidente del comitato direttivo CA100+ Michael Cohen ha affermato che “esiste ancora una proposta di valore oggi” per i membri. Ha anche contestato l’idea che la coalizione abbia spostato gli obiettivi lo scorso anno quando ha esortato le aziende ad adottare piani di transizione climatica, oltre alla semplice divulgazione dei rischi.

“Ciò che abbiamo sentito da alcune delle organizzazioni in partenza è stato che possiamo farlo da soli – continuare a sostenere la divulgazione delle informazioni sul clima”, mi ha detto Cohen.

“Li seguiremo nei prossimi anni per assicurarci che seguano la strada”, ha aggiunto. “Altrimenti, si pone la domanda: OK, stanno facendo il loro dovere fiduciario? Se a un certo punto identificassero il cambiamento climatico come un grave rischio finanziario e poi smettessero di farlo, come potrebbero adempiere ai propri obblighi nei confronti dei propri clienti?

Cohen ha assunto il ruolo di presidente il mese scorso, prendendo il posto di François Humbert della compagnia assicurativa e asset manager italiana Generali. È capo dello staff del chief investment officer di Calpers, che gestisce 463 miliardi di dollari per conto dei dipendenti pubblici della California ed è il più grande piano pensionistico degli Stati Uniti.

L’allontanamento da Climate Action 100+ è avvenuto nel contesto di una reazione politica all’agenda di investimenti ambientali, sociali e di governance, anche se i principali gestori pensionistici hanno continuato a impegnarsi a coinvolgere le aziende sui rischi climatici.

Spiegando la loro uscita, State Street Global Advisors e BlackRock hanno sottolineato il lancio della “fase 2” da parte del gruppo, che ha ampliato l'attenzione dalla divulgazione delle emissioni allo stimolo delle aziende ad attuare piani di transizione climatica. SSGA ha affermato che i requisiti sono in contrasto con il suo approccio indipendente all'impegno delle società in portafoglio, mentre BlackRock ha affermato che potrebbe violare i requisiti statunitensi di agire esclusivamente nell'interesse economico a lungo termine dei clienti.

“Capisco dove l'hanno preso, perché l'organizzazione la chiamava fase 2”, ha riconosciuto Cohen. “Ma semplicemente identificare i rischi senza un piano per affrontarli: non è questo il modo in cui qualcuno pensa ai rischi, giusto? Tutta la gestione del rischio consiste nell’identificare prima i rischi e poi nel trovare modi per mitigarli”.

Infatti, già nel 2020, il CA100+ esortava le aziende a ridurre le emissioni del 45% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010, al fine di raggiungere gli obiettivi di zero emissioni nette.

I principali gestori finanziari statunitensi rimangono nella coalizione, tra cui Goldman Sachs Asset Management, Wellington Management e Nuveen.

Tra i vantaggi dell’adesione, ha affermato Cohen, ci sono notevoli opportunità per la ricerca e l’impegno legati al clima. Ciò potrebbe alla fine riportare indietro i disertori, ha detto.

“Speriamo che arrivi un momento in cui si rendano conto che stiamo perdendo qualcosa come gestori patrimoniali perché non facciamo parte di questo gruppo”, ha detto. “In realtà stiamo perdendo denaro perché non abbiamo le informazioni condivise, la collaborazione condivisa avanti e indietro e, in realtà, è stata una pessima decisione commerciale quella di andarsene.”

Diritto di replica

Nella newsletter di lunedì abbiamo esplorato l'argomento secondo cui i minatori di bitcoin potrebbero essere utili per la transizione energetica, anche riducendo rapidamente le loro operazioni nei periodi di domanda elevata, offrendo agli operatori di rete maggiore flessibilità.

Jean Boissinot a Parigi ha scritto questo in risposta:

È troppo intelligente a metà: un trucco magico che fa scomparire il problema più grande.

Funziona bene solo finché non ci si rende conto che un modo intelligente per limitare marginalmente un consumo eccessivo di energia o eliminare una sovraccapacità marginale rimane fondamentalmente un consumo eccessivo di energia.

O forse la speculazione sui bitcoin può essere gestita in modo da dover estrarre solo quando splende il sole, quando soffia il vento e quando nessun altro ha bisogno di MWh extra per uno scopo socialmente più prezioso?

Per dire la tua su questo o qualsiasi altro argomento che trattiamo, scrivici a [email protected].

Lettura intelligente