Ven. Mag 24th, 2024
Shell respinge le richieste di restituire denaro agli azionisti dopo aver superato le previsioni del primo trimestre

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Shell ha deviato la pressione per aumentare i rendimenti per gli azionisti, dopo che un buon inizio d’anno ha portato gli analisti a suggerire che la major petrolifera potrebbe migliorare sui 5 miliardi di dollari che attualmente spende ogni trimestre in dividendi e riacquisti di azioni proprie.

Wael Sawan, amministratore delegato di Shell, ha parlato dopo che la società ha registrato profitti di quasi il 20% superiori alle aspettative nel primo trimestre del 2024, insieme a un calo di quasi il 10% del debito netto e un flusso di cassa sottostante significativamente superiore a quello di Shell. il suo rivale, ExxonMobil.

Ha affermato che i risultati dei suoi sforzi per ridurre i costi e focalizzare le operazioni della Shell stanno “iniziando a tradursi in un bilancio molto sano”, ma che i rendimenti per gli azionisti sono “al limite massimo di ciò che abbiamo guidato, [and at] un equilibrio adeguato per il nostro quadro finanziario”.

“Questo è il decimo trimestre consecutivo in cui riacquistiamo più di 3 miliardi di dollari [of shares]. Si tratta di una capacità costante di essere in grado di farlo su più trimestri. E non è solo che vogliamo riacquistare il petrolio a un prezzo di 90 o 85 dollari, dobbiamo anche pensare a come possiamo riacquistare azioni a 50 dollari. [oil]. Quindi si tratta di un approccio multi-quarto, piuttosto che cercare di centrare il Grande Slam in un quarto”, ha detto.

Shell si trova ad affrontare pressioni per aumentare i suoi pagamenti e per spostare la sua quotazione da Londra a New York, nel tentativo di colmare il divario di valutazione con i suoi rivali statunitensi.

Il flusso di cassa operativo della Shell è ormai a un tasso annuo di oltre 60 miliardi di dollari, ha affermato Lydia Rainforth, analista di Barclays, aggiungendo che “nel tempo, Shell avrà spazio per aumentare il dividendo su base sottostante”.

Biraj Borkhataria, analista di RBC Capital Markets, ha osservato che Shell ha avuto un flusso di cassa operativo maggiore nel primo trimestre rispetto alla rivale Exxon, dopo aver adeguato il capitale circolante e un budget di spesa in conto capitale simile. “La disconnessione delle valutazioni continua a sembrarci estrema”, ha affermato, aggiungendo che Shell potrebbe scegliere di aumentare i rendimenti per gli azionisti nella seconda metà dell’anno.

Shell ha registrato un flusso di cassa operativo nel primo trimestre di 13,3 miliardi di dollari, rispetto alle previsioni di consenso di 13,7 miliardi di dollari e in calo del 6% su base annua.

Christyan Malek, analista di JPMorgan, ha affermato che il miglioramento del flusso di cassa di Shell “dovrebbe mettere a fuoco i meriti di una quotazione negli Stati Uniti” dato che la valutazione di ExxonMobil è doppia rispetto a quella di Shell.

Ma Sawan ha detto che lo spostamento della quotazione della società “non è attualmente una discussione in corso”, anche se ha detto che il consiglio manterrà tale mossa sotto esame. Ha affermato che il suo obiettivo fino alla fine del 2025 era quello di migliorare le prestazioni, e che successivamente c’erano “più leve” per sbloccare più valore oltre un cambio di quotazione.

Shell ha affermato che gli utili rettificati sono stati di 7,7 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2024, ben al di sopra delle previsioni di consenso di 6,5 miliardi di dollari, ma in calo del 19% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a causa del calo dei prezzi del gas dopo la crisi energetica europea. Il debito netto è sceso a 40,5 miliardi di dollari dai 44,2 miliardi di dollari di un anno fa.

Nelle contrattazioni mattutine, le azioni Shell sono aumentate di poco meno dell'1% a Londra a 28,45 sterline.

La Shell ha riportato forti profitti nel settore del gas, pari al 40% dei suoi utili. La società ha affermato che il suo tasso di produzione di gas naturale liquefatto era al massimo rispetto alle sue precedenti indicazioni. La sua produzione totale di petrolio e gas è aumentata del 10% rispetto all’ultimo trimestre del 2023 a causa della minore manutenzione in Australia e Qatar.