Gio. Giu 20th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Gli investitori stanno punendo le aziende che riportano utili o prospettive deludenti con cali insolitamente duri dei prezzi delle azioni, a dimostrazione dell’atteggiamento più duro che emerge nel contesto di tassi di interesse elevati.

Durante l’attuale stagione dei risultati del terzo trimestre, i titoli delle società S&P 500 i cui utili per azione sono stati inferiori alle aspettative degli analisti, sono diminuiti in media del 5,5% nei giorni successivi ai risultati, secondo i dati di FactSet. La media quinquennale è del 2,3%.

Gli utili societari su entrambe le sponde dell’Atlantico hanno finora sostanzialmente tenuto il passo con le aspettative, ma gli analisti affermano che i mercati stanno diventando più perspicaci su quali azioni potrebbero essere vulnerabili all’aumento dei costi di finanziamento e al rischio di rallentamento della crescita.

“La sensibilità degli investitori è aumentata”, ha affermato Mike Zigmont, responsabile del trading e della ricerca presso Harvest Volatility Management. “La narrativa generale per il [earnings] La stagione è piuttosto neutrale, ma i vincitori e i vinti sono a chilometri di distanza”.

Il nervosismo arriva in un contesto di forte calo dei prezzi dei titoli di Stato globali e sottolinea “l’estremo pregiudizio degli investitori verso tutto ciò che è sensibile” ai conseguenti costi di finanziamento più elevati, ha affermato Charlie McElligott, analista di Nomura.

Le aziende più grandi non sono state risparmiate. Mercoledì, Alphabet ha perso oltre il 9%, il giorno peggiore da marzo 2020, dopo il rallentamento della crescita nella divisione cloud computing di Google.

Alcuni gruppi europei che non hanno rispettato le stime hanno subito cali ancora più marcati. Le azioni del gruppo di pagamenti francese Worldline questa settimana sono crollate del 60% dopo aver declassato le sue prospettive. La CAB Payments del Regno Unito è crollata del 72%, appena tre mesi dopo la sua quotazione, dopo aver tagliato le previsioni sulle entrate.

David Souccar, portfolio manager di Vontobel, afferma che le aziende che non riescono a raggiungere i numeri “anche di poco vengono penalizzate eccessivamente”. Le preoccupazioni persistenti che l’economia americana potrebbe non attuare il cosiddetto atterraggio morbido – nonostante una serie di dati economici robusti – hanno contribuito al duro trattamento da parte degli investitori di risultati societari anche solo modestamente deludenti, ha affermato.

I gruppi di credito al consumo Equifax e TransUnion, entrambi “termometri della salute dei consumatori”, hanno registrato utili inferiori alle aspettative e di conseguenza sono stati puniti, ha aggiunto Souccar.

Alcuni attribuiscono i bruschi movimenti del prezzo delle azioni al recente balzo dei rendimenti del Tesoro, che ha inasprito le condizioni finanziarie più ampie per un importo di circa 0,75 punti percentuali di aumento dei tassi di interesse dalla riunione della Federal Reserve di fine settembre, secondo gli analisti di Morgan Stanley.

La stretta aggressiva delle banche centrali sta lentamente cominciando a pesare sulle società indebitate attraverso costi più elevati per il servizio del debito – una tendenza che ha spinto la Banca d’Inghilterra ad avvertire in agosto di un’imminente ondata di default aziendali. Secondo S&P Global Ratings, il totale dei default aziendali globali è pari a 118 finora quest’anno, quasi il doppio del totale del 2022 e ben al di sopra della media quinquennale di 101.

“Con tassi di interesse più alti il ​​mercato è diventato più sensibile alle mancate opportunità rispetto a un contesto di tassi di interesse più bassi”, ha affermato Sharon Bell, stratega azionaria europea presso Goldman Sachs.

Manish Kabra, responsabile della strategia azionaria statunitense presso Société Générale, ha affermato che le aziende che non rispettano le aspettative sugli utili tendono ad essere punite più duramente se segnalano quando il mercato azionario generale è in calo.

“Le aziende che non riescono a farlo si ritrovano punite molto pesantemente con un calo del prezzo delle azioni in media del 5,8% nei prossimi due giorni e un calo medio rispetto al mercato statunitense più ampio del 4,4%”, ha detto Kabra.

Alcuni investitori avvertono ora che le stime degli analisti sulla bassa crescita degli utili a due cifre per il 2024 sembrano estremamente ottimistiche.

“Se il prodotto interno lordo nominale [for next year] è del 5%, e i margini sono a livelli storici, ciò significa che una crescita del reddito operativo del 5% è più realistica”, ha affermato Jim Tierney, responsabile degli investimenti per la crescita concentrata degli Stati Uniti presso AllianceBernstein. “Gli investitori dovrebbero stare attenti a quali aziende deluderanno”.

Ha aggiunto: “L’era del denaro gratuito, unita ai molteplici pagamenti di stimoli negli Stati Uniti, ha creato il nirvana per gli estensori del credito. Ora il pendolo ha oscillato dall’altra parte e ci saranno delle conseguenze”.