Gio. Giu 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

UBS sta cercando di raccogliere la sua prima obbligazione Tier 1 aggiuntiva da quando 17 miliardi di dollari di strumenti di debito rischiosi sono stati spazzati via quando ha rilevato il prestatore rivale Credit Suisse.

Mercoledì la banca svizzera ha lanciato un accordo per raccogliere nuove obbligazioni AT1 in dollari, suddivise tra debito che può essere rimborsato in cinque anni e 10 anni. Le obbligazioni AT1 hanno una scadenza perpetua e sono progettate per sopportare perdite in tempi di crisi.

La decisione delle autorità svizzere di svalutare 17 miliardi di dollari di obbligazioni AT1 del Credit Suisse a marzo, come condizione per il suo matrimonio riparatore con UBS, ha provocato polemiche e ha portato ad almeno 9 miliardi di dollari di azioni legali.

Anche se da allora diverse banche europee sono tornate sul mercato AT1, il mercato attendeva con impazienza il primo istituto di credito svizzero ad emettere nuove obbligazioni per vedere come avrebbero reagito gli investitori.

Gli investitori di Credit Suisse AT1 hanno avviato azioni legali contro la Finma, l’autorità di regolamentazione finanziaria svizzera, e il paese stesso per la controversa decisione di cancellare il debito.

La mossa ha scosso la tradizionale gerarchia dei creditori bancari e minato la fiducia negli AT1, introdotti dopo la crisi finanziaria quando le autorità di regolamentazione cercavano di allontanare il rischio dai depositanti e imponevano maggiori requisiti patrimoniali alle banche in caso di fallimento.

UBS, che martedì ha registrato la sua prima perdita trimestrale in sei anni poiché gravata dai costi legati all’acquisizione del suo ex rivale, è sotto pressione per emettere miliardi di nuovi AT1 nei prossimi anni per rendere il suo capitale più efficiente.

I dirigenti di UBS hanno iniziato a sondare gli investitori sull’emissione di nuovi AT1 a settembre, dopo la pubblicazione dei risultati di metà anno della banca, secondo quanto riportato in precedenza dal MagicTech.

Filippo Alloatti, responsabile del credito finanziario presso Federated Hermes, ha stimato che UBS avesse un deficit di AT1 di circa 11 miliardi di dollari.

L’istituto di credito ha recentemente richiamato un AT1 di Singapore da 700 milioni di dollari (516 milioni di dollari) e ha un’obbligazione da 2,5 miliardi di dollari che sarà richiamabile alla fine di gennaio.

Gli AT1 non hanno una data di scadenza ma in genere possono essere richiamati ogni cinque anni dall’emittente. Le banche solitamente richiamano gli AT1 quando possono e riemettono titoli sostitutivi.

UBS commercializza la tranche quinquennale con un rendimento di circa il 10% e quella decennale con un rendimento di circa il 10,125%.

A differenza dei precedenti AT1 di UBS e delle obbligazioni del Credit Suisse che sono stati cancellati, i nuovi AT1 potranno essere convertiti in azioni anziché essere cancellati in caso di difficoltà della banca. Ma questa condizione verrà attivata solo dopo che i termini saranno firmati durante l’Assemblea generale di UBS del prossimo anno.

La banca ha dichiarato: “Forniremo ulteriori informazioni quando l’offerta sarà completa”.

S&P ha assegnato al nuovo UBS AT1 un rating BB, cinque livelli al di sotto del rating di credito A- della banca. “I termini e le condizioni delle emissioni AT1 di UBS Group AG insieme al quadro legislativo danno all’autorità svizzera la capacità di determinare se si è verificato un evento di vitalità, anche se la soglia del coefficiente patrimoniale non è stata superata”, ha affermato l’agenzia di rating.

Dopo che i detentori di AT1 del Credit Suisse sono rimasti in perdita, la Banca Centrale Europea e la Banca d’Inghilterra si sono affrettate ad annunciare che non avrebbero spazzato via le obbligazioni della banca come ha fatto la Finma.

Di conseguenza, le banche dell’Eurozona come BNP Paribas, BBVA e Bank of Cyprus hanno trovato facile trovare acquirenti quando sono rientrate nel mercato AT1 durante l’estate.

Martedì, l’istituto di credito francese Société Générale ha emesso un AT1 denominato in dollari che avrebbe dovuto ammontare ad almeno 500 milioni di dollari.