Ven. Mag 24th, 2024
Un gruppo imprenditoriale cinese attacca il raid anti-sovvenzioni dell’UE

La Federal Trade Commission statunitense ha votato per vietare gli accordi di non concorrenza nell’economia statunitense.

Martedì la FTC ha votato 3-2 per attuare la misura di vasta portata inizialmente proposta nel gennaio 2023, nel tentativo di evitare la contrazione salariale e proteggere l’innovazione.

I contratti di non concorrenza sono diventati pervasivi in ​​tutti i settori, dicono gli esperti, in un contesto di supervisione limitata e di un declino della sindacalizzazione. Secondo l’autorità di regolamentazione, circa 30 milioni di lavoratori sono soggetti a clausole di non concorrenza.

Martedì, la presidente della FTC Lina Khan ha affermato che tali accordi costituiscono “metodi di concorrenza sleali”, aggiungendo che l’agenzia ha ricevuto più di 26.000 commenti pubblici. Il divieto di concorrenza incide sulle libertà personali dei lavoratori e “sta minando direttamente la concorrenza nei mercati dei prodotti e dei servizi”, ha aggiunto.

La sentenza ha infiammato i gruppi industriali, che hanno affermato che è troppo drastica e aumenterà i costi aziendali mettendo a repentaglio i segreti commerciali.

Andrew Ferguson, uno dei due commissari repubblicani della FTC che hanno votato contro la norma, ha affermato che era “illegale” poiché l’agenzia non aveva l’autorità concessa dal Congresso.