Gio. Mag 23rd, 2024
UBS «seriamente preoccupata» dalle proposte di capitale svizzero, afferma il presidente Colm Kelleher

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il presidente di UBS Colm Kelleher ha affermato che la banca è “seriamente preoccupata” per la proposta di nuove regole finanziarie svizzere che aumenterebbero significativamente i suoi requisiti patrimoniali.

Intervenendo mercoledì all'assemblea generale annuale dell'istituto di credito a Basilea, Kelleher ha sostenuto che detenere capitale aggiuntivo metterebbe le banche svizzere in una posizione di svantaggio rispetto ai concorrenti statunitensi e asiatici.

“Vorrei essere chiaro: siamo seriamente preoccupati per alcune delle discussioni relative ai requisiti patrimoniali aggiuntivi”, ha affermato Kelleher. “Il capitale aggiuntivo è il rimedio sbagliato.”

Le regole bancarie svizzere sono diventate oggetto di grande attenzione dopo il crollo del Credit Suisse lo scorso marzo e il suo salvataggio da parte di UBS.

Il governo ha proposto una serie di misure per rafforzare il proprio sistema bancario, compreso il conferimento di maggiori poteri al regolatore finanziario Finma, ma è la proposta di aumentare i requisiti patrimoniali che ha causato più angoscia tra i maggiori istituti di credito.

Durante il suo intervento all'assemblea generale della banca, l'amministratore delegato di UBS Sergio Ermotti ha affermato di essere d'accordo con il punto di vista di Kelleher sul fabbisogno di capitale e ha affermato che è “fonte di grande preoccupazione” il fatto che la banca sia stata percepita come dotata di una “garanzia statale implicita” dopo aver rilevato la banca. Credito Suisse.

Le azioni UBS sono scese del 12% da quando il Consiglio federale svizzero ha pubblicato questo mese il suo rapporto sui fallimenti del Credit Suisse e le proposte su come migliorare il sistema.

Il pacchetto di proposte contenuto nel Rapporto sulla stabilità bancaria, che dovrebbe essere convertito in legge l'anno prossimo, comprende una raccomandazione affinché le banche con filiali internazionali detengano capitale aggiuntivo.

Sebbene il rapporto non fosse esplicito su come sarebbero stati calcolati i requisiti patrimoniali, gli analisti hanno previsto che un cambiamento nelle regole potrebbe portare a un valore compreso tra 15 e 25 miliardi di dollari di capitale aggiuntivo per UBS.

La settimana scorsa, il ministro delle finanze svizzero Karin Keller-Sutter ha affermato che le stime degli analisti erano “plausibili”.

Kelleher ha affermato che il capitale effettivo in grado di assorbire le perdite nel settore bancario è aumentato di circa 20 volte dalla crisi finanziaria globale e che UBS deteneva più di 200 miliardi di dollari.

Secondo lui il settore finanziario è “un motore fondamentale della crescita e della prosperità in Svizzera”.

“Tuttavia, per mantenere questo vantaggio competitivo, è imperativo che le nostre politiche normative garantiscano condizioni di parità”, ha affermato. «La regolamentazione svizzera deve rimanere sostanzialmente allineata agli standard globali.»

Ha aggiunto: “Mentre gli Stati Uniti e l’Asia attraggono capitali attraverso una regolamentazione efficace, la mancanza di mercati di capitali profondi in Europa pone sfide sia per l’economia che per le banche”.

Ulteriori requisiti patrimoniali sono diventati una preoccupazione per le banche di tutto il mondo poiché l’iterazione finale delle regole di Basilea post-crisi finanziaria dovrebbe essere implementata nel prossimo anno.

Le banche statunitensi avrebbero dovuto essere le più colpite, ma un feroce sforzo di lobbying contro le misure di Basilea III o Endgame ha portato a requisiti meno onerosi.