Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Tata Steel prevede di sostituire gli ultimi due altiforni della più grande acciaieria britannica a Port Talbot con forni elettrici ad arco che fondono i rottami per produrre acciaio. La perdita di circa 2.800 posti di lavoro rappresenta un duro colpo per la comunità del Galles meridionale. Ma questo rappresenta anche un punto di svolta nella storia industriale del Regno Unito. Con British Steel pronta a fare lo stesso nel suo stabilimento di Scunthorpe il prossimo anno, quello che una volta era il più grande produttore di acciaio al mondo diventerà la prima grande economia senza capacità di produrre acciaio da zero.

Molti altri paesi stanno lottando per rendere le catene di approvvigionamento industriali più resilienti di fronte all’aumento dei rischi globali. La Casa Bianca è diffidente anche nei confronti della giapponese Nippon Steel, alleata degli Stati Uniti, che rileva il terzo produttore di acciaio americano, US Steel. Quindi un giorno il piano del Regno Unito sembrerà insensato?

Per gli obiettivi net zero del Regno Unito e per le finanze di Tata, la mossa ha una logica. Tata Steel UK ha perso quasi 1,5 milioni di sterline al giorno nell’ultimo trimestre. I forni elettrici ad arco richiedono meno manodopera, sono più economici da gestire e consumano meno carbonio. Port Talbot è il più grande emettitore di anidride carbonica del Regno Unito; il rinnovamento ridurrà le emissioni totali del Regno Unito dell’1,5%.

Il governo sta contribuendo con 500 milioni di sterline all’investimento di 1,25 miliardi di sterline. Sovvenzionare un’industria in fallimento solo per conservare posti di lavoro e capacità non sarebbe giustificato. In questo caso, gli investimenti pubblici dovrebbero essere visti come una parte necessaria della transizione verde della Gran Bretagna. L’obiettivo è creare un’attività redditizia e salvaguardare una fonte di approvvigionamento nel Regno Unito per clienti che vanno dalla produzione automobilistica all’edilizia, evitando che dipendano da paesi stranieri che potrebbero non essere sempre alleati. È un modo per ridurre le emissioni di gas serra del Regno Unito in modo responsabile, anziché “esternalizzarle” verso paesi terzi.

Che dire delle implicazioni per la sicurezza nazionale derivanti dal non essere più in grado di produrre acciaio “vergine”? Port Talbot non è un produttore di difesa, e i sostenitori del piano di Tata sostengono che rende l’industria britannica nel complesso più resiliente. Gli altiforni utilizzano minerale di ferro e carbone, che il Regno Unito deve importare. Gli impianti ad arco elettrico utilizzano rottami di acciaio, di cui la Gran Bretagna ha un surplus.

Alcuni esperti sono scettici sul fatto che gli EAF di Port Talbot saranno in grado di eguagliare la produzione di acciaio dell’impianto oggi – e affermano che in una crisi geopolitica o in una riduzione dell’offerta la loro produzione non potrebbe essere aumentata come possono fare gli altiforni (sebbene ciò abbia bisogno di minerale importato). Suggeriscono inoltre che il nuovo impianto avrà difficoltà a produrre le qualità di acciaio più esigenti solo dai rottami, senza aggiungere ferro puro importato o acciaio vergine.

Una soluzione più efficace avrebbe potuto essere quella di costruire un impianto di “ferro a riduzione diretta” a Port Talbot, una tecnologia verde che utilizza gas naturale o idrogeno per produrre ferro dal minerale ampiamente adottata in Germania e Scandinavia. I sindacati hanno spinto per mantenere aperta questa opzione, ma il costo è stato più alto di 638 milioni di sterline.

Garantire che Tata e British Steel possano procurarsi i rottami di alta qualità di cui hanno bisogno richiederà sicuramente un grande sforzo per raccogliere e separare i rottami metallici in modo più efficace. Ciò che risulta chiaro dal dibattito sul futuro di Port Talbot, inoltre, è che tali decisioni devono comportare la valutazione di fattori complessi, talvolta concorrenti, tra cui gli obiettivi climatici, la sicurezza e la strategia industriale. Ciò richiede una visione coerente delle priorità e un coordinamento intergovernativo, ambiti in cui il Regno Unito non ha recentemente eccelso.

Se il Regno Unito vuole massimizzare la propria resilienza, un progetto congiunto DRI merita di essere esaminato, soprattutto se la Gran Bretagna può sviluppare idrogeno “verde” per fornirlo. TV Narendran, amministratore delegato di Tata Steel, ha detto la settimana scorsa di non escludere un impianto del genere, se le condizioni fossero giuste. Nei paesi dell’UE, dove anche i produttori di acciaio stanno passando ai forni elettrici ad arco, spesso aiutati da sussidi statali, il DRI è spesso parte del quadro. Anche se traccia un percorso che, per ora, la metterebbe fuori gioco da sola, la Gran Bretagna dovrebbe tenere d’occhio ciò che stanno facendo i vicini.