Mar. Lug 16th, 2024
Adesso è un mercato dell'intelligenza artificiale

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. Martedì ho chiesto ai lettori se potevano citare esempi di società non finanziarie che si erano diversificate con successo nel settore finanziario. Un lettore ha difeso coraggiosamente il primato di GE Capital, nonostante la sua brutta fine. Altri hanno sostenuto le grandi operazioni di finanziamento vincolato delle case automobilistiche. Molti hanno notato che Starbucks accetta sostanzialmente miliardi di depositi sotto forma di pagamenti per carte regalo. Altri hanno guardato all’estero, alle grandi attività di pagamento create da Alibaba e Safaricom. La cosa più interessante: la Manhattan Company è stata fondata nel 1799 da Aaron Burr, apparentemente come azienda idrica con un'attività secondaria nel settore bancario. Nel 1808 abbandonò l'attività idrica, nel 1955 si fuse con la Chase National e ora fa parte di una piccola banca chiamata JPMorgan Chase. Scrivimi a: [email protected]

Come è cambiato il mercato

Preoccupa la gente il fatto che gran parte dei guadagni del mercato azionario statunitense provengano da un’unica società. Due anni fa Nvidia valeva 400 miliardi di dollari. Ora vale 3,3 trilioni di dollari ed è l’azienda con il maggior valore al mondo. Se dovesse succedere qualcosa al produttore di chip AI, cosa ne sarà del mercato azionario in generale? La preoccupazione è giustificata, ma la storia è complessa.

Faccio risalire l’inizio dell’attuale rally dell’S&P 500 alla fine di ottobre dello scorso anno, quando si è concluso un calo del 10% durato tre mesi. Da allora il mercato è cresciuto del 33%, aumentando di valore di circa 12 trilioni di dollari. Questi guadagni possono essere suddivisi nettamente in quattro segmenti. Nvidia è sola in un secchio. Il successivo contiene le favolose cinque aziende tecnologiche (Microsoft, Alphabet, Amazon, Apple e Meta – scusa Tesla, sei fuori). Poi c'è un gruppo di 10 aziende del settore dei semiconduttori che sono impazzite nella gloria riflessa di Nvidia e nella speranza di un boom generale degli investimenti digitali. L'ultimo segmento contiene le restanti 484 società presenti nell'indice. Questo grafico mostra il contributo del dollaro di ciascun segmento al guadagno di 12 trilioni di dollari dell’S&P nel corso del periodo:

Il fatto che una società di semiconduttori contribuisca per quasi il 20% ai guadagni di un indice per un lungo periodo è un po’ inquietante. Il fatto che un altro 10% dei guadagni provenga da aziende dello stesso settore non fa che peggiorare la situazione. Broadcom, Qualcomm, Micron, Applied Materials, Advanced Micro Devices, Lam Research, KLA, Texas Instruments, Analog Devices e NXP sono cresciuti in media dell'84% da ottobre (non è chiaro se trarranno effettivamente tutti beneficio dal boom dell'intelligenza artificiale) , Al meno non a me). Un altro 25% dei guadagni proviene dai “fab five” che, in misura maggiore o minore, sono cresciuti con la promessa della stessa tecnologia che ha dato impulso a Nvidia e alle aziende di semiconduttori. Circa il 56% dei guadagni del mercato sono quindi legati all’intelligenza artificiale. Cosa succederebbe se il mercato, collettivamente, decidesse che ci sono meno profitti nel business dell’intelligenza artificiale rispetto a quanto attualmente scontato?

La cosa rassicurante è che, eliminando tutte queste società, il resto del mercato si è comportato molto bene. Le altre 484 società dell'indice sono aumentate di valore del 20%. Anche loro stanno organizzando un grande raduno, ma non così grande come quando è incluso il mob dell'IA.

Ecco i 10 maggiori contributori al rally non-AI, insieme alle variazioni del prezzo delle loro azioni:

Grafico a barre del rendimento% del prezzo, 27/10/23-18/6/24 che mostra gli altri

Si tratta di un bel mix di aziende: intrattenimento, beni di prima necessità, servizi bancari, tecnologia, bricolage, pagamenti. Da ottobre le grandi aziende di alta qualità di vario genere hanno registrato risultati davvero positivi. In questo senso, si è trattato di un ampio rally.

Non è così semplice però, perché gli ultimi otto mesi contengono due periodi distinti.

L’ampio rally è continuato solo fino alla fine di marzo. Da allora il diradamento è stato significativo, come mostra questo grafico del peso di mercato dell’S&P 500 e degli indici di pari peso. L’indice di parità di peso è in calo nelle ultime 12 settimane:

Grafico a linee del rendimento del prezzo% che mostra la divergenza

Guardando indietro ai bucket societari, i 2mila miliardi di dollari di guadagni da marzo sono distribuiti in modo molto diverso:

Istogramma dei guadagni di valore nell'S&P 500, $tn, 28/3/24-18/6/24 che mostra Ciò sembra negativo

Tutti i guadagni del mercato – e altro ancora – provengono da aziende toccate dall’intelligenza artificiale. L’indice S&P 500 nel suo insieme è cresciuto di oltre il 4%. Il 484 non-AI è in calo del 2%.

Ecco le 10 società che hanno rappresentato il maggiore ostacolo per l'S&P nel periodo più recente, insieme ai rendimenti dei prezzi delle loro azioni:

Grafico a barre della percentuale di rendimento del prezzo, 28/3/24-18/6/24 che mostra dove si trova il problema

È interessante notare che Intel, una società di chip che il mercato ha deciso non sarà aiutata dall’intelligenza artificiale, è la peggiore trasgressore. Più precisamente, Intel e gli altri tre paesi con le peggiori performance – Disney, Accenture e Salesforce – sono rimasti tutti schiacciati dopo aver indicato obiettivi di utile deludenti quando hanno riportato gli utili del primo trimestre. In questo mercato, le aziende senza un’aureola di intelligenza artificiale non possono permettersi di deludere le aspettative.

E se si diffonde l’idea che l’intelligenza artificiale non sarà un grande business per tutti i soggetti coinvolti, questa manifestazione finirà male.

Una buona lettura

Sulle perdite della banca centrale.