Ven. Mag 24th, 2024
Apple si rivolge al personale di Google per creare un team di intelligenza artificiale

Apple ha portato via dozzine di esperti di intelligenza artificiale da Google e ha creato un laboratorio europeo segreto a Zurigo, mentre il colosso della tecnologia crea una squadra per combattere i rivali nello sviluppo di nuovi modelli e prodotti di intelligenza artificiale.

Secondo un’analisi del MagicTech su centinaia di profili LinkedIn, nonché annunci di lavoro pubblici e documenti di ricerca, l’azienda da 2,7 trilioni di dollari ha intrapreso una serie di assunzioni negli ultimi anni per espandere il suo team globale di intelligenza artificiale e apprendimento automatico.

Il produttore di iPhone ha preso di mira in particolare i lavoratori di Google, attirando almeno 36 specialisti dal suo rivale da quando ha portato via John Giannandrea come massimo dirigente dell’IA nel 2018.

Mentre la maggior parte del team AI di Apple lavora da uffici in California e Seattle, il gruppo tecnologico ha anche ampliato un significativo avamposto a Zurigo.

Il professor Luc Van Gool dell'università svizzera ETH di Zurigo ha affermato che le acquisizioni da parte di Apple di due start-up locali di intelligenza artificiale – il gruppo di realtà virtuale FaceShift e la società di riconoscimento di immagini Fashwell – hanno portato Apple a costruire un laboratorio di ricerca, noto come “Vision Lab”, in città.

I dipendenti con sede a Zurigo sono stati coinvolti nella ricerca di Apple sulla tecnologia alla base di prodotti come il chatbot ChatGPT di OpenAI. I loro articoli si sono concentrati su modelli di intelligenza artificiale sempre più avanzati che incorporano input testuali e visivi per produrre risposte alle domande.

L’azienda ha pubblicizzato posti di lavoro nel settore dell’intelligenza artificiale generativa in due sedi a Zurigo, una delle quali ha un profilo particolarmente basso. Un vicino ha detto al FT che non erano nemmeno a conoscenza dell'esistenza dell'ufficio. Apple non ha risposto alle richieste di commento.

Apple è stata tipicamente riservata riguardo ai suoi piani di intelligenza artificiale anche se i grandi rivali tecnologici Microsoft, Google e Amazon pubblicizzano investimenti multimiliardari nella tecnologia all’avanguardia.

Le sue azioni sono crollate dall’inizio dell’anno, mentre le azioni dei rivali sono aumentate vertiginosamente, aumentando la pressione sul colosso della tecnologia affinché annunci funzionalità di intelligenza artificiale rivoluzionarie che potrebbero aumentare le vendite di dispositivi.

Il grafico lineare dei prezzi delle azioni ribasato mostra che Apple è messa in ombra dall'approccio più impegnato dei rivali

Esperti del settore suggeriscono che Apple si sta concentrando sull’implementazione dell’intelligenza artificiale generativa sui suoi dispositivi mobili, una svolta che consentirebbe ai chatbot e alle app di intelligenza artificiale di funzionare sull’hardware e sul software del telefono anziché essere alimentati da servizi cloud nei data center.

L’amministratore delegato Tim Cook ha detto agli analisti che Apple “ha svolto ricerche su un’ampia gamma di tecnologie di intelligenza artificiale” e ha investito e innovato “responsabilmente” attorno alla nuova tecnologia.

Tuttavia, il gruppo tecnologico sviluppa prodotti IA da oltre un decennio, come il suo assistente vocale Siri. L’azienda è da tempo consapevole delle potenzialità di “reti neurali” – una forma di intelligenza artificiale ispirata al modo in cui i neuroni interagiscono nel cervello umano e una tecnologia alla base di prodotti innovativi come ChatGPT.

Chuck Wooters, un esperto di intelligenza artificiale conversazionale e modelli linguistici di grandi dimensioni che è entrato in Apple nel dicembre 2013 e ha lavorato su Siri per quasi due anni, ha dichiarato: “Durante il periodo in cui ero lì, una delle spinte che si stavano verificando nel gruppo Siri era passare a un'architettura neurale per il riconoscimento vocale. Anche allora, prima che prendessero piede i grandi modelli linguistici, erano grandi sostenitori delle reti neurali”.

Questo interesse sembra aver portato Apple a rivolgersi ai ricercatori che sono stati la forza trainante delle reti neurali che alimentano i modelli di intelligenza artificiale.

Nel 2016, Apple ha acquisito Perceptual Machines, una società fondata da Ruslan Salakhutdinov e due dei suoi studenti alla Carnegie Mellon University, che lavorava sul rilevamento generativo delle immagini basato sull'intelligenza artificiale.

“In quel periodo stavano dando la caccia ad alcuni ricercatori e cercando di costruire l'infrastruttura per addestrare questi modelli”, ha detto Salakhutdinov al FT.

Salakhutdinov è una figura chiave nella storia delle reti neurali e ha studiato all’Università di Toronto sotto il “padrino” della tecnologia, Geoffrey Hinton, che ha lasciato Google lo scorso anno citando preoccupazioni sui pericoli dell’intelligenza artificiale generativa. Salakhutdinov ha lavorato come direttore della ricerca sull'intelligenza artificiale presso Apple fino al 2020, quando è tornato al mondo accademico alla Carnegie Mellon.

Il principale team di intelligenza artificiale di Apple è ora composto da ex figure chiave di Google, tra cui Giannandrea, che in precedenza ha supervisionato Google Brain, il laboratorio di intelligenza artificiale della società di ricerca che da allora è stato fuso con DeepMind.

Samy Bengio, direttore senior della ricerca sull'intelligenza artificiale e sul machine learning, è stato in passato uno dei migliori scienziati dell'intelligenza artificiale di Google. Ruoming Pang, che guida il team “Foundation Models” di Apple che lavora sugli LLM, in precedenza ha guidato la ricerca sul riconoscimento vocale dell'intelligenza artificiale di Google.

Una volta l’azienda ha anche assunto Ian Goodfellow, un altro pioniere del deep learning, ma è tornato a Google nel 2022, protestando contro la politica di ritorno al lavoro di Apple.

Sei ex dipendenti di Google assunti negli ultimi due anni sono stati elencati tra gli autori di un importante documento di ricerca pubblicato a marzo, in cui Apple ha rivelato di aver sviluppato una famiglia di modelli di intelligenza artificiale noti come “MM1” che utilizzano input testuali e visivi per generare risposte .

Apple ha anche acquistato circa due dozzine di start-up basate sull’intelligenza artificiale negli ultimi 10 anni, focalizzate sull’applicazione del ragionamento basato sull’intelligenza artificiale al riconoscimento di immagini e video, all’elaborazione dei dati, alle capacità di ricerca e alla cura dei contenuti musicali.

Di questi, i fondatori di Musicmetric, Emotient, Silk Labs, PullString, CamerAI, Fashwell, Spectral Edge, Inductiv Inc, Vilynx, AI Music e WaveOne lavorano tutti ancora in Apple, secondo i loro profili LinkedIn.

Salakhutdinov ha affermato che Apple si è concentrata nel fare “il più possibile sul dispositivo”, il che porterà alla necessità di chip più potenti con la cosiddetta memoria ad accesso casuale dinamico (DRAM) in grado di gestire la grande quantità di dati necessari per alimentare Modelli di intelligenza artificiale.

“La prossima grande novità saranno gli 'smartphone IA', e questi richiederanno molto più Drammatico”, ha affermato Sumit Sadana, vicepresidente esecutivo e chief business officer di Micron Technology, uno dei fornitori di chip di Apple.

Sadana ha aggiunto che il chip di memoria medio di uno smartphone oggi ha meno del minimo necessario per eseguire un LLM sul dispositivo.

Salakhutdinov ha affermato che un altro motivo della lentezza del lancio dell’intelligenza artificiale da parte di Apple è la tendenza dei modelli linguistici a fornire risposte errate o problematiche. “Penso che siano solo un po' più cauti perché non possono rilasciare qualcosa che non possono controllare completamente”, ha aggiunto.

L’incursione di Apple nelle funzionalità di intelligenza artificiale generativa può essere intravista per la prima volta alla Worldwide Developers Conference dell’azienda a giugno.

Erik Woodring, analista di Morgan Stanley, ha affermato che il prossimo iPhone “potrebbe diventare molto più di un assistente personale intelligente ad attivazione vocale, guidato da una Siri aggiornata che potrebbe ad esempio interagire con tutte le app del telefono tramite il controllo vocale”.

Ha aggiunto: “Ciò che cercheremo alla WWDC sono le anteprime di una o due funzionalità di intelligenza artificiale che possono cambiare le regole del gioco per il consumatore medio”.