Gio. Giu 20th, 2024

Saluti a tutti, sono Cissy da Hong Kong.

La settimana scorsa ho partecipato al Japan Mobility Show, dove BYD è diventato il primo produttore cinese di autovetture a partecipare all’esposizione automobilistica di punta del Giappone, tradizionalmente dominata dai marchi locali.

All’evento era presente anche Wang Chuanfu, il fondatore del produttore di veicoli elettrici. Ero seduto proprio dietro di lui durante la conferenza stampa della sua azienda, ma non ha detto una sola parola per tutto il tempo. Anche quando gli sussurravo domande, rideva senza rispondere.

Centinaia di persone, incluso il CEO di Toyota Koji Sato, si sono radunate attorno allo stand di BYD per assistere alla presentazione. Sato ha salutato Wang subito dopo la fine.

Era presente anche il presidente di Sony Honda Mobility, e dopo la conferenza stampa mi ha detto di essere rimasto sorpreso da quanto BYD fosse migliorata negli ultimi anni e di aver pensato che i produttori giapponesi di veicoli elettrici avrebbero dovuto lavorare duro per recuperare il ritardo. È stato un bel cambiamento rispetto al 2017, quando non era rimasto impressionato dalle offerte dell’azienda al salone dell’auto di Shanghai.

Anche due produttori giapponesi di ricambi per auto sono rimasti colpiti dal livello di automazione delle fabbriche BYD, e uno di loro ha affermato: “Non c’è da stupirsi che i loro costi siano così bassi!”

Non sono sicuro di quanto l’automazione abbia a che fare con il rapporto costo-efficacia di BYD, ma un fattore importante è il suo alto livello di cosiddetta integrazione verticale, il che significa che la maggior parte dei componenti sono realizzati internamente. Un fornitore mi ha detto che se BYD può realizzare internamente qualcosa di più economico, lo farà.

BYD ha portato i lavoratori cinesi a Tokyo per mantenere il suo stand espositivo e anche le maschere che indossavano sono state realizzate internamente.

Ruote calde

Il grafico a linee delle vendite per volume ('000) mostra che BYD è arrivato da dietro nella corsa automobilistica globale

Man mano che guadagna slancio sia nei mercati nazionali che esteri, BYD potrebbe superare Nissan delle vendite complessive nel quarto trimestre di quest’anno, scrive Nikkei Shoya Okinaga, Sei Matsumoto E Miho Tankai.

Il più grande produttore cinese di veicoli elettrici ha venduto 824.001 veicoli passeggeri da luglio a settembre, mentre Nissan, la terza casa automobilistica giapponese, ha venduto 824.354 veicoli nello stesso periodo, con una differenza di sole 353 unità.

La competitività dei costi è uno dei vantaggi di BYD. L’azienda produce internamente componenti fondamentali come batterie e motori, il che non solo riduce i costi ma aumenta anche la velocità con cui può sviluppare nuovi modelli.

Nissan, nel frattempo, ha faticato ad adattarsi al cambiamento in Cina. Sebbene la casa automobilistica abbia lanciato i propri modelli elettrici nel paese, le sue vendite sono state compresse dalla concorrenza in un mercato pieno di start-up di veicoli elettrici. Sta anche perdendo quote di mercato cinesi per i veicoli con motore a combustione interna, cosa che un analista giapponese ha attribuito all’incapacità di soddisfare le esigenze dei clienti.

BYD sta anche cercando di affrontare le case automobilistiche giapponesi sul proprio territorio. La casa automobilistica cinese ha rilasciato due modelli di veicoli elettrici in Giappone e prevede di espandere la propria rete di concessionari nel paese fino a raggiungere 100 località.

Ritardo dell’affare

Le grandi fusioni dei gruppi tecnologici statunitensi si trovano ad affrontare un altro ostacolo: convincere le autorità cinesi a farlo salire a bordo.

I ritardi nell’approvazione a Pechino hanno costretto il produttore di chip statunitense Broadcom e la società di software cloud VMware a rinviare il completamento della loro fusione da 69 miliardi di dollari, che avrebbe dovuto concludersi il 30 ottobre, scrive il MagicTech. Tim Bradshaw, Arash Massoudi E Maxine Kelly a Londra, Cheng Lung E Qianer Liu a Hong Kong, e Ryan McMorrow a San Francisco.

Persone vicine alla situazione in Cina sostengono che gli attriti geopolitici tra Washington e Pechino influiscono sull’approvazione dell’accordo.

Le autorità di regolamentazione antitrust cinesi si sono autorizzate a vigilare su quasi tutti gli accordi globali fissando un livello molto basso – un fatturato annuo cinese di 55 milioni di dollari – per le combinazioni che devono passare attraverso il processo di approvazione.

Per i gruppi americani, il processo di revisione include ora il feedback del ministero degli Esteri cinese e del Consiglio di Stato, che si aggiungono ai calcoli politici che pesano sulle approvazioni.

Broadcom e VMware il 30 ottobre hanno affermato in una dichiarazione congiunta di mantenere la loro “aspettativa che l’acquisizione di VMware da parte di Broadcom si concluda presto, ma in ogni caso prima della scadenza del loro accordo di fusione”, che fissava come scadenza finale il 26 novembre.

Vai con la piega

Alcuni dei principali produttori cinesi di smartphone scommettono che l’espansione nel sud-est asiatico aprirà la strada a una ripresa delle vendite il prossimo anno, mentre il ritorno di Huawei riscalda la concorrenza nel loro mercato interno, scrive Nikkei Asia Cheng Ting-Fang.

Oppo ha tenuto il lancio globale di due smartphone pieghevoli premium a Singapore il mese scorso, la prima volta in 10 anni ha scelto la città-stato come sede per un evento del genere. Oppo è da tempo il terzo produttore di smartphone a Singapore e uno dei principali produttori di smartphone in Indonesia, Tailandia, Malesia e Vietnam.

Anche il rivale più piccolo di Oppo, Tecno, che si è concentrato a lungo su modelli entry-level per l’Africa, ha iniziato a farsi strada nel sud-est asiatico rilasciando il suo ultimo smartphone pieghevole a Singapore e mira ad aumentare la sua presenza in tutta la regione.

“Perché stanno scommettendo molto sul mercato Asean? L’economia nel mercato europeo è tiepida a causa della prolungata guerra in Ucraina. In Medio Oriente sta emergendo una nuova battaglia geopolitica. In Cina, il mercato è troppo affollato per il ritorno di Huawei. Inoltre, non hanno molte opportunità in Nord America”, ha affermato Will Wong, analista di IDC, specialista in ricerche di mercato.

La corsa alle regole

In seguito alle precedenti mosse sia della Cina che dell’Unione Europea, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un accordo ordine esecutivo molto atteso lunedì sull’intelligenza artificiale, imponendo alle aziende di condividere con il governo federale i rapporti sui test di sicurezza dei loro modelli di intelligenza artificiale, scrive Nikkei Asia Yifan Yu.

Le aziende che addestrano qualsiasi sistema di intelligenza artificiale che “presenta un grave rischio per la sicurezza nazionale, la sicurezza economica nazionale o la salute e l’incolumità pubblica nazionale” saranno tenute a informare il governo federale durante l’addestramento dei modelli e quindi a condividere i risultati dei test di sicurezza e altre informazioni critiche con le autorità di regolamentazione. prima del rilascio dei modelli al pubblico.

Il Dipartimento del Commercio svolgerà un ruolo chiave nell’attuazione dell’ordine esecutivo. Sebbene gli Stati Uniti siano rimasti indietro quando si tratta di governare la tecnologia in rapido sviluppo, Biden ha definito l’ordine esecutivo “l’azione più significativa che un governo in qualsiasi parte del mondo abbia mai intrapreso sulla sicurezza, la protezione e la fiducia dell’IA”.

Quest’anno il Parlamento europeo ha approvato l’EU AI Act, che deve ottenere il voto finale dei paesi membri prima di diventare legge. La Cina ha iniziato ad attuare una serie di misure sulla regolamentazione dell’IA, mentre il paese è anche pronto a introdurre una legge sull’IA.

Letture consigliate

  1. I capi dello spionaggio Five Eyes avvertono la Silicon Valley della minaccia cinese (FT)

  2. Suzuki produrrà veicoli elettrici in India e punta a esportarli in Giappone nel 2025 (Nikkei Asia)

  3. Gli Stati Uniti inaspriscono le regole sulle vendite di chip AI alla Cina in un duro colpo per Nvidia (FT)

  4. Baidu sostiene che la tecnologia AI di Ernie aggiornata sia altrettanto efficace di ChatGPT (Nikkei Asia)

  5. Tokyo Electron prende di mira il leader dell’incisione NAND Lam Research (Nikkei Asia)

  6. Le ambizioni di Bain Capital di creare il campione di chip USA-Giappone sono in pericolo (FT)

  7. Nvidia e il produttore di iPhone Foxconn si uniscono per costruire “fabbriche di intelligenza artificiale” (FT)

  8. Presunto spyware vietnamita contro funzionari stranieri “inaccettabile”: UE (Nikkei Asia)

  9. Il metaverso asiatico è ancora fiorente, dalle città digitali ai giochi (Nikkei Asia)

  10. Perché il Giappone dovrebbe vendere Nintendo (FT)