Dom. Lug 21st, 2024

All’inizio del millennio, l’economia di Phoenix era dominata dal settore turistico e immobiliare, che sono il naturale sottoprodotto del sole tutto l’anno.

La più grande università della regione rifletteva tale influenza. L’Arizona State si era guadagnata la reputazione di “scuola di festa” in cui gli studenti prestavano più attenzione alla loro abbronzatura e a una squadra di football di alto livello rispetto agli accademici.

Il campus soleggiato nel sobborgo di Tempe a Phoenix non ha perso del tutto la sua immagine di luogo di divertimento all’aria aperta. Ma all’interno degli edifici modernisti dell’ASU è avvenuta una trasformazione.

Oggi è una capsula Petri per la microelettronica, un alveare di ricerca e sviluppo per l’industria dei semiconduttori, e si afferma anche come il principale nastro trasportatore di ingegneri d’America. Tutto ciò ha gettato le basi per la “Valle del Sole” come cuore pulsante del boom della produzione di chip del paese.

“Eravamo un’università del 20° secolo e dovevamo essere un’università del 21° secolo, gettando le basi per l’economia del 22° secolo”, afferma Michael Crow, il presidente dell’ASU a cui è ampiamente riconosciuto il merito della trasformazione dell’università.

Michael Crow, presidente dell'Arizona State University
Michele Corvo

“Il mondo che stiamo costruendo non è il mondo da cui stiamo uscendo. I microchip saranno ora l’equivalente approssimativo dell’elettricità – o dell’acqua”.

L’università è diventata uno dei motori più importanti per una città che alcuni hanno descritto come la nuova capitale americana dei semiconduttori. Il cambiamento è avvenuto nel mezzo di una corsa a Washington per ricostruire la capacità nazionale di produrre semiconduttori, offrendo miliardi di dollari di incentivi alle aziende per costruire impianti di fabbricazione (“fab”).

La scuola di ingegneria dell’ASU vanta ora 24.000 studenti nel campus – più di qualsiasi altra università indipendente nel paese – e ha in programma di espandere quel numero a 30.000 entro i prossimi tre anni. Altri 8.000 studi via Internet dopo aver introdotto i primi diplomi online completamente accreditati in America in ingegneria elettrica, software e meccanica.

Istogramma delle iscrizioni, Ira A Fulton Schools of Engineering (migliaia) che mostra che l'ASU è diventata il più grande fornitore americano di ingegneri

Anche se il clima secco e l’isolamento dai disastri naturali hanno aiutato Phoenix a entrare a far parte del business dei semiconduttori decenni fa – a cominciare da Motorola nell’immediato dopoguerra – i leader governativi danno all’università il merito di aver contribuito a lanciare una rinascita dei chip nella regione.

“Direi che la nostra arma segreta in tutto questo è stata l’Arizona State University”, afferma Kate Gallego, sindaco di Phoenix. “Ci hanno aiutato ad attrarre investimenti esteri perché possono fornire i migliori laureati per inserire personale in queste aziende”.

Il capitale è affluito. Più di 70 miliardi di dollari di investimenti sono stati annunciati nella contea di Maricopa – in cui si trova Phoenix – dal 2020, secondo i dati di fDi Markets. Detto in altro modo: dei 242 miliardi di dollari investiti nella produzione di chip americana negli ultimi due decenni, più di un quarto è confluito nella contea di Maricopa solo negli ultimi quattro anni.

Due anni fa, con l’aiuto di ASU e Crow, Phoenix ha vinto il suo premio più grande: TSMC, il più grande produttore mondiale di semiconduttori di fascia alta. L’azienda taiwanese ha annunciato un investimento di 12 miliardi di dollari per costruire una fabbrica nel nord della città nel 2020. Lo scorso dicembre, la società ha aumentato il suo impegno a 40 miliardi di dollari.

Il ruolo dell’ASU nella rivitalizzazione riflette una tendenza di sviluppo economico più ampia a livello nazionale. Nella battaglia globale per i finanziamenti all’alta tecnologia, le università di ricerca vengono ora schierate in prima linea, aiutando le città statunitensi ad attrarre i maggiori investimenti di capitale con la promessa di una forza lavoro qualificata che è diventata centrale per la capacità di espansione dei gruppi tecnologici.

“Quello che stiamo iniziando a vedere ora è la consapevolezza che le università di ricerca americane possono svolgere un ruolo molto più ampio in tutto il paese nello stimolare lo sviluppo economico a livello locale”, afferma Ross DeVol, presidente del think tank Heartland Forward.

A Pittsburgh, la Carnegie Mellon University ha contribuito a trasformare una città un tempo nota per la sua industria dell’acciaio arrugginita in un hub di robotica e intelligenza artificiale. Cleveland è stata rinvigorita, in parte, dalla Case Western Reserve University.

In un certo senso, questi comuni stanno seguendo il modello stabilito mezzo secolo fa dall’Università di Stanford, dove la ricerca e l’innovazione erano determinanti per la creazione della Silicon Valley. Ma, a differenza della California degli anni ’70, il ruolo più importante ora svolto dall’ASU e da scuole di ingegneria simili è stato quello di creare una forza lavoro qualificata in uno dei mercati del lavoro più ristretti da generazioni.

Phoenix ha avuto il vantaggio dei suoi produttori di semiconduttori legacy per contribuire a sviluppare quando Crow ha preso il timone dell’ASU. Intel è presente nella regione da più di quattro decenni e ora si sta espandendo in modo significativo, investendo 20 miliardi di dollari in due nuovi stabilimenti a Chandler, nel sud-est di Phoenix.

Ma l’affermazione della regione come superpotenza produttrice di chip è stata consolidata da TSMC. Nel nord-ovest della città, le sue rigogliose piante stanno rapidamente crescendo su un appezzamento di terreno più grande del Central Park di New York City.

Le gru incombono sulle strutture scheletriche che ospiteranno alcune delle operazioni di semiconduttori più avanzate in qualsiasi parte del mondo. Solo pochi mesi fa, il terreno era poco più che una macchia.

Il ritmo di questo cambiamento – accelerato dai 52 miliardi di dollari di sussidi forniti dal Chips and Science Act approvato lo scorso anno – e le richieste che ha posto alla città, hanno portato con sé le proprie sfide.

TSMC ha attribuito alla carenza di manodopera la decisione di ritardare l’apertura del suo primo stabilimento dal prossimo anno al 2025. Sta paracadutando più di 500 lavoratori da Taiwan per colmare il divario, con grande sgomento dei sindacati locali. Anche gli scontri culturali hanno sollevato preoccupazioni a livello locale.

“Stiamo incontrando alcune sfide poiché non esiste una quantità sufficiente di lavoratori qualificati con le competenze specialistiche necessarie per l’installazione di apparecchiature in una struttura per semiconduttori”, ha detto agli investitori a luglio il presidente di TSMC Mark Liu.

Ciò ha aumentato la pressione sui leader della città affinché accelerino la trasformazione della forza lavoro locale.

“Se improvvisamente fai crescere molte aziende. . . il problema numero uno è il pool di talenti”, afferma Satheesh Kuppurao, vicepresidente per lo sviluppo e la crescita aziendale di Applied Materials, che fornisce tecnologia e attrezzature ai produttori di chip e che ha già visto i ricavi annuali quasi raddoppiare negli ultimi sei anni arrivando a 26 miliardi di dollari. .

“Per molto tempo la gente ha pensato: ‘Ehi, la produzione è sempre andata fuori dagli Stati Uniti. Perché questa è una buona carriera per me?’”, aggiunge. “Stiamo combattendo contro queste cose storiche. Dobbiamo invertire la tendenza per attirare un numero sufficiente di studenti nel settore”.

L’ASU sta collaborando con i produttori di chip adattando i programmi di studio, sviluppando nuove iniziative di ricerca ed espandendo ulteriormente il proprio dipartimento di ingegneria.

“C’è una forte, forte, forte spinta per la formazione avanzata e lo sviluppo della forza lavoro”, afferma Crow. “Tutto si sta muovendo rapidamente, ma penso che TSMC vorrebbe che si muovesse ancora più velocemente.”

TSMC ha rifiutato di essere intervistato, ma ha affermato in una dichiarazione di essere “fiducioso che la forza e la diversità della pipeline di talenti ingegneristici provenienti da college e università negli Stati Uniti ci fornirà reclute eccezionali”.

Nel campus, lo sforzo per accaparrarsi i talenti dei laureati è evidente. “La fiera del lavoro è come uno zoo”, afferma Gabriel Adams, uno studente di ingegneria elettrica di 24 anni presso l’ASU della vicina Gilbert. “Penso che il lavoro in generale sia al centro dei pensieri di molte persone.”

E non sono solo gli ingegneri che Phoenix produce in massa. Nelle università della città vengono offerti corsi per aiutare i lavoratori meno qualificati a trovare lavoro come tecnici dei semiconduttori.

“Sto osservando la nostra società cambiare – e le persone hanno bisogno di lavoratori istruiti più velocemente di quanto possano ottenere un’istruzione”, afferma Tammy Robinson, presidente del Mesa Community College. Insieme ad altre due università locali, Mesa ha introdotto un corso intensivo di due settimane per consentire ai lavoratori di riqualificarsi come tecnici dei semiconduttori.

Soprannominato Quick Start e sviluppato in collaborazione con Intel, il programma mira a sfornare dipendenti pronti per il settore dopo aver seguito un corso di formazione a fuoco rapido di 10 giorni.

“Questo è un modo per farli passare dalla porta principale e farli passare rapidamente”, afferma Robinson. “Nessuno di noi può più permettersi di essere passivo”.