Ven. Giu 14th, 2024

La battaglia durata 21 mesi di Microsoft per portare a termine il suo acquisto di successo della società di giochi Activision è stata una delle saghe recenti più tortuose del mondo delle fusioni e acquisizioni.

La lotta è servita come una straordinaria dimostrazione del potere di una macchina legale, politica e di influenza la cui gestione costa più di 1 miliardo di dollari all’anno e che ha reso Microsoft una delle aziende americane più efficaci nel praticare una nuova forma di società globale. diplomazia per promuovere i propri interessi.

Portare a termine l’accordo con Activision significava vanificare il tentativo del governo statunitense di bloccarlo in tribunale, persuadendo allo stesso tempo le autorità di regolamentazione del Regno Unito a consentire una rielaborazione in un’ultima ora di una transazione che avevano già deciso di rifiutare.

Ha comportato anche la conquista delle autorità di regolamentazione in molte altre giurisdizioni – inclusa Bruxelles, dove un tempo Microsoft era profondamente diffidata – in un momento in cui le acquisizioni da parte delle grandi aziende tecnologiche incontrano una significativa opposizione.

Il completamento dell’accordo contro ogni previsione segna il culmine di oltre due decenni di lavoro per rimodellare la reputazione di un’azienda che un tempo era vista come il principale prepotente del mondo tecnologico.

Sotto Brad Smith, che ne è diventato il massimo funzionario legale nel 2002 e ha assunto anche il titolo di presidente nel 2015, Microsoft ha lavorato a lungo per presentare un volto più conciliante alle autorità di regolamentazione.

Ha anche cercato di rendersi utile ai governi in cerca di aiuto su tutto, dalla politica tecnologica al supporto di emergenza contro gli attacchi informatici, nell’ambito di uno sforzo per creare fiducia e aumentare le probabilità di vincere un’udienza quando i suoi stessi interessi commerciali vengono messi in discussione.

Tuttavia, sebbene il completamento dell’accordo equivarrebbe a una vittoria notevole in un momento in cui le acquisizioni da parte delle grandi aziende tecnologiche sono scarse, potrebbe anche portare a un punto di svolta nelle relazioni di Microsoft con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo.

“Ha contribuito a ricordare a tutti che anche loro sono Big Tech”, afferma un ex dirigente delle politiche di Microsoft.

Smith ha assunto l’incarico di consigliere generale della società in un momento difficile, dopo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti era stato sul punto di vincere uno scioglimento ordinato dal tribunale. La sua ascesa ha portato un cambiamento completo nell’approccio. Mentre Microsoft in precedenza aveva combattuto aggressivamente le autorità di regolamentazione, Smith ha sostenuto la conciliazione e ha predicato la necessità di essere più trasparenti con le autorità di regolamentazione.

Ha anche spinto per cambiamenti nelle pratiche commerciali di Microsoft per scongiurare potenziali sfide antitrust prima che potessero prendere piede, secondo le persone che hanno lavorato con lui. L’anno scorso, di fronte a lamentele sulle pratiche di licenza cloud di Microsoft che minacciavano di innescare il controllo antitrust, il presidente di Microsoft si è scusato pubblicamente e ha annunciato modifiche che, secondo lui, avrebbero affrontato le denunce.

William Dally, capo scienziato e vicepresidente senior della ricerca presso NVIDIA Corporation, Brad Smith, vicepresidente e presidente di Microsoft Corporation, e Woodrow Hartzog, professore di diritto presso la Boston University School of Law assistono davanti a una sottocommissione sulla privacy della magistratura del Senato , Udienza di supervisione sulla tecnologia e la legge per esaminare la legislazione sull'intelligenza artificiale (AI), a Capitol Hill a Washington, DC
Dietro le quinte, Brad Smith, nella foto al centro a guardare davanti a una sottocommissione giudiziaria del Senato, ha promosso una campagna concertata di rafforzamento dell’influenza con i governi di tutto il mondo che anche alcuni dirigenti tecnologici rivali ammettono ha dato a Microsoft un vantaggio. © Caballero Reynolds/AFP/Getty Images

Questo tentativo di prevenire le critiche, tuttavia, non ha impedito che le proteste diventassero più forti, un’indicazione che le tattiche che hanno servito bene Microsoft negli ultimi due decenni potrebbero diventare meno efficaci man mano che cresce il suo potere in mercati come il cloud computing.

Anche alcune delle tattiche che hanno contribuito ad aumentare i suoi profitti per molti anni sono state messe in discussione. Questa settimana, ha rivelato di aver ricevuto una richiesta per quasi 29 miliardi di dollari di tasse arretrate negli Stati Uniti risalenti al 2004-2013, motivata dall’affermazione che i suoi profitti verso i paesi a bassa tassazione abbassano artificialmente le tasse.

In un altro segno delle crescenti pressioni sulla società, Smith, di solito un diplomatico consumato, si è concesso un raro sfogo in aprile dopo che le autorità di regolamentazione britanniche avevano detto che avrebbero bloccato l’accordo con Activision. La mossa è stata “negativa per la Gran Bretagna” e “il giorno più buio dei nostri quattro decenni” per Microsoft, ha detto alla BBC.

Eppure la società di software è riuscita comunque a convincere l’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati a riconsiderare la questione, elaborando un compromesso che ha portato l’agenzia ad approvare l’accordo consentendole anche di richiedere a Microsoft concessioni maggiori rispetto a quelle ottenute da altri regolatori.

Se da un lato la vittoria di Microsoft si è basata in gran parte su un intenso gioco legale e sui negoziati con le autorità di regolamentazione, dall’altro riflette anche gli sforzi compiuti negli anni per mettere l’azienda in una luce più favorevole. Dietro le quinte, Smith ha promosso una campagna concertata di rafforzamento dell’influenza con i governi di tutto il mondo che, anche alcuni dirigenti tecnologici rivali ammettono, ha dato a Microsoft un vantaggio.

La società di software ha accumulato “uno dei più grandi eserciti di diplomatici aziendali che abbiamo mai visto”, ha affermato Manas Chawla, un ricercatore che ha studiato la società. “Includono funzionari politici che lavorano su tutto, da come regolamentare l’intelligenza artificiale alla protezione delle elezioni e alla lotta alla guerra informatica contro gli stati sovrani”, ha affermato.

A dimostrazione degli sforzi compiuti da Microsoft rispetto ad altre aziende tecnologiche, nel 2020 Microsoft ha istituito un ufficio di rappresentanza presso le Nazioni Unite, occupando un piano di un edificio vicino alla sede dell’organizzazione a New York, dove hanno sede anche diversi paesi della NATO. missioni. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy è stato il primo capo di stato a fare una visita come parte di uno sforzo per incoraggiare l’azienda a investire nel suo paese, mentre Microsoft sperava di utilizzare il contatto per promuovere le proprie capacità di sicurezza informatica.

Gli sforzi delle Nazioni Unite fanno parte di un’operazione guidata da Smith la cui gestione costa più di 1 miliardo di dollari all’anno, secondo persone che hanno familiarità con la società. I gruppi all’interno di Microsoft che fanno capo a lui includono affari legali, aziendali e governativi, che rappresentano quelli che Microsoft descrive come circa 2.000 “professionisti”. La sua organizzazione comprende anche un’unità per i crimini digitali e team che lavorano per identificare attacchi informatici e campagne di disinformazione.

Il tentativo di Microsoft di rivendicare un livello morale superiore su questioni come la sicurezza informatica ha scontrato i rivali, che sostengono che l’azienda utilizza il suo lavoro con i governi per distogliere l’attenzione dal ruolo che le vulnerabilità del suo stesso software hanno avuto nel causare i problemi in primo luogo. All’inizio di quest’anno, ad esempio, la segretaria americana al commercio Gina Raimondo è stata uno dei tanti funzionari a cui la sua posta elettronica è stata compromessa dopo che un account di posta elettronica online con Microsoft è stato violato.

Secondo un altro ex dirigente di Microsoft, l’ampio lavoro di politica internazionale dell’azienda riflette la forte convinzione che lavorare per promuovere il multilateralismo e lo stato di diritto a livello globale porterà benefici a lungo termine all’azienda e ai suoi clienti.

Ma questa persona ha anche detto che queste attività servono anche gli interessi commerciali più immediati di Microsoft: “Una delle cose che abbiamo imparato dai casi di concorrenza: è molto meglio costruire relazioni, impegnarsi e far sì che le persone comprendano la tua attività prima che incontrerai problemi difficili.” . Quella lezione fondamentale è rimasta nell’azienda”.

Il tentativo di Smith di dare forma a importanti discussioni politiche sulla tecnologia lo ha portato a raggiungere posizioni ambiziose sulla scena globale, anche se non sempre hanno raggiunto gli obiettivi che sembravano prefissati. Sei anni fa, ha chiesto una “convenzione di Ginevra digitale” che prevedesse che gli stati nazionali rinunciassero agli attacchi informatici contro i civili in tempo di pace.

Secondo un ex membro dello staff, quel piano passò in secondo piano dopo che Microsoft si rese conto che, se la proposta non avesse ottenuto il sostegno della maggioranza dei 193 membri delle Nazioni Unite, avrebbe potuto essere rimodellata in modi che la società non aveva previsto. “Stai attento a ciò che desideri”, ha aggiunto questa persona. Un’altra persona che ha familiarità con la convenzione digitale di Ginevra ha affermato che Microsoft non ha rinunciato all’idea e che è rimasta un “colpo di luna” a lungo termine per l’azienda.

Secondo i sostenitori, la volontà di Smith di proporsi come ambasciatore non ufficiale dell’industria tecnologica ha dato i suoi frutti a Microsoft. “I regolatori non ti daranno il via libera, ma ti ascolteranno: si spera che tu possa avere una voce credibile con loro, e questo è ciò che è veramente importante”, ha detto un ex dirigente.

Mentre Microsoft finalmente mette il sigillo sulla sua più grande acquisizione di sempre, quella strategia sembra dare i suoi frutti.