Ven. Giu 14th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le autorità di regolamentazione devono trovare rapidamente un modo per gestire i rischi posti alla stabilità finanziaria dalla concentrazione del potere nelle piattaforme di intelligenza artificiale, ha esortato il presidente della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

Gary Gensler ha dichiarato al MagicTech che senza un intervento rapido sarebbe “quasi inevitabile” che l’intelligenza artificiale innescasse una crisi finanziaria entro un decennio.

Modellare la regolamentazione dell’intelligenza artificiale sarebbe una dura prova per i regolatori statunitensi, ha affermato il presidente della SEC, poiché i rischi potenziali riguardano tutti i mercati finanziari e derivano da modelli realizzati da società tecnologiche che siedono al di fuori del mandato dei cani da guardia di Wall Street.

“È francamente una sfida difficile”, ha detto Gensler. “È un problema di stabilità finanziaria difficile da affrontare perché la maggior parte della nostra regolamentazione riguarda singoli istituti, singole banche, singoli fondi del mercato monetario, singoli broker; è proprio nella natura di ciò che facciamo. E questo riguarda l’orizzontale [matter whereby] molte istituzioni potrebbero fare affidamento sullo stesso modello di base sottostante o sullo stesso aggregatore di dati sottostante”.

A luglio la SEC ha proposto una norma che affronta i potenziali conflitti di interesse nell’analisi predittiva dei dati, ma si è concentrata sui singoli modelli implementati da intermediari e consulenti di investimento.

Anche se le misure attuali venissero aggiornate, “ancora non si arriva a questa questione orizzontale. . . se tutti fanno affidamento su un modello base e il modello base non si trova presso il broker dealer, ma presso una delle grandi aziende tecnologiche”, ha detto Gensler. “E quanti fornitori di servizi cloud [which tend to offer AI as a service] abbiamo in questo paese?”

Ha aggiunto: “Ho sollevato la questione al Financial Stability Board. Ho sollevato la questione al Financial Stability Oversight Council. Penso che sia davvero una sfida trasversale alle normative”.

Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo sono alle prese con come monitorare l’intelligenza artificiale, poiché i gruppi tecnologici e i loro modelli non sono naturalmente catturati da specifici cani da guardia. L’UE si è mossa rapidamente, elaborando misure severe sull’uso dell’intelligenza artificiale in una legge innovativa che dovrebbe essere completamente approvata entro la fine dell’anno. Gli Stati Uniti, tuttavia, stanno rivedendo la tecnologia per determinare quali aspetti richiedono una nuova regolamentazione e quali sono soggetti alle leggi esistenti.

Wall Street ha già adottato l’intelligenza artificiale in diversi modi, dalla consulenza robotica ai processi di apertura dei conti e nelle app di intermediazione.

Ma Gensler teme che i partiti che basano le decisioni sullo stesso modello di dati possano portare a un comportamento da gregge che minerebbe la stabilità finanziaria e scatenerebbe la prossima crisi.

“Penso che in futuro avremo una crisi finanziaria. . .[and] nei resoconti successivi all’azione la gente dirà ‘Aha! C’era un aggregatore di dati o un modello. . . abbiamo fatto affidamento’. Forse è nel mercato dei mutui. Forse è in qualche settore del mercato azionario”, ha detto Gensler.

La potente “economia delle reti” dell’intelligenza artificiale la rende “quasi inevitabile”, ha aggiunto, prevedendo che una crisi potrebbe verificarsi già alla fine degli anni 2020 o all’inizio degli anni 2030.

I legislatori e i regolatori di Washington hanno intensificato il controllo sull’intelligenza artificiale, sollevando preoccupazioni sulla stabilità del mercato, sulla protezione dei dati e sull’antitrust. A luglio la Federal Trade Commission ha avviato una revisione del produttore di ChatGPT OpenAI, esaminando i danni ai consumatori e la sicurezza dei dati. Le agenzie antitrust hanno avvertito che la dipendenza strutturale dell’intelligenza artificiale dalla scala potrebbe portare a monopoli tecnologici.

Gensler, che ha affrontato la concentrazione nei mercati dei capitali per promuovere l’efficienza, ritiene che l’intelligenza artificiale potrebbe generare problemi di concorrenza in quell’area. “Ciò potrebbe portare a una maggiore concentrazione dei market maker?” Egli ha detto.

La SEC sta inoltre finalizzando una norma molto attesa, proposta nel marzo 2022, che impone alle aziende pubbliche di rendere pubbliche le proprie emissioni dirette e le emissioni derivate dall’energia che acquistano, note rispettivamente come ambito 1 e ambito 2. Secondo la proposta, le emissioni di ambito 3, una misurazione ampia che includa i prodotti che un’azienda acquista da terzi, dovrebbe essere rendicontata solo se ritenuti “materiali” o parte degli obiettivi climatici delle aziende.

Gensler ha rifiutato di commentare se le informazioni sull’ambito 3, accolte con favore dagli investitori ma criticate dalle multinazionali americane, saranno incluse nella versione finale della regola.

Tuttavia, ha affermato che avrebbe fatto “la cosa giusta da parte del pubblico americano adottando una norma che rientri nella legge e sia sostenuta dai tribunali”. [and] pensandolo in base ai commenti [the SEC has received]basato sull’economia, basato sul tentativo di dare una certa coerenza a ciò che già sta accadendo”.

Ha osservato che nel 2021, il 55% delle aziende del Russell 1000 ha già divulgato le emissioni di ambito uno e di ambito due.

La proposta sul clima ha fatto arrabbiare i legislatori e i procuratori generali repubblicani, due dozzine dei quali hanno minacciato di citare in giudizio la SEC sulla base del fatto che sta oltrepassando la sua autorità, un’affermazione che Gensler nega. L’attiva agenda normativa del presidente si trova ad affrontare altre sfide legali, tra cui una causa da parte di una coalizione di gruppi di private equity, venture capital e hedge fund che cercano di bloccare nuove misure radicali per i gestori di fondi privati.