Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Se ieri hai trascorso la giornata frenetica del Black Friday, acquistando regali festivi su Internet, quanto sei sicuro che Babbo Natale e i suoi corrieri con le renne consegneranno i pacchi in modo sicuro? Oppure qualche Grinch avrà rubato il set Lego e la bambola Barbie prima di varcare la porta di casa tua?

Il mondo post-Covid ha creato ogni sorta di fenomeni ibridi che collegano il regno digitale e quello fisico: lavoro, degustazione di vini, club del libro e ora, sembrerebbe, furto con scasso. I rapporti della scorsa settimana suggerivano che la cosiddetta pirateria dei portici nel Regno Unito fosse aumentata del 500% negli ultimi quattro anni.

La pirateria del portico è il termine dato per la circostanza deludente di ordinare qualcosa online solo per scoprire che qualche delinquente lo ha rubato dalla tua porta. Secondo le richieste di libertà di informazione inviate alle forze di polizia di tutto il Regno Unito, una famiglia su 10 ha denunciato la perdita di un pacco lo scorso anno. Le richieste sono state inviate da una società tecnologica chiamata Quadient, che fornisce armadietti per ritiro pacchi, quindi ha una parte in gioco. Ma si stima che ci siano state 16.421 segnalazioni di furto di pacchi nell’anno fino all’agosto 2023, rispetto alle 2.707 dello stesso periodo di quattro anni fa.

La Gran Bretagna sembra essere nella morsa di un’ondata di criminalità di quartiere, un equivalente del 21° secolo dei borseggi che un tempo devastavano le città vittoriane. “Oh si. È molto comune adesso”, dice il mio autista di Amazon quando lo interrogo sui furti a domicilio mentre consegna (l’ennesimo) pacco. “È pazzesco. Soprattutto nei condomini”. Amazon, ovviamente, possiede il campanello intelligente, Ring, che potrebbe essere un modello di business integrato verticalmente immensamente intelligente: offre consegne illimitate per £ 95 all’anno tramite Amazon Prime; quindi vendi un campanello da £ 49,99 che ti invierà avvisi quando qualcuno si avvicina alla tua porta di casa per rubare una di quelle consegne. Che ne dici dell’upselling?

In un sondaggio tra le società di consegna condotto dall’associazione benefica Citizens Advice, pubblicato la scorsa settimana, Amazon era al primo posto in termini di affidabilità, anche se con un punteggio piuttosto tiepido di 2,75 su 5. Morgan Wild, responsabile della politica dell’organizzazione benefica, ha affermato Ofcom, l’agenzia postale regolatore, deve prendere il problema più seriamente e multare i peggiori trasgressori. “Devono monitorare in modo proattivo le aziende e adottare misure coercitive contro coloro che persistentemente lasciano che i consumatori siano vittime di reati a domicilio”.

Questo boom della delinquenza a domicilio non è un problema specifico del Regno Unito. Otto stati degli Stati Uniti hanno recentemente approvato leggi che aumentano le sanzioni per il furto di pacchi da un reato minore a un crimine. Un sondaggio stima che nel 2021 in tutta l’America siano stati rubati 210 milioni di pacchi.

Ma pochi paesi hanno abbracciato lo shopping online con lo stesso entusiasmo del Regno Unito, con milioni di persone che hanno preso l’abitudine durante i blocchi pandemici. Pitney Bowes, un’azienda di tecnologia postale, stima che nel 2022 nel Regno Unito siano stati spediti 76 pacchi a persona, molto più di tutti i suoi vicini europei. Solo i cinesi riescono a battere questo record, con 78 pacchi a persona. Forse ci sono solo più scatole di cartone in giro per le porte della Gran Bretagna e quindi più tentazione per i ladri opportunisti, soprattutto perché molti luoghi di lavoro vietano al personale di utilizzare l’ufficio postale aziendale come discarica per i propri acquisti.

Kien Tan, consulente senior per il commercio al dettaglio presso PwC, non è però convinto che il numero di furti per consegna sia aumentato vertiginosamente. “Sì, il volume degli acquisti online è salito alle stelle, ma in generale la consegna è diventata meno un problema. Si ricevono molte meno storie di pacchi gettati oltre le recinzioni.”

I corrieri – e i rivenditori – stanno sicuramente facendo uno sforzo molto maggiore per garantire che i pacchi finiscano nelle mani giuste. Da qui l’umiliazione di molti conducenti che ti scattano foto in vestaglia mentre accetti intontito la consegna di un po’ di inchiostro per la stampante prima ancora di aver fatto colazione. Alcuni rivenditori stanno eliminando la possibilità di “lasciare in un luogo sicuro” per i pacchi di valore elevato o quando l’indirizzo si trova in un luogo caldo della criminalità.

Se la pirateria nei portici sia davvero esplosa, è vero che il taccheggio nel suo insieme è sostanzialmente aumentato, con i principali rivenditori che hanno recentemente chiesto aiuto al ministro degli Interni del Regno Unito. La crisi del costo della vita ha aumentato il mercato dei beni rubati. Ci sono più persone che sentono il colpo e sono disposte a comprare qualcosa “caduto dal retro del camion” al pub o ai mercatini delle auto.

Per fermare tali furti sarà probabilmente necessaria un’altra soluzione ibrida: il “clicca e ritira”, una tendenza del commercio al dettaglio che ha preso piede negli ultimi anni. Acquista online, poi recati alla tua filiale locale per ritirare il pacco. Curiosamente, secondo i dati PwC, sono i giovani tra i 18 e i 34 anni che abbracciano più facilmente gli inconvenienti di questo stile di acquisto “pick-n-mix”, in parte per evitare le spese di consegna, in parte perché è più probabile che vivano in un appartamento. blocco senza punto di consegna sicuro. E almeno è una garanzia che ti assicurerai di ricevere il tuo pacco prima che lo faccia qualcun altro.