Ven. Mar 1st, 2024

Presso Standard Chartered, una banca che impiega più di 80.000 persone in tutto il mondo, molti lavori appartengono ora a una delle due categorie.

Alcuni dipendenti lavorano in ruoli “alba”, come l’informatica o la gestione del cloud, per i quali si prevede che la domanda aumenterà nei prossimi cinque anni. Altri lavorano in lavori etichettati come “tramonto”, spesso quelli vulnerabili all’automazione, che sono destinati a diminuire.

La categorizzazione è la risposta della banca all’imminente e radicale sconvolgimento della forza lavoro.

Un quarto degli amministratori delegati globali ha avvertito in un rapporto della scorsa settimana che si aspettano che la dimensione della loro forza lavoro diminuirà di almeno il 5% quest’anno, con l’introduzione di strumenti di intelligenza artificiale generativa. Media e intrattenimento, banche, assicurazioni e logistica sono stati tra i settori che più probabilmente hanno previsto perdite di posti di lavoro.

Karin Kimbrough, capo economista della rete professionale LinkedIn, afferma che tali previsioni “spaventano le persone”, suscitando pensieri di panico del tipo: “Oh Dio, devo diventare un programmatore” o fare domanda per posti di lavoro nelle industrie verdi.

Ma il cambiamento, aggiunge Kimbrough, può essere un’opportunità: “Mentre i posti di lavoro perdono importanza, ne arrivano di nuovi”.

Alcuni datori di lavoro come Standard Chartered stanno scoprendo che è possibile trovare indizi sulle future esigenze della forza lavoro e prepararsi di conseguenza. La banca offre formazione al personale per aiutare coloro che svolgono lavori a rischio a prepararsi per i ruoli di alba. Oltre 32.000 hanno aderito all’offerta di corsi dall’analisi dei dati alla finanza sostenibile e alla leadership.

Le previsioni esatte su quali tipi di lavoro emergeranno e sull’aumento della domanda nel prossimo decennio sono notoriamente difficili. Ma gli strateghi stanno trovando segnali nell’economia di oggi. La crescita più rapida ora deriva da due fattori: tecnologia e sostenibilità, secondo il Forum economico mondiale.

Nel settore tecnologico, i nuovi sviluppi dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale generativa hanno già creato opportunità in settori quali l’ingegneria rapida e l’aumento della domanda di posti di lavoro nel campo dell’etica e della governance.

James Barrett, amministratore delegato del reclutatore Michael Page, afferma che la domanda di ruoli nell’intelligenza artificiale iniziata nelle grandi aziende tecnologiche e nelle start-up dedicate si è diffusa ampiamente. “L’importanza e l’adozione di ChatGPT nel mondo dei consumatori e degli affari ha svegliato il resto del mercato.”

L’offerta di lavoratori deve ancora recuperare. “Le competenze specifiche richieste sono molto difficili da ottenere[find]. . . data la tecnologia è così nuova”, afferma John Varkey, chief information officer di WM, il più grande gestore di rifiuti negli Stati Uniti, che utilizza l’intelligenza artificiale nel servizio clienti, nell’elaborazione del back-office e nel calcolo dei percorsi più produttivi per gli autisti.

Presso la società immobiliare e di magazzinaggio Prologis, la responsabile delle risorse umane Nathaalie Carey ha riscontrato che la domanda di lavoratori verdi “sta superando l’offerta, mentre le aziende affrontano i propri obiettivi di zero emissioni e transizioni verdi”. Sander Van’t Noordende, amministratore delegato dell’agenzia di reclutamento Randstad, afferma che un lavoratore su otto possiede almeno una competenza rilevante per la transizione verde, ma le offerte di lavoro che la richiedono sono cresciute del 20% nell’ultimo anno.

A volte le aree di crescita si sovrappongono. Il gruppo immobiliare globale JLL, ad esempio, sta utilizzando l’intelligenza artificiale per contribuire a ridurre il consumo di energia. Laura Adams, responsabile delle risorse umane, afferma che gli obiettivi di decarbonizzazione e la tecnologia stanno creando un “cambiamento di paradigma quando si tratta di assumere, trattenere e reclutare talenti”.

I cambiamenti demografici, e in particolare l’invecchiamento della popolazione, sono un altro motore per la crescita dell’occupazione, in settori più pratici come l’assistenza e la sanità, afferma Stijn Broecke, economista senior dell’OCSE. “Avremo quote molto elevate di popolazione in pensione. . . Sappiamo che ci sarà un aumento della domanda”.

Eppure gli scenari sono tutt’altro che certi.

“La maggior parte dei modelli utilizza dati storici”, afferma Jon Boys, economista del think tank CIPD. Gli shock economici sono per loro natura difficili da prevedere. Quando, ad esempio, il Dipartimento dell’Istruzione del Regno Unito ha prodotto un rapporto sulle competenze che sarebbero state necessarie tra 10 anni a partire dal 2017, non sorprende che non abbia incluso la pandemia globale nei suoi calcoli.

Dato che il settore pubblico è un enorme datore di lavoro, cambiamenti inaspettati nella politica e nel governo possono portare sorprese anche sul mercato del lavoro. L’annullamento di parte del progetto ferroviario HS2 del Regno Unito lo scorso anno ne è un esempio. “Come si può prevedere la dimensione della pubblica amministrazione?” dice Broecke.

Una miriade di fattori “sociali, economici e legali” condizionano il modo in cui la tecnologia viene adottata e quali ruoli saranno automatizzati, aggiunge Dan Lucy, direttore delle risorse umane del think tank Institute for Employment Studies. Anche se teoricamente tutti i cassieri potrebbero essere sostituiti da casse self-service, i rivenditori continuano, ad esempio, a fare appello al desiderio di assistenza personale dei clienti.

Questa imprevedibilità significa capacità “più generali” come “creatività, intelligenza emotiva. . . e la capacità di apprendere continuamente” sarà importante per la resilienza professionale, aggiunge.

Nick South, partner senior del Boston Consulting Group, è d’accordo. “I datori di lavoro cercano flessibilità nella crescita. Non sappiamo come sarà il ruolo tra cinque anni. La tua capacità di adattamento [is important].”

Invece del panico, l’enfasi sulle competenze e un atteggiamento flessibile dovrebbero essere rassicuranti, afferma Kimbrough di LinkedIn. “Le persone non devono preoccuparsi del [latest] lavoro del futuro tra 10 anni, ma è necessario comprendere la tecnologia per vedere dove sta andando”, afferma. “Comprendi che è iterativo e che devi rimanere rilevante.”