Gio. Mag 23rd, 2024
Come i missili sono diventati l'arma moderna preferita

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Quest’anno potrebbe essere l’anno del missile. Il mese scorso, l'Iran lanciato una salva di circa 150 di loro, molti abbattuti da missili americani e israeliani. Questo è stato seguito da un israeliano ritorsionee circa una settimana dopo, ancora un'altra raffica di missili in risposta da un gruppo militante con sede in Iraq (e probabilmente legato all’Iran). Anche quest'anno si è visto prolifici attacchi missilistici degli Houthi sul trasporto internazionale del Medio Oriente, su larga scala Campagna missilistica russa prendendo di mira le città e le infrastrutture energetiche ucraine e l'Ucraina ATACMS colpisce nel territorio occupato dai russi.

Perché i missili adesso? E cambieranno chi combatte e vince le guerre?

I missili, armi a propulsione con testate esplosive, affondano le loro radici nei razzi tedeschi della seconda guerra mondiale. Durante la guerra fredda, i missili balistici a lungo raggio dominavano la competizione nucleare, ma fu solo con l’avvento del microprocessore che i missili passarono al campo di battaglia convenzionale. La guerra dello Yom Kippur del 1973 annunciato una rivoluzione guidata dalla precisione poiché il calcolo ha migliorato la precisione, inaugurando nuovi missili balistici anticarro, antiaerei, da crociera e convenzionali. Queste armi da attacco di precisione a lungo raggio sono diventate un pilastro della politica estera degli Stati Uniti negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, parte di colpisci e terrorizza campagne, Guerre aeree nei Balcani E attacchi terroristici di decapitazione.

Nel corso del tempo, la tecnologia missilistica, una volta disponibile solo per i migliori eserciti, è diventata più economico e più accessibile. La loro vasta gamma di dimensioni e manovrabilità ha dato agli utenti la possibilità di personalizzare gli arsenali in base alle proprie esigenze. Potrebbero, ad esempio, scegliere tra missili più piccoli, più difficili da colpire, e varianti più grandi, meno manovrabili ma più letali. Data questa flessibilità, i missili potrebbero essere adattati all’offensiva e alla difesa, in grado di essere lanciati da terra, aria o mare. A differenza di molti dei loro cugini droni, i missili sono in gran parte automatizzati o autonomi dopo il lancio, richiedendo quindi un supporto logistico o un controllo remoto limitati. Soprattutto, i missili – al contrario delle bombe a gravità – consentono agli stati di lanciare attacchi da lunghe distanze, spesso senza il rischio di inviare una piattaforma con equipaggio nel territorio di un avversario.

Tutti questi caratteristiche – la loro disponibilità, flessibilità e capacità di mitigare il rischio – rendono i missili un’arma preferita nel combattimento moderno. Ma sono tanto efficaci quanto attraenti? Le prove sono contrastanti. Non c’è dubbio che i missili abbiano rivoluzionato la guerra operativa. I progressi nei missili anticarro, antiaerei e antinave hanno reso più difficile nascondersi per le piattaforme, rendendo la guerra sul campo di battaglia più pericolosa per molti aggressori. Nonostante questi vantaggi, ci sono prove limitate che i missili possano, da soli, avere un impatto strategico decisivo.

È stato a lungo allettante teoria della guerra che gli attacchi chirurgici contro centri di gravità strategici o popolazioni civili potrebbero erodere la volontà politica e convincere gli attori a esitare senza dover lanciare un’invasione. Ma ancora e ancora le campagne di attacco strategico hanno fallito. L'America non poteva respingere i vietcong con ondate di B-52. I suoi attacchi di precisione contro i talebani furono accompagnati da una guerra di terra ventennale, alla fine, senza successo. Più recentemente, le salve missilistiche iraniane hanno avuto un impatto minimo o nullo sulle operazioni israeliane a Gaza.

Anche il controllo dell'escalation lo è scaltro. I missili sono certamente un’opzione meno rischiosa rispetto agli aerei con equipaggio. Tuttavia, usarli per creare la giusta quantità di effetto per segnalare capacità e volontà senza innescare una guerra totale è un pericoloso gioco di percezioni (e percezioni errate). Paradossalmente, maggiore è l’effetto dei missili, maggiore è la probabilità che attraversino le linee rosse che inavvertitamente provocano una spirale verso un conflitto su vasta scala.

Forse il vero modo in cui i moderni scambi missilistici alterano gli equilibri di potere è il modo in cui essi consentire agli attori di limitare le guerre mentre si dissanguano a vicenda. I missili sostituiscono piattaforme costose e scarse, avvantaggiando gli stati senza sofisticati arsenali di cacciatorpediniere o jet stealth. Attacchi missilistici Houthi costare agli Stati Uniti decine di milioni di dollari da intercettare, e imporre una spesa ancora maggiore per l’economia globale. Anche la salva missilistica iraniana, in gran parte inefficace, probabilmente è costata a Israele, America e altri oltre 1 miliardo di dollari per difendersi.

I missili raramente possono vincere le guerre da soli, ma possono cambiare chi può iniziare le guerre e chi può sostenerle. In questo momento il vantaggio è che stati come l’Iran, la Russia e la Corea del Nord possono aumentare i costi per i difensori, rimanendo al di sotto di una soglia di guerra in cui sarebbero sopraffatti da eserciti più capaci. Ma dovrebbero essere cauti. Potrebbero inavvertitamente iniziare una guerra che non hanno l’arsenale per vincere.